LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Titanic in Laguna
G. Riva
LEspresso 19/4/2007

Tutti vogliono viaggiare in prima, canta Ligabue. E se vanno in crociera, aggiungiamo, tutti vogliono vedere piazza San Marco dal pontile del transatlantico. Clic, beautiful. Punto di vista originale (possibile solo da qualche anno) su Venezia, se dalla nave si guarda dall'alto in basso. L'effetto ottico quello dell'elefante e del topolino. La proporzione consolidata e accettata nei secoli era quella della gondola e della piazza. Tributo alla modernit? Riavvolgendo il film, bisognerebbe considerare come il transatlantico arrivato fino 11, passando per gli antichi canali e quasi occupandoli per intero. Immaginarsi il moto ondoso e le conseguenze per palazzi gi compromessi. Valutazioni da ambientalisti passatisti? Purtroppo, negli ultimi anni, circa gli effetti deleteri del supposto progresso sulla citt unica, i passatisti hanno avuto ragione. Per contro l'Autorit portuale dirama i suoi bollettini della vittoria: 1.453.513 passeggeri, tra traghetti, crociere e navi veloci, nel 2006 quando erano 1.124.213 nel 2003. Quanto alle merci, il confronto tra gennaio 2007 e 2006 segna pi 12,3 percento, 2.642.060 tonnellate contro 2.351.989. Le ragioni del business contro quelle di una Laguna che sarebbe da maneggiare con cura. Venezia e il suo porto. Una storia prima felice e poi dolente. Felice quando era Serenissima, dolente dal dopoguerra quando lo scavo negli anni Sessanta del "canale dei petroli", 12 metri di profondit, stato almeno un elemento di concausa per l'aggravarsi del fenomeno dell'acqua alta. C'era anche nei secoli dei secoli, come vuole l'antico adagio per cui la marea sie ore la cala, sie ore la cresce. Ma ora il mare, trovando una va pi grande, si abbatte con maggiore violenza per i canali. Il famoso Mose dal costo iperbolico, pi di 4 miliardi di euro, sarebbe in questa analisi, l'ennesimo tributo a quelle che dovevano essere le magnifiche sorti e progressive della chimica. Sul cui conto ci sono gi i morti e l'inquinamento. Non basta, nella storia c' anche un morto ammazzato. Era il 1994 e il direttore generale del porto Alessandro di Ci fu ucciso da Alessandro Travagnin, direttore della Compagnia dei lavoratori portuali. Controversie nate all'epoca della privatizzazione dei servizi. Ora il porto un grande business. Talmente grande da ingolosire politica e uomini d'affari. E quando il mix si combina esplodono le polemiche, preludio agli scandali. L'ultima baruffa veneziana ha per epicentro Giancarlo Zacchello, 74 anni, presidente dell'Autorit portuale, gi presidente di Unindustria Venezia, Arsenale Spa e Porto Marghera, nonch titolare di innumerevoli cariche in varie aziende. Fu indicato per l'incarico nel 2004 dalla Regione Veneto, il che significa Giancarlo Galan, e la nomina fu poi approvata dall'allora ministro per le Infrastrutture Pietro Lunardi. Promise, Zacchello, di spogliarsi delle azioni in societ in relazioni col porto, per allontanare ogni sospetto di conflitto di interessi. In particolare disse di essersi liberato della Multi Service, azienda fondata da lui stesso e dai suoi familiari che poi, con Zacchello regnante sul porto, ha goduto dell'assegnazione di diverse aree su cui compiere affari d'oro. Fino all'iperbole di un'area comprata per 4 milioni e rivenduta dopo due anni per 15. Tutto bene se non fosse che un'accurata inchiesta condotta da Alessandra Carini per il quotidiano "La nuova Venezia", ha dimostrato come i legami tra Zacchello e la Multi Service non siano del tutto recisi se una societ del presidente ha mantenuto un pegno che scade nel maggio 2008 a garanzia del pagamento di 1,4 milioni di euro. Il pegno lascia di solito un diritto di voto su quelle azioni. Avremmo voluto chiedere conto all'interessato dell'intricata faccenda. Il suo ufficio stampa per fa sapere che il presidente non si trova in buone condizioni fisiche e dunque non pu parlare . Cos non resta che prendere atto di quello che ha detto lo stesso Zacchello alla "Nuova Venezia": I pagamenti sono stati rateali e quindi abbiamo mantenuto azioni in pegno, senza diritto di voto a garanzia della vendita. Non vedo dunque dove sia il conflitto di interessi. Aggiungeva, Zacchello, di non conoscere i proprietari della Nikolson, societ olandese il cui controllo si perde nei paradisi fiscali. E questo nonostante siano numerosi i passaggi di quote tra la Nikolson stessa e sue aziende che hanno a Venezia il loro epicentro d'affari: Da quando sono presidente a me interessa solo salvaguardare gli interessi del porto e non chi vi fa business. Sar, ma su questo assunto non sono in molti ad essere convinti. In particolare non ne sono convinti i fratelli Vittorio e Roberto De Pit che, tramite il loro avvocato Eugenio Vassallo, hanno depositato in Procura una memoria in cui spiegano di essere stati defraudati di un loro legittimo diritto a lavorare in un'area del porto e di come Zacchello abbia esercitato abuso di potere per favorire la concessione di quell'area alla solita Multi Service. E non sono i soli a voler resistere agli espropri. Anche l'imprenditore di Cittadella Andrea Gabrielli ha deciso fermamente di opporsi a quello che ritiene un sopruso.
