LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera dei restauratori romani: ricorsi contro Zetema

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera:

Gentili amici di Patrimonio SOS,

siamo il gruppo di restauratori romani delle societ ARA snc, TECNICON srl, Carlo Usai, CBC coop, Consorzio ARKE, ERRE Consorzio, ROMA Consorzio, Consorzio CB Art, CRC di Paolo Pastorello, STUDIO Carla Tomasi, Sergio Salvati, Anna DeRiso, Antonio Forcellino, che ha presentato recentemente i ricorsi contro lacquisizione di Zetema da parte del Comune di Roma, ottenendo dal T.A.R. Lazio con la sentenza 7373/2006 lannullamento della delibera 663 del 03/11/05 per la parte che riguarda la possibilit, per Zetema, di svolgere attivit e lavori di restauro.

Questo tentativo di acquisizione stato lultimo passaggio di un percorso che iniziato con la nascita di Zetema nel 2000 in funzione dellaffidamento da parte del Comune di Roma dei servizi di gestione del patrimonio artistico di sua propriet. Tra gli scopi della societ il restauro costituiva solo unattivit secondaria, anzi non era neanche esplicitamente elencato nellelenco dei servizi offerti, ma in poco tempo Zetema ha ottenuto, comunque, una certificazione SOA per lesecuzione dei lavori pubblici, di categoria OS2, III classifica, per appalti di importo fino ad 1.032.913 di euro, ed ha potuto, al rinnovo del contratto di servizio nel 2005 (allegato alla delibera 663), acquisire di fatto il monopolio delle attivit di restauro dei beni comunali.
Da quel momento, infatti i lavori possono essere progettati, valutati economicamente, eseguiti dalla stessa societ Zetema e, a nostro parere, questo costituisce una violazione del principio della libera concorrenza.
Gi da tempo lAutorit Garante della Concorrenza e del Mercato si era espressa in tal senso con un pronunciamento del 29/08/2005, che non stato tenuto in alcuna considerazione dagli interessati.
Ma questo costituisce soprattutto una violazione delle leggi che disciplinano il mercato dei lavori pubblici.

Il panorama del settore della tutela e della gestione del patrimonio artistico , come in molti segnalano, sconfortante e dalle incerte sorti ed ha bisogno di trasparenza e di interventi politici coraggiosi.
In questo contesto desolante la nostra pu sembrare una protesta marginale, una difesa quasi patetica della nostra categoria, quella dei restauratori che si sono formati negli anni 80, convinti di essere unavanguardia combattiva e operativa rispetto ai temi della tutela, della conservazione e del restauro del patrimonio artistico del nostro paese, quando ancora questi temi non erano entrati nella quotidianit e nelle coscienze degli italiani.

Siamo stati obbligati a crescere con le nostre piccole imprese artigiane, fino ad acquisire, spesso con investimenti e sforzi gestionali notevoli, le certificazioni previste dalle leggi - che nel frattempo si sono moltiplicate per disciplinare il settore - per poter eseguire lavori pubblici (che peraltro avevamo sempre eseguito) gareggiando con le ditte edili che avevano scoperto il business del restauro, dovendo noi, in molti casi, dimostrare di essere restauratori.

Quello che vogliamo esprimere in questi giorni quanto sia inaccettabile per noi e per quanti hanno a cuore la tutela del patrimonio, la situazione che negli ultimi anni si delineata a Roma con la comparsa di Zetema allinterno del nostro settore.
Riconosciamo la necessit di dover affrontare la gestione del patrimonio comunale in modo moderno e certo non nostra competenza valutare se questo sia il migliore, ma quando si parla di restauro si aprono numerosi interrogativi, circa le logiche che motivano queste scelte.

Innanzitutto per quale motivo si sia permesso che una societ di servizi eseguisse lavori pubblici senza essere qualificata ai sensi del D.P.R. 34/2000: Zetema, a differenza di tutte le altre ditte di restauro, ha conseguito la sua attestazione SOA solo dopo aver ottenuto laffidamento dellincarico da parte del Comune.

Poi vorremmo che ci venisse spiegato perch il meccanismo in cui lo stesso soggetto sia progettista ed esecutore degli interventi, ma anche stazione appaltante (Zetema affida lavori anche a ditte esterne) risulti incomprensibile soltanto a noi, e la Lg. 109/94?

Inoltre ci chiediamo perch lAmministrazione abbia abdicato al suo ruolo, di garante del bene pubblico, per delegare ad una societ partecipata la scelta degli affidatari degli appalti, che vengono distribuiti ad esclusiva discrezione del Direttore Tecnico di Zetema, spesso in affidamento diretto, senza gara.

E ancora si deve spendere qualche parola sul tema della formazione. I restauratori che costituiscono il braccio operativo di Zetema sono stati formati in buona parte dal Comune di Roma, che aveva, prima del 2000, attivato dei corsi per un progetto a tempo determinato. vero che la formazione da tempo oggetto di una profonda trasformazione, ma la direzione quella dallinnalzamento degli standard qualitativi dei corsi. Questi standard sono garantiti per il personale dipendente di Zetema che ha un solo direttore tecnico per 38 restauratori?

Abbiamo, infine, notato che, nonostante il pronunciamento dellAutorit Garante della Concorrenza e del Mercato del 2005 e la sentenza del T.A.R. del luglio 2006, Zetema continua a dichiararsi di propriet al 100% del Comune di Roma (nellhome page del suo sito aggiornato a oggi).
Avremmo ancora altri numerosi interrogativi..

Naturalmente temiamo di conoscere le risposte a queste nostre domande e sono le risposte di sempre.
Accade questo quando si giocano le carte della politica e si manipolano leggi e ordinamenti a proprio uso e consumo, certi di poter trascurare i marginali interessi di una categoria che non ha mai alzato la voce.

Abbiamo deciso, uniti come mai era accaduto, di manifestare la nostra determinazione andando fino in fondo per arrivare al pronunciamento del Consiglio di Stato fissato per il prossimo 20 marzo.

Sentiamo che altrove si pensa di utilizzare lo stesso modello di gestione monopolizzatrice, ma vorremmo che venisse scoraggiato da chi pu farlo e volentieri abbiamo voluto tracciare una strada.

Abbiamo un sogno.che quanti si occupano di tutela e hanno a cuore una gestione corretta e degna di una societ civile, di lunga tradizione culturale come la nostra, si esprimano per sostenere il nostro ricorso e lo manifestino pubblicamente .

Saremmo lieti di poter approfondire con voi questo argomento e di ricevere il vostro appoggio.
Se vorr contattare il nostro comitato potr farlo scrivendo a:

Dott.ssa Luigia Gambino

Indirizzo e-mail: tecnicon@hotmail.com

Vi ringraziamo per il vostro impegno e per la vostra attenzione

Cordiali saluti

Luigia Gambino



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news