LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nelle fondamenta di Sant'Ambrogio 586 posti auto. La metropoli scopre di essere in crisi e si ribella
FERRUCCIO SANSA
IL SECOLO XIX 22-05-2007




Milano. La crisi di Milano arrivata fino al cuore della citt. Ha scavato sottoterra come un bruco, senza che i milanesi se ne accorgessero o volessero vedere, e adesso giunta a toccare uno dei simboli della metropoli: Sant'Ambrogio. Perch a pochi metri dalle fondamenta della basilica si sta costruendo un parcheggio da 586 posti auto.
Ecco una storia che sembra di cronaca cittadina. Ma non lo , se riguarda una citt come Milano, non pi una questione locale. Perch nel capoluogo lombardo, tanto per fare un esempio, vivono ormai oltre diecimila genovesi. Perch verso Milano si indirizza quel 60 per cento di ragazzi liguri che, dopo gli studi, costretto a guardare fuori casa per cercare lavoro. Ma anche perch Milano racchiude un po' tutte le nostre citt ed forse Tunica metropoli che propone un modello italiano di modernit. Se fallisce Milano, insomma, non ce la fa nemmeno il nostro Paese.
Gi, a volte le vicende di cronaca assumono un valore simbolico. Cos senz'altro per la grande storia dei parcheggi, una vicenda di appalti da circa un miliardo di euro che interessa tutti gli schieramenti politici, i gruppi economici, e che dopo anni di silenzi potrebbe finalmente venire in superficie. Da tempo i milanesi ne parlano, lo sentono nell'esistenza di tutti i giorni: la citt dove vivono non pi davvero loro. una metropoli dove ogni weekend fugge un abitante su cinque. Dove d'estate rimangono 350 mila persone, in pratica solo gli anziani e chi non pu permettersi di scappare. A Milano centoventimila persone, pi di una su dieci, ammettono di aver provato almeno una volta la cocaina per tirare avanti. Qui ottantamila persone ogni anno ricorrono ai centri pubblici di assistenza per chiedere aiuto contro la depressione. Nel capoluogo lombardo i limiti di inquinamento fissati dall'Unione Europea per un anno sono gi stati superati nei primi due mesi del 2007. Le centraline, per quanto "addomesticate" (a questo proposito basta consultare i documenti interni delle autorit regionali che controllano lo
smog riportati nel libro "Milano da morire", Rizzoli-Bur) registrano picchi di inquinamento anche trenta volte superiori a quelli massimi (50 microgrammi di polveri sottili per metro cubo). Cos, giorno dopo giorno, ci si ammala: i polmoni dei bambini -come rivelano i medici dell'ospedale pediatrico Macedonio Melloni - hanno lesioni simili a quelli di un vecchio o di un fumatore. E proprio come i polmoni che raccolgono inquinamento finch non si riesce pi a respirare, cos anche l'animo dei milanesi forse sta per soffocare. Gli abitanti dell'ex capitale morale, dell'ex Milano da bere hanno sopportato troppo e adesso hanno deciso che il momento di decidere: quale citt vogliono per s e per i propri figli?
La crisi emerge da sottoterra, dall'incredibile storia dei parcheggi che, chiss, potrebbe portare a una seconda Tangentopoli, in cui si chieda conto a chi ha amministrato, a chi ha
esercitato un'opposizione blanda se non compiacente, a chi, infine, nel mondo dell'imprenditoria si arricchito senza tenere conto del bene comune.
