LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FINANZIARIA 2008. DECRETO LEGGE - I BENI CULTURALI

DECRETO LEGGE: Misure urgenti in materia di finanza pubblica, di sviluppo ed equit sociale

Art. 14 (Razionalizzazione dei servizi aggiuntivi- Beni culturali)
1. Al fine di assicurare efficienza ed efficacia nell'erogazione dei servizi aggiuntivi di cui all'articolo 117 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni, strumentali alla migliore fruizione dei beni culturali, razionalizzando le risorse disponibili, l'affidamento dei servizi stessi avviene in forma integrata rispetto sia alle varie tipologie indicate nel medesimo articolo 117 che ai diversi Istituti e luoghi della cultura, nei quali i servizi devono essere svolti, presenti nel territorio di rispettiva competenza, da parte delle Direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici e degli Istituti dotati di autonomia speciale del Ministero per i beni e le attivit culturali.
2. Con decreto di natura non regolamentare del Ministro per i beni e le attivit culturali, nel rispetto delle norme dell'ordinamento comunitario, disciplinata l'organizzazione dei servizi aggiuntivi sulla base dei principi di cui al presente comma, tra l'altro prevedendo che, in prima applicazione, l'affidamento integrato dei servizi avvenga, se necessario, anche con termini iniziali differenziati, garantendo la naturale scadenza dei rapporti concessori in corso.
3. In attesa dell'entrata in vigore della disciplina sull'affidamento integrato dei servizi aggiuntivi di cui ai commi 1 e 2, i rapporti comunque in atto relativi ai medesimi servizi restano efficaci fino alla loro naturale scadenza ovvero, se scaduti, fino all'aggiudicazione delle gare da bandirsi entro il 28 febbraio 2008.

Art. 30 (Disposizioni in ordine al commissariamento della fondazione Ordine Mauriziano)
1. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, sentiti i Ministri dellinterno e per i beni e le attivit culturali, dispone entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto legge, il commissariamento della Fondazione Ordine Mauriziano, di seguito denominata FOM, con sede a Torino, nominando il commissario cui sono attribuite la rappresentanza anche giudiziale nonch lattivit di gestione e liquidazione, nel rispetto dei valori storico-culturali e secondo le norme del decreto legge 19 novembre 2004, convertito dalla legge 21 gennaio 2005, n. 4, in quanto compatibili col presente articolo.
2. Lattivit di gestione e liquidazione controllata da un comitato di vigilanza composto da cinque membri, nominati: uno, con funzioni di presidente, dal Presidente del Consiglio dei Ministri, sentiti i Ministri dellinterno e per i beni e le attivit culturali, uno dalla Regione Piemonte e tre dai creditori. Il Comitato autorizza gli atti di valore pari o superiore ad un milione di euro ed il Presidente del comitato medesimo presiede lassemblea dei creditori competente ad approvare il piano di soddisfazione.
3. Nessuna azione individuale, esecutiva o cautelare, pu essere iniziata o proseguita nei confronti della FOM dalla data di entrata in vigore del presente decreto.
4. Il commissario predispone in via durgenza un piano di liquidazione dei beni della FOM, con esclusione di quelli gravati da vincoli storico-culturali di cui allallegato A del citato decreto n. 277 del 2004, convertito con modificazioni dalla legge n. 4 del 2005. Il piano sottoposto al comitato di vigilanza. Alla liquidazione il commissario procede tramite procedure competitive, assicurando adeguate forme di pubblicit. Il commissario pu avvalersi di esperti nonch degli uffici del Ministero delleconomia e delle finanze.
5. Il piano di soddisfazione approvato dai creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Ove siano previste diverse classi di creditori, il piano approvato se tale maggioranza si verifica inoltre nel maggior numero di classi. Il piano pu prevedere che i creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca, non vengano soddisfatti integralmente, purch il piano ne preveda la soddisfazione in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale, sul ricavato in caso di liquidazione, avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o diritti sui quali sussiste la causa di prelazione, indicato nella relazione giurata di un professionista in possesso dei requisiti di cui allarticolo 67, terzo comma, lett. d) del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, e successive modificazioni, designato dal comitato di vigilanza. Il trattamento stabilito per ciascuna classe non pu avere leffetto di alterare lordine delle cause legittime di prelazione.
6. Latto di approvazione trasmesso al Tribunale di Torino, che, verificatane la correttezza formale, pronuncia, con ordinanza, lesdebitazione della FOM, con liberazione di essa dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali non soddisfatti. Con tale atto disposta la cancellazione dei pignoramenti e delle ipoteche a qualunque titolo ed in qualunque momento iscritte su beni della FOM. Contro latto di approvazione del piano i creditori possono proporre reclamo al Tribunale di Torino, in composizione collegiale, funzionalmente competente, che decide con ordinanza in camera di consiglio. Contro tale provvedimento pu essere proposto solo ricorso alla Corte di cassazione per motivi di legittimit.
7. Gli atti di costituzione di pegno o ipoteca iscritti su beni della FOM, successivi al 23 settembre 2003, non possono essere opposti al commissario e sono inefficaci. Sono altres inefficaci i pagamenti eseguiti dopo tale data dalla FOM, con esclusione di quelli di carattere retributivo per prestazioni di lavoro o per spese correnti. Il Commissario cura la ripetizione delle somme eventualmente corrisposte. La richiesta di restituzione di somme, approvata dal comitato di vigilanza, costituisce titolo esecutivo.
8. Per quanto non previsto dal presente articolo si applicano le norme previste per la liquidazione coatta amministrativa dal titolo quinto del regio decreto n. 267 del 1942, e successive modificazioni, nonch, per quanto attiene al procedimento, dagli articoli 125 e 126 del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

