LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni artistici, alt alle vendite. Nuovi vincoli sul patrimonio
Elena Polidori
la Repubblica 20/12/2002

Nuovi vincoli sui beni pubblici. Il trasferimento alla Patrimonio spa di palazzi, musei, monumenti e dei beni di particolare valore artistico, culturale, ambientale «non modificherà in alcun modo i vincoli che gravano su di essi». La loro «alienazione», ovvero la loro vendita potrà avvenire «esclusivamente se la legge vigente lo consente e in ogni caso previa autorizzazione del ministero dei Beni culturali o del ministero per l'Ambiente». Significa che il Colosseo non potrà più essere venduto? Che gli Uffizi resteranno tali e così pure il Pantheon? «Sicuramente adesso c'è più chiarezza», assicura il ministro Urbani.
Adesso c'è una direttiva del Cipe che fissa gli indirizzi strategici a cui dovrà attenersi la nuova, discussa società che dovrebbe valorizzare i beni dello Stato. Un testo in sette punti che arriva dopo mesi di polemiche e dopo che perfino il presidente Ciampi era intervenuto, chiedendo garanzie per la vendita e trasparenza sul bilancio. Il timore era — ed è — che le bellezze d'Italia finiscano nelle mani dei privati con una semplice firma.
La direttiva, che in qualche maniera fa concretamente partire la Patrimonio, stabilisce anche che la società deve informare ogni anno il Parlamento del suo operato. Ecco il testo, in sintesi.
Primo punto: obiettivi e i vincoli. «La Patrimonio Spa valorizzerà, gestirà con efficienza ed alienerà il patrimonio dello Stato rispettando requisiti, vincoli e finalità proprie dei beni pubblici e tutte le tutele esistenti su di essi».
Secondo: i beni trasferibili. Si tratta di «crediti, concessioni, beni immateriali, beni mobili ed immobili, ogni componente dell'attivo dello Stato incluse le partecipazioni In società nel caso in cui esse operino esclusivamente nel settore immobiliare». Sono beni di enorme valore: circa 4 milioni di miliardi di vecchie lire, secondo le stime che fece a suo tempo il ministro Tremonti. Disse: «Impaurirebbero anche Paperon de Paperoni».
Il terzo punto, quello senz' altro più importante e controverso, stabilisce che non si toccano i vincoli e le tutele che gravano sui beni di particolare valore storico, artistico e culturale.
Punto quattro: la nuova società «osserverà tutte le forme di tutela previste per la difesa del demanio e del patrimonio indisponibile». Dovrà porre «particolare attenzione alla tutela dei beni di valore artistico, storico, paesistico ed ambientale, rispettando i ruoli e collaborando con i due ministeri competenti».
Punto cinque: la Patrimonio si doterà «di un proprio codice etico di comportamento» e presenterà al Cipe, per il successivo inoltro al Parlamento, una relazione di sintesi annuale sull'attività svolta».
Punto sei: la struttura operativa sarà «snella». Trenta persone massimo in organico (ancora da reclutare), uffici in via del Quirinale.
Punto sette: Tesoro, Beni culturali e Ambiente, ma anche Demanio ed enti locali dovranno mantenere una «stretta collaborazione». Nel caso in cui su una particolare zona ci fosse un bene di proprietà dello Stato e il comune interessato ne volesse la disponibilità, potrà farne richiesta al Demanio che dovrà rispondere entro agosto: l’eventuale si è legato alla valutazone dell'offerta (in pratica si dovrà pagare) e all'ok preventivo del ministero dell'economia.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news