LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mantova pu ancora salvarsi
Igor Cipollina
La Gazzetta di Mantova 13/4/2007

Mantova pu ancora salvarsi. in tempo per difendere la sua bellezza, che riposa anche nel paesaggio, dall'aggressione dell'incivilt. E un messaggio di speranza quello che esce dal confronto a pi voci sul progetto messo a punto da Salvatore Settis. Il pericolo non pu dirsi del tutto scampato, ma la consapevolezza un primo passo verso la salvezza.
Ilprofessor Settis lo dice a chiare lettere: Non c' il pilota automatico, la bellezza non pu difendersi da sola. La sovrintendente speciale per il polo museale fiorentino, Cristina Acidini, avverte: Mantova ancora in tempo a non diventare ci che sono diventate altre citt italiane, in pri-mis Firenze. La direttrice regionale per i beni culturali e paesaggistici, Carla Di Francesco, loda l'unit fra paesaggio, architettura, musei e collezioni che da l'impronta al piano Settis. Il sindaco Fiorenza Brioni saluta l'avvento di una nuova stagione, in cui le parole d'ordine sono sostenibilit, compatibilit, paesaggio, natura, e candida Mantova al ruolo di citt esemplare. Il confronto a pi voci sul piano Settis segue di una settimana l'annuncio del vincolo paesistico che tuteler le sponde dei laghi di Mezzo e Inferiore. Novit che non passa sotto silenzio. I vincoli non li ho inventati io n questa amministrazione comunale commenta, duro, Settis se ci fossero educazione e civilt non avrebbero ragione di esistere.
Ma il professore non a Mantova per parlare di vincoli, almeno non solo. Settis si presenta a Palazzo Ducale, nella Sala di Manto, per rispondere alle critiche e ai commenti suscitati dal suo piano. In gennaio, quando lo aveva presentato in aula consiliare, si era congedato lasciando ai presenti il suo indirizzo di posta elettronica. Gli hanno scritto in cento. Lui ha letto tutto, non si perso nemmeno il dibattito sulla Gazzetta. Adesso pronto a replicare. A fare gli onori di casa il sovrintendente Filippo Trevisani. In sala c' tutta la Mantoya che pensa e produce. In prima fila siedono il prefetto Oneri e il direttore generale della Barn, Pieri.
Settis organizza le osservazioni per categorie. A chi gli rimprovera di aver trascurato l'universit o la chiesa e la spiritualit, risponde: Non ho parlato nemmeno dei licei, n di laicit o risorgimento, di teatro e di musica. Insom-ma, l'oggetto era altro. E la committenza del Comune. Per nove anni ho lavorato a un progetto per ridurre la pendenza della torre di Pisa racconta Settis per esemplificare il suo punto di vista non ho mai parlato del Duomo, eppure era l. Del resto il piano articolato per fasi: il collegamento con altre istituzioni operanti in Mantova il secondo passo. Altra obiezione riguarda l'assenza di riferimenti a eventuali finanziamenti: Ho l'abitudine di scrivere di cose che conosco. Non sono un economista, parlare di risorse economiche non tocca a me. Stizzita la reazione a chi lo accusa di essere un invasore straniero: Se avessi la bacchetta magica, vorrei sparire e tornare fra cinque anni per scoprire che avete realizzato il piano senza di me. Una rassicurazione anche a chi ha mal digerito la struttura "verticistica" della proposta: Spesso le linee del grafico esprimono una relazione, non una dipendenza. Tra una risposta e l'altra, un richiamo all'articolo 9 della Costituzione e una frecciata a chi crede di poter salvaguardare il patrimonio distruggendo l'ambiente.
Il congedo ad effetto: Nel dibattito si dimostra la maturit per realizzare non il piano Settis, ma un progetto migliore. Se lo avr provocato, allora potr dire di aver fatto qualcosa di utile.


Carla Di Francesco
Bene l'unit fra paesaggio architettura e musei
Al giornalista Stefano Scansani che, nella veste di moderatore, le chiede della piena e inedita coincidenza di vedute fra sovrintendenza e amministrazione comunale, Carla Di Francesco, direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici, risponde: Sono sempre presente quando ci sono progetti interessanti o grane da risolvere. Il piano Settis rientra nella prima categoria e la Di Francesco loda l'unit tra paesaggio, architettura e musei espressa nel documento. Mantova il luogo pi adatto per sperimentare una forma di cooperazione virtuosa, osserva. E in tema di vincoli avverte: Ci vogliono, insieme a una pianifacazione.


Cristina Acidini
Una stagione di riflessione per tutelare l'esistente
Mantova ancora in tempo a non diventare ci che sono diventate altre citt d'Italia, in primis Firenze avverte Costina Acidini, sovrintendente speciale per il polo museale fiorentino in tempo per dotarsi di un progetto che tuteli quello che ancora esiste. LI rapporto fra costruito e territorio ha dei margini di salvaguardia. Al pari del sindaco di Mantova, Fiorenza Brioni, l'Acidini coglie i segni di una stagione di riflessione che, per lo meno, pu rinviare l'errore. Di fondamentale importanza il coordinamento di quanto si sta progettando. Sempre nel rispetto delle competenze, della responsabilit e dell'intelligenza generale.


Stefano Baia Curioni
Siete rimasti indietro e non c' pi tanto tempo
Stefano Baia Curioni direttore della Fondazione economia ricerca e gestione per le arti e la cultura. Bocconiano. Ci che state tentando col piano Settis non un'innovazione, sta accadendo in tutte le citt d'Italia. Ovunque ci sta muovendo per coordinare sviluppo urbano e politica culturale. La sorpresa un'altra, a fronte di una domanda culturale crescente in Italia, dal 1998 al 2005 Mantova rimasta ferma. Mantova in tempo, ma non ha tanto tempo, osserva Baia Curioni. Che rincara la dose: Questi processi sono di grandissima complessit, non bisogna immaginare che una citt possa essere trattata come un'azienda.

Sergio Polano
Serve una scelta forte, decisa: diventate una citt pedonale
L'intervento di Sergio Polano, ordinario di storia dell'arte contemporanea all'Istituto universitario di architettura di Venezia, il pi singolare. Il professore si dice d'accordo con il piano Settis, ha solo qualche obiezione rispetto alle mostre proposte alla fine del documento, ma non fa in tempo a esporle. Polano indugia a parlare della citt come corpo vivo, che necessita da una parte di cultura e tradizione, dall'altra di energia e innovazione. Ardita l'equazione tra cultura e coltura, sino alla provocazione finale: occorre una scelta forte, decisa per fare di Mantova un exemplum per l'Europa. Come? Facendo di Mantova una citt pedonale.



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news