Per realizzare i parcheggi sotterranei Milano stata venduta, fatta a pezzi come un'arancia. Uno spicchio a testa per far contenti tutti. Accadde ai tempi di Tangentopoli, negli anni '80: quando destra e sinistra, cio De, Psi e Pci, spartirono fra le imprese a loro collegate gli appalti della citt, a cominciare da quelli per la metropolitana. Accade ora con il piano dei parcheggi sotterranei, inizialmente nato per combattere il traffico e l'inquinamento: 173 terreni pubblici (oltre 200 secondo alcune fonti) dati in concessione in tutta la citt, un affare da un miliardo e passa di euro, il pi grande del dopoguerra. Un business spartito tra le maggiori aree politiche. E un fiume impetuoso di soldi, un Nilo di banconote che per anni ha inondato un pugno di dirigenti e fun-zionari del Comune, quelli arruolati nel Commissariato straordinario per l'emergenza del traffico. Soldi pubblici, dei cittadini: oltre un milione e mezzo di euro pi gli straordinari, in "gettoni" extra-stipendio, incassati nel 2002-2006 da una quarantina di persone. E soldi privati: quelli pagati direttamente da imprese costruttrici dei box a dipendenti comunali che avrebbero dovuto tenere sotto osservazione i loro cantieri. S, avete capito bene: i controllori erano pagati dai controllati. Ancora: milioni di euro distribuiti dal Commissariato straordinario, per progetti e consulenze, a societ comunali dove spesso comparivano le stesse persone. E infine, un ultimo torrente di soldi privati, confluito per verso un altro mare: decine di milioni di euro sborsati alle imprese costruttrici da migliaia di cittadini, come acconti (o saldi finali) spesso per box non ancora realizzati, e ormai in ritardo di anni. Senza contare gli altri milioni,
quelli pagati dagli stessi cittadini per gli aumenti imprevisti dei prezzi
(anche del cento per cento), o per i danni causati ai palazzi. Chi ha sborsato, protesta e firma denunce. Ma tutto avvenuto con il beneplacito del Comune. Voci, malelingue? No, ogni affermazione dimostrata da atti dell'amministrazione. Da verbali, delibere comunali, bilanci aziendali. Intanto il traffico non migliorato, anzi peggiorato per i cantieri bloccati in citt. E lo smog avvolge ancora la Madonnina, come dieci anni fa e anche peggio. Ma il gran fiume, il Nilo delle banconote diviso in vari rami, andato dritto alla foce.
Ogni terreno, una gara d'appalto. L'arancia aveva molte fettine da dividere. Lo spicchio pi grande, quasi un terzo dei terreni, andato a imprese della costellazione Legacoop, espressione tradizionale della sinistra. Un secondo spicchio, con alcuni dei parcheggi pi redditizi, come quello di Sant'Ambrogio, stato assegnato alla ditta guidata da Edoardo e Claudio De Albertis, rispettivamente padre e fratello dell'attuale assessore alla Salute nella giunta Moratti, Carla De Albertis di An; Claudio, ingegnere, anche presidente dell'Assimpredil, l'Associazione dei costruttori lombardi e brianzoli. Un terzo spicchio, pi sottile, andato alle societ fondate da un avvocato, Daniele Cucchi, figlio di un leader storico del Psdi milanese coinvolto nelle inchieste su Tangentopoli e stroncato da un infarto sui banchi del consiglio comunale, nel 1990. Nel maggio 1998, il figlio Daniele scrive una lettera-esposto all'allora procuratore della Repubblica, Francesco Saverio Borrelli, e al sindaco Gabriele Albertini, denunciando il pericolo di una "logica monopolistico - spartitoria" nelle gare per le concessioni dei box sotterranei. Cucchi cita un incontro tenutosi il 25 marzo 1998 in Comune, fra l'Assim-predil e la Legacoop: Da quell'incontro, cui avevo diritto di partecipare, sono stato escluso, n sono stato ammesso ad alcun colloquio. Tutto ci non pu che rispondere ad aspettative che nulla hanno a che vedere con la necessaria trasparenza e imparzialit dell'azione amministrativa.
"Logica monopolistico-spartitoria". La lettera-esposto a Borrelli non ebbe poi un seguito giudiziario. E forse le parole dell'avvocato non brillavano per obiettivit, poich in quel momento correva anch'egli per gli appalti, con le sue societ (nei cui consigli di amministrazione sedevano la moglie e la cognata). Ma fa un certo effetto rileggerle oggi, oggi che l'arancia stata divisa.
Intanto le ruspe avanzano. Arrivano a un passo dalla basilica. E una mattina, il soprintendente ai Beni archeologici per Milano, Angelo Maria Ardo-vino, che aveva bocciato pi volte il progetto dei box proprio per i suoi rischi archeologici, viene trasferito a Potenza.
Ma ecco che un giorno il sindaco Letizia Moratti decide di riesaminare i progetti di 26 cantieri. Di volerci vedere chiaro. E ne blocca alcuni, sospende anche la pratica dei pagamenti fatti dalle imprese costruttori ai vigilanti del Comune. Ecco che una mattina anche i milanesi si rendono conto di non voler pi vivere in una citt dove i prezzi delle case del centro sono saliti fino a 15mila euro al metro quadro, dove ogni anno 1.500 persone si vedono pignorata la casa perch non riescono a pagare le rate del mutuo e i giovani sono costretti a emigrare in periferie (nel 2024 intorno al Duomo soltanto il 6 per cento della popolazione avr meno di trent'anni).
S, forse i milanesi si sono accorti finalmente di volersi riprendere Sant'Ambrogio e la loro citt.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news