Caso dopo caso, la magistratura ha deciso di aprire un'inchiesta. Anzi, le inchieste sarebbero almeno due e riguardano concessioni e canoni. Negli ultimi tempi si sono presentati negli uffici per sequestrare carte sia i carabinieri sia la Finanza. Le stesse Fiamme gialle si erano gi imbattute in Zacchello nel corso degli accertamenti su Alfredo Aiello, un ex sindacalista, arrestato per millantato credito in quanto si proponeva come mediatore per la vendita di alcune aree a Mestre. In alcune societ di Aiello compare come socia la moglie di Zacchello, Maria Luisa Barici.
Questi ultimi sviluppi sono stati sufficienti perch il deputato dei ds Andrea Martella chiedesse a gran voce le dimissioni di Zacchello: Lo avevo gi fatto nel 2004 al momento della nomina e avevo denunciato il conflitto di interessi. Ma Zacchello ha sempre goduto della rotale copertura del presidente della Regione Galan e di tutto il centrodestra. Si rispolverano fotografie del 2 marzo 2006 quando dietro una mastodontica torta compaiono Zacchello, Galan e Lunardi per un ricevimento in occasione della celebrazione dello scavo dei fondali lagunari. Una festa costata all'Autorit portuale 150 mila euro. Denaro pubblico finito nelle tasche di un'azienda specializzata in pubbliche telazioni, la Bine con sede legale a San Marino per la quale lavorano l'ex segretaria di Galan Claudia Minutillo e il suo ex addetto stampa Gianluca La Torre. Da Forza Italia e immediati dintorni sono arrivati al porto altri numerosi consulenti. Come Patrizia Marin, cui stato affidato l'ufficio stampa per l'Autorit e per il suo organo di vertice, il presidente. O Tommaso Riccoboni, dirigente per il settore investimenti. E sono solo due esempi. Il porto un centro di potere e di affari destinati, nel futuro, ad ingigantire in modo esponenziale. Perch ci sono le aree delle banchine che stanno sul mare e sono poche e valgono oro, ma dietro c' un territorio sconfinato che in prospettiva vale assai di pi. Zacchello ha gi ammesso di guardare all'area ex Enichem come possibile espansione. Siamo nell'area industriale di Porto Marghera, forte dei suoi 2.000 ettari, con 18 chilometri di canali marittimi, 32 chilometri di canali industriali, 40 di strade interne, 135 di rete ferroviaria e almeno 100 accosti per 13.000 metri di banchina. Un'area vastissima da bonificare visto che, stando al "Rapporto sulla compromissione e lo stato dei fondali lagunari" commissionato dal Magistrato alle Acque e dall'Autorit portuale, risulta vi siano 7 milioni e mezzo di metri cubi di fanghi tossici e nocivi dei quali ben 1.600.000 metri cubi sono classificati come molto pericolosi e dovranno essere scavati e opportunamente trattati in modo da non rilasciare pi agenti tossici e preservare le falde sotterranee dai rischi di inquinamento. Di fatto c' un'area pi estesa della citt storica di Venezia che dovr essere bonificata e messa in sicurezza. L'assessore provinciale all'Ambiente, il verde Ezio Da villa, quantifica in una Finanziaria nazionale, il costo complessivo dell'operazione. La cifra indefinita significa, comunque, svariati miliardi di euro. Sinora ci sono a disposizione solo i 70 milioni stanziati dal governo di centrosinistra alla fine degli anni '90 e i 271 ottenuti dalla Montedison come risarcimento dall'allora pm del processo al Petrolchimico Felice Casson. Affrontare la colossale operazione nella sua totalit impossibile. Bisogna procedere per gradi. Intanto si iniziato con la messa in sicurezza della fascia che si affaccia su Venzia per impedire lo sversamento in mare di fanghi tossici. Qualcosa. Il grosso deve venire. il grande affare del futuro. Nella speranza che grande affare, secondo italico costume, non si trasformi in grande occasione per i soliti noti.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news