LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Avremo Soprintendenti con laurea triennale? Un allarme da Giuliano Volpe

Da Giuliano Volpe, docente di Archeologia e direttore del Dipartimento di Scienze Umane allUniversit di Foggia riceviamo:


Un allarme: avremo Soprintendenti con laurea triennale?

Le cattive notizie relative al Ministero per i Beni e le Attivit Culturali non smettono di meravigliarci e soprattutto di preoccuparci, in un fase in cui la tutela del patrimonio culturale sta forse toccando il suo punto pi basso, quasi un punto di non ritorno. Negli ultimi anni le Soprintendenze sono state progressivamente ridotte in uno stato agonizzante, con personale scarso, mal retribuito e spesso demotivato, prive di risorse, di mezzi e di quelle competenze che la moderna archeologia richiede, colpite da un processo di depotenziamento, come emerge dall'annoso blocco delle assunzioni e del turn over: la met circa delle Soprintendenze da tempo coperta per reggenza in mancanza di Soprintendenti di ruolo, mentre l'et media dei funzionari supera 55 anni. A fronte di un esercito di custodi e di personale con basse mansioni, a volte inutilizzato e inutilizzabile, sono stati ridotti al minimo i funzionari tecnico-scientifici, tra i quali non mancano persone competenti e impegnate in prima linea.
Una buona notizia, relativa al recente bando di posti di dirigenti, cio soprintendenti (4 storici dellarte, 2 bibliotecari, 11 architetti, 10 archeologi, 9 archivisti, oltre a 4 amministrativi), si trasformata negli ultimi giorni in una notizia preoccupante. Infatti unintegrazione del 19 maggio (pubblicata sul sito web del MiBAC il 29 maggio) al bando del 1 marzo (G.U. 9 marzo) prevede che i partecipanti non debbano pi essere necessariamente in possesso di una laurea quadriennale-quinquennale del vecchio ordinamento o di una laurea specialistica del nuovo ordinamento universitario, oltre ad almeno un anno di frequenza di una scuola di specializzazione o di un dottorato di ricerca, ma che sia sufficiente una laurea triennale, cio il livello pi basso del curriculum studentesco universitario.
Ad esempio, per accedere al concorso per dirigente archeologo sufficiente una laurea di primo livello, non solo in beni culturali (classe 13) o in tecnologie per la conservazione il restauro dei beni culturali (41), ma anche in lettere (5), in filosofia (29) e in storia (38), cio corsi nei quali potrebbero non essere previsto nemmeno un esame di archeologia. Il concorso riservato a quanti abbiano svolto alcuni anni di servizio nella pubblica amministrazione (5 per chi ha una laurea di primo livello, 3 per chi in possesso di una specializzazione, 4 per chi ha seguito un corso-consorso, 2 per chi abbia svolto funzioni dirigenziali, 4 per quanti abbiano prestato servizio in organismi internazionali).
Insomma, una persona che abbia 5 anni di servizio nella pubblica amministrazione e che nel frattempo abbia conseguito, grazie anche alle tante recenti facilitazioni del mercato universitario (anche e soprattutto privato), una laurea di primo livello, magari in lettere moderne o in filosofia, acquisendo cos una qualche conoscenza elementare su Platone o Leopardi, potrebbe legittimamente accedere al concorso per soprintendente archeologo. E situazioni analoghe sono previste anche per gli storici dellarte, gli archivisti, i bibliotecari.
Si tratta di una strada opposta a quella, da pi parti invocata (ed anche giustamente enfatizzata nel programma dellattuale governo), del merito, della qualit e della competenza, in tutti i settori, e in particolare in quelli della cultura, dei beni culturali, della formazione.
La ciliegina su una torta assai amara rappresentata poi dallargomento previsto per la prova scritta per dirigente archeologo, limitato solo allarcheologia classica. Una visione assurdamente classicista, che segna il ritardo culturale e metodologico che regna ai piani alti del Ministero, dove, evidentemente, non solo non si ritiene degno di attenzione da parte di un soprintendente il patrimonio archeologico di et preistorica o di et tardoantica, medievale e moderna, ma soprattutto non mai giunta leco delle profonde innovazioni metodologiche dellarcheologia negli ultimi decenni, dallarcheologia dei paesaggi a quella ambientale, dallarcheologia dei paesaggi a quelle dellarchitettura e delle produzioni; e gli esempi potrebbero essere molto pi numerosi.
Intanto per far fronte alla mancanza di soprintendenti e non potendo pi ricorrere al sistema degli affidamenti ad interim di una seconda soprintendenza agli attuali scarsi soprintendenti di ruolo, anche per effetto di recenti pensionamenti, si sta procedendo ad affidare le soprintendenze per contratto, a tempo determinato, a docenti universitari. Un segnale che parrebbe importante e incoraggiante per una maggiore, necessaria, osmosi tra mondo delle soprintendenze e quello delluniversit. Deprimente per sembra essere la motivazione scientifica che porta a privilegiare solo i professori associati per questi incarichi: costano meno dei professori ordinari!
Ancora segnali preoccupanti, dunque, che dovrebbero indurre ad un profondo, radicale, ripensamento del ruolo e delle funzioni del MiBAC, che, in una situazione ormai assai pi complessa e articolata della tutela, che vede sempre pi coinvolti numerosi soggetti, dovrebbe (tornare ad) essere un organismo leggero nella struttura burocratica e forte dal punto di vista culturale, scientifico, metodologico e tecnologico, dotato di personale tecnico-scientifico altamente qualificato, con compiti essenzialmente di indirizzo, coordinamento e di severo controllo.


Giuliano Volpe
Docente di Archeologia, Direttore del Dipartimento di Scienze Umane allUniversit di Foggia





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news