LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La proprietà non è in discussione. Intervista al sottosegretario Bono
r. r.
La Stampa 18/12/2002

Sottosegretario Bono, il governo vuole affidare ai privati non soltanto i
servizi «aggiuntivi» ma l'intera gestione di musei e luoghi
archeologici?

«Ma quale è la novità? Già nella legge dello scorso
anno era previsto l'affidamento di musei, aree archeologiche e aree
paesistiche. Ma attenzione: un conto è la gestione e un conto è
l'alienazione di questi beni».

Che ovviamente non è in discussione?

«Certo che no. La proprietà non è in discussione, ma estendere ai
privati alcune funzioni è un principio sul quale siamo d'accordo da
tempo: a legislazione vigente - e dunque senza modificare la
Costituzione – si cerca di chiarire meglio i termini di fruizione
dei beni culturali, fermo restando che tutto ciò che attiene la proprietà è competenza dello Stato».
Ma è proprio sul termine «gestione» che
può crearsi un equivoco: ammetterà che una cosa è gestire un bar o uno
scaffale di libri patinati, altra cosa è «accudire» beni di valore
inestimabile...
«Lo ripeto: il principio della gestione diretta
dei privati è già stato votato lo scorso anno. C'è l'esigenza di mirare
meglio alcuni termini che si sono prestati all'equivoco. Occorreva
ripulire alcune ambiguità».
L'ex ministro Melandri invoca i
paletti «piantati» lo scorso anno da maggioranza e opposizione assieme...
«Ma quali paletti? Lo scorso anno l'opposizione ha riscritto in maniera più sofferta e articolata l'emendamento governativo.
L'anno scorso passò una norma che richiamava a regolamenti attuativi. Ora
si chiariscono i confini di competenza. Dello Stato rispetto ad altre
entità pubbliche. Se poi qualche esponente dell'opposizione vuole vender
fumo per prendersi qualche merito, questo fa parte del gioco
politico».
Ma lei crede per davvero che affidando i beni culturali ai
privati si possa ottenere al tempo stesso un po' di risparmio e una
migliore gestione?
«Basta guardare i musei italiani e quelli di
altri Paesi nei quali vige una forte partecipazione dei privati alla
gestione. Ma attenzione: quando dicia- mo privati, non pensiamo ad imprenditori assetati di profitto, ma a fondazioni di spessore e di
grande affidabilità»
In Italia non ci si fida mai, si è
sempre diffidenti delle novità...
«I numeri parlano chiaro: negli ultimi
10 anni abbiamo più o meno mantenuto il livello dei visitatori dei nostri
musei, nell'ordine dei 25-30 milioni l'anno, negli Stati Uniti nello
stesso periodo siamo passati dai 94 milioni del 1990 agli 865 milioni del
2000. Il che vuoi dire che, investendo 4 miliardi e mezzo di capitali
privati, creando 150 nuovi musei, si è dimostrato che l'incremento del
capitale aumenta la domanda. Il nostro obiettivo è poter liberare risorse aggiuntive per la tutela e la sorveglianza».
Nella denuncia
dell'opposi-zione lei vede soltanto propaganda? I privati sono il bene
in sé?
«Ma la nostra sinistra si chiede come mai i nostri musei
sono nella gran parte invisitabili? Cosa ne pensano di quelle bacheche
con le scritte soltanto in italiano? E perché mai nei nostri musei non
c'è mai una sedia? Nei nostri musei o ti sdrai per terra o altrimenti puoi
anche morire...».
. Vero, ma a comprare un po' di sedie sarà capace
anche lo Stato, o no?
Io dico che sinora i beni culturali sono stati gestiti da grandi studiosi che però non hanno a
cuore le esigenze del visitatore. Il punto vero è proprio questo».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news