LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Squilibri significativi nei conti pubblici dell’Italia
La Stampa 14/06/2002

«Significativi squilibri» nei conti dello Stato: è il terzo richiamo in due settimane quello che giunge dalla Banca centrale europea, dopo la Banca d’Italia e il Fondo monetario internazionale. Francoforte, in un quadro dove l’inflazione resta persistentemente al disopra dell’obiettivo desiderato, si preoccupa che nell’area dell’euro aumenti salariali eccessivi e deficit di bilancio superiori ai traguardi fissati peggiorino le cose.
Su dodici, quattro sono gli Stati presi di mira, Germania Italia, Francia e Portogallo; all’Italia più degli altri si rimproverano l’uso di «misure una tantum» e il fare affidamento su «fattori temporanei». Un’interpretazione autentica del testo del bollettino mensile della Bce, uscito ieri, la fornisce Tommaso Padoa-Schioppa, il membro italiano del direttorio a 6 di Francoforte: dei 4 paesi dove restano squilibri di bilancio, Germania e Portogallo sono quest’anno «in una situazione delicata per cui è scattato un meccanismo di preallarme»; Francia e Italia «devono completare il guado».
La Banca centrale dell’euro teme molto l’idea del presidente francese, Jacques Chirac, di rinviare al 2007 il pareggio di bilancio previsto per il 2004 (per la Francia e gli altri paesi a debito non eccessivo) nel quadro del «patto di stabilità» per l’euro. Uno spostamento del traguardo, si legge nel bollettino di ieri, «minerebbe la credibilità del Patto di stabilità, in quanto darebbe l’impressione che gli obiettivi siano sempre rinegoziabili e che gli impegni non siano vincolanti».
E quando i banchieri centrali dicono di temere per la credibilità, intendono che in tal caso potrebbero dover alzare il costo del denaro più di quanto altrimenti necessario. Padoa-Schioppa aggiunge che un allentamento sarebbe per l’Italia meno opportuno che per gli altri, «perché l’Italia ha un debito pubblico che nessuno degli altri paesi ha». Forse più che una modifica esplicita degli obiettivi, la Bce paventa «un accresciuto utilizzo di flessibilità e scappatoie nel quadro contabile».
Espedienti di vario genere sono allo studio in diversi paesi; non a caso il bollettino contiene anche un riquadro sulla «trasparenza dei conti pubblici». Di necessità di trasparenza aveva parlato l’altro giorno la missione in Italia del Fondo monetario a proposito delle operazioni di «cartolarizzazione» (cessione di incassi futuri); una soluzione simile a quella di conferire beni dello Stato alla società di diritto privato «Patrimonio SpA», già adottata dall’Austria, è stata ammessa da Eurostat, l’ufficio statistico europeo, solo a determinate condizioni.
Alle osservazioni della Bce ha subito risposto il ministro delle Attività produttive Antonio Marzano: «I provvedimenti una tantum sono serviti a evitare altre soluzioni all’eccesso di deficit che ci siamo trovati. Bisognava evitare oneri a carico della collettività». Marzano ricorda anche che, nella posizione ufficiale del governo, il pareggio di bilancio al 2003 è stato confermato. «Il governo - ha aggiunto - ha già risposto dicendo che gli obiettivi di finanza pubblica saranno raggiunti in tutti i modi». Proprio per individuare come frenare la spesa sanitaria - il capitolo più preoccupante secondo il Fmi - il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha incontrato ieri le Regioni. «Non si è parlato di reintrodurre i ticket», hanno riferito i partecipanti. Il governo non vuole fare nulla che somigli a una «manovra», cerca strumenti per contenere le spese entro i tetti previsti. «Il problema della spesa va affrontato con riforme più che con tagli», dichiara ancora Marzano. La presa di posizione ufficiale della Bce, espressa nell’editoriale del bollettino, si rifà a una riunione del Consiglio direttivo (i 6 del direttorio centrale più i 12 governatori nazionali, tra cui Antonio Fazio). Il Consiglio «ha ribadito che gli Stati impegnati a conseguire posizioni prossime al pareggio entro il 2003-2004 devono tenere fede a questo obiettivo»: un netto no a Chirac. La Banca ha aggiornato le sue previsioni, come al solito espresse in un’ampia «forchetta»: crescita economica media nell’area euro tra lo 0,9 e l’1,5% nel 2001, in miglioramento tra il 2,1% e il 3,1% nel 2002, pur se «la dinamica di breve periodo rimane caratterizzata da incertezza».
L’inflazione - le cui prospettive sono giudicate «meno soddisfacenti» rispetto al passato -, con un ritocco al rialzo rispetto alle precedenti previsioni è collocata nell’intervallo 2,1-2,5% come media 2002 e in quello 1,3%-2,5% (molto dipendente da che succederà al petrolio) come media 2003; «un persistente apprezzamento del tasso di cambio dell’euro» che continui la tendenza delle ultime settimane aiuterebbe a contenere i prezzi; ma è «ancora troppo presto» per esprimersi.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news