LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BRESCIA - OSPITALETTO. Demolizione della cascina Gardellone:
Domenica 30 Settembre 2007, BRESCIA OGGI


il Comune segnala il caso alla Procura. Minoranze allattacco
Esposto sulle macerie


come se fosse stata inghiottita da una voragine. La cascina Gardellone scomparsa sotto i colpi di pala delle ruspe, senza che nessuno se ne accorgesse. La protezione di un muro di cemento lungo centinaia e centinaia di metri, che circonda lenorme propriet della Stefana di Ospitaletto, ha impedito che la demolizione dellantico fabbricato diventasse di dominio pubblico. Il giorno dopo la denuncia dellepisodio da parte di Legambiente, si scopre che nessuno sapeva, nemmeno lUfficio tecnico del Comune, al quale la legge impone di segnalare questi interventi.
Alla trafileria Stefana, si giustificano asserendo che il fabbricato crollato sotto il peso dellincuria, degli anni e di non bene precisati eventi atmosferici accaduti nel 2006.
Fatto sta che il complesso tipico dellarchitettura rurale lombarda, uno stabile di circa 100 metri di lato che nel 2003 era ancora perfettamente in piedi e con la copertura intatta, non esiste pi. La demolizione si portata appresso un nucleo originario che la Soprintendenza di Brescia valuta del 400, mentre la genesi del resto del fabbricato databile 500-700.
Abbiamo segnalato il caso alla Soprintendenza di Brescia e alla Procura - conferma il sindaco Giorgio Prandelli -. Non cerano vincoli sul Gardellone e, in teoria, poteva essere demolito. Lintervento andava per segnalato all'Ufficio tecnico che, sicuramente, avrebbe negato lautorizzazione. La propriet ci ha comunicato che lo stabile crollato e che loro si sono solo preoccupati di mettere in sicurezza il luogo, per questo non hanno fatto segnalazioni al Comune.
Il sindaco ha per emesso unordinanza di ripristino dei luoghi e di ricostruzione delledificio: La cascina poteva essere recuperata e limpegno valeva sicuramente il sacrificio. Adesso dobbiamo capire cosa accaduto e dobbiamo muoverci per tutelare la legalit - conclude Prandelli -. Si creato un precedente pericoloso: non deve passare il messaggio che chiunque, senza alcun permesso, pu permettersi di demolire edifici.
Critica la posizione della lista civica Insieme per Ospitaletto: Nei mesi scorsi, quando il fabbricato era ancora integro, abbiamo allertato il sindaco e la Soprintendenza - spiega Giovanni Battista Sarnico -. Abbiamo inoltre promosso uninterrogazione al sindaco nella quale si chiedeva di dare risposta sulla inspiegabile distruzione del prezioso patrimonio storico-architettonico. Questa situazione la conseguenza diretta della disastrosa politica del territorio perseguita dallamministrazione comunale, che non ha saputo costruire un percorso di tutela e di valorizzazione del nostro patrimonio: manca la schedatura fotografica del fabbricato storico nella documentazione del Prg, stata soppressa la commissione edilizia, espropriata la commissione territorio dei propri compiti e permessa la demolizione degli edifici scolastici inaugurati un secolo fa. Inoltre - conclude Sarnico -, nei mesi scorsi abbiamo promosso una mozione a tutela dalla casa padronale ex-Corbetta, seguita da parole rassicuranti del sindaco. Parole prive di consistenza, visto che il fabbricato stato demolito. C.M.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news