--------------------------------------------
MA PROPRIO NECESSARIO?

Articolo 36 (Programma di interventi connessi alle celebrazioni per il 150 anniversario dell'unit nazionale)
1.Al fine di realizzare il programma di interventi e di iniziative funzionali alle celebrazioni per il 150 anniversario dellUnit dItalia, il Comitato dei Ministri denominato 150 anni dellUnit dItalia di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 24 aprile 2007, in raccordo con gli enti territoriali interessati, definisce, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, le attivit di cui al citato decreto del 24 aprile 2007, e in particolare:
a) la realizzazione e il completamento di un programma di qualificati interventi ed opere, anche infrastrutturali, di carattere culturale e scientifico, nonch di un quadro significativo di iniziative allocate su tutto il territorio nazionale, in particolare nelle citt di preminente rilievo per il processo di unit della Nazione, tali da assicurare la compiuta diffusione e testimonianza del messaggio di identit ed unit nazionale proprio delle celebrazioni;
b) la definizione dei piani economici degli interventi, sia attraverso strumenti di cofinanziamento provenienti dalle realt pubbliche e private del territorio e, in primo luogo, dai Comuni e dalle Regioni, che mediante il ricorso ad impegni di spesa ed obbligazioni pluriennali.
2. Per la realizzazione delle opere, degli interventi e delle iniziative connessi alle celebrazioni per il 150 anniversario dellUnit dItalia autorizzata la spesa di 150 milioni di euro per lanno 2007.

3. Ferme restando le funzioni di indirizzo e di coordinamento proprie del Comitato dei Ministri denominato 150 anni dellUnit dItalia di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 aprile 2007, il Presidente del Consiglio dei ministri, entro un mese dalla data di entrata in vigore del presente decreto, costituisce il Comitato dei Garanti, formato da personalit di qualificato e pluralistico orientamento politico e culturale, cui demandato il compito di verifica e monitoraggio del programma e delle iniziative legate alle celebrazioni dellUnit nazionale, anche attraverso la condivisione della relazione quadrimestrale che il Presidente del Comitato dei Ministri rende al Consiglio dei Ministri alla stregua delle previsioni di cui allarticolo 2, comma 2, del citato decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, e della relazione annuale da presentarsi entro il 31 dicembre di ogni anno al Parlamento.

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/finanziaria_2008/documenti/decretolegge.pdf


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news