LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio parte da carceri e porti
Isabella Bufacchi
Il Sole 24 Ore 27/12/2002

Carceri, caserme, aree portuali e aree autostradali, concessioni, canoni, affitti e micro-vendite ai cittadini. Sarà qui, in queste "zone franche" politicamente corrette, che Patrimonio spa (Pspa) cercherà la chiave del successo delle alienazioni immobiliari anno 2003 a firma dello Stato, un maxi-programma con entrate pari a 7,2 miliardi di euro.
L'anno prossimo saranno le dismissioni dirette a fare la parte del leone. I primi passi Pspa intende muoverli su aree commerciali, tenendosi alla larga dall'incandescente campo dei monumenti, dei beni artistici, storici e culturali e dalle ricchezze ambientali. Drasticamente ridimensionato nel 2003 sarà il ricorso alla cartolarizzazione.

Al via le "zone franche". Accusata di voler vendere il Colosseo prima ancora di aver tenuto il suo primo Consiglio di Amministrazione, la neonata Patrimonio dello Stato spa si guarderà bene dal commettere passi falsi. I primi incassi di Pspa saranno prevedibilmente generati dalla vendita di proprietà immobiliari pubbliche in aree che non hanno nulla a che fare con l'intoccabile patrimonio inalienabile. E così stando agli orientamenti attualmente allo studio che dovranno essere confermati entro metà febbraio quando la società sarà operativa nella sua nuova sede, carceri, caserme, aree portuali e aree autostradali saranno le zone che faranno decollare i primi programmi pluriennali di Pspa.
Per la vendita di carceri e caserme, edifici che si trovano spesso nel centro storico delle grandi città, è previsto un programma tra i 4 e i 6 anni: la dismissione di un solo carcere dovrebbe generare il gettito necessario per la costruzione attraverso il project financing di quattro carceri in zone periferiche, riducendo così il fabbisogno. La riforma del servizio militare con l'esercito di soli professionisti, inoltre, metterà a disposizione un numero elevato di caserme vuote da destinare ad altri usi. Dalle aree portuali e autostradali inoltre, saranno attese entrate rilevanti in seguito a valorizzazioni. Se tutto andrà bene, Pspa potrebbe generare un'entrata da 1 e 2 miliardi di euro per queste vendite dirette. Altri progetti riguardano anche la gestione più redditizia delle concessioni e un adeguamento a livelli di mercato di canoni e affitti degli immobili di proprietà dello Stato. Saranno messi in vendita anche i beni confiscati alla malavita e alla mafia.


Frenano le cartolarizzazioni. Lo strumento della securitization che ha funzionato perfettamente nel 2001 e nel 2002 per velocizzare la vendita delle unità residenziali dei sette enti previdentiali potrà essere riutilizzato nel 2003 limitatamente, solo per le proprietà di simile tipologia, che sono quelle di Difesa, Poste e Ferrovie. Il portafoglio degli immobili cedibili per una terza cartolarizzazione è dunque ridotto rispetto a quello di Scip1 e di Scip2; la taglia di Scip3 dovrebbe oscillare tra 1 e 1,3 miliardi.


Tempi stretti per Pspa. Gli obiettivi di Pspa così come resi noti al momento della creazione della società avevano una portata di medio-lungo termine: alienare, valorizzazione e gestire al meglio il patrimonio dello Stato non è in effetti un compito che si risolve in tempi brevi. Tnat'è che gran parte del 2003 servirà per compilare il solo inventario delle proprietà pubbliche alienabili, con l'aiuto dell'Agenzia del Demanio e dei Ministeri dei Beni Culturali e dell'Ambiente. Ma a questo programma iniziale si è ora affiancato il maxi-incasso previsto per il 2003, pari a 7,2 miliardi di euro da alienazioni e operazioni immobiliari. Solo una minima parte da cartolarizzazioni.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news