LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA. Paghe d'oro in Biennale? Ha deciso Croff
Enrico Tantucci
La Nuova Venezia, 4 novembre 2007


Comune, Regione e Provincia ora incolpano il presidente uscente
Cacciari, Miracco e Restucci: mai saputo nulla, pronti ad azzerare tutto

Stipendi d'oro alla Biennale: noi non c'entriamo e siamo pronti a tagliarli. E' questo il senso della nota congiunta e delle parole con cui il sindaco di Venezia Massimo Cacciari, vicepresidente dell'ente, il consigliere Franco Miracco (per la Regione) e Amerigo Restucci (per la Provincia) commentano le maxiretribuzioni dei dirigenti dal direttore generale Gaetano Guerci, a quello dell'Asac Giorgio Busetto, allo stesso presidente Davide Croff rese note dalla Nuova. Una nota che scarica ogni responsabilit sulle spalle di Croff. E il presidente? Pur avendo qualcosa da dire ed essendo a quanto pare piuttosto infuriato, Croff sceglie il silenzio, volendo sfuggire le polemiche con la partita della nuova presidenza in corso.
Su stipendi, promozioni e assunzioni della Biennale va precisato che sia il sindaco Massimo Cacciari che il rappresentante della Regione Franco Miracco si legge nella nota, firmata anche dal consigliere Restucci hanno partecipato alle riunioni del Consiglio di amministrazione da momenti successivi alla nomina dell'attuale presidente Davide Croff.

Nulla so. D'altra parte, Restucci, consigliere di nomina provinciale, conferma che mai nulla gli fu sottoposto che riguardasse la dimensione delle retribuzioni. Da quando gli attuali rappresentanti di Comune, Provincia e Regione partecipano alle riunioni del Consiglio di amministrazione proseguono Cacciari, Miracco e Restucci, nel loro comunicato mai si discusso in quella sede, in termini puntuali e dettagliati, di retribuzioni, assunzioni o promozioni, nonostante che in pi occasioni venissero chieste delucidazioni a riguardo. Non a caso Comune di Venezia e Regione Veneto non presero parte alla seduta in cui fu approvato il Bilancio 2006.

Due casi. Quanto alle modalit in cui sono stati esposti e quindi sottoposti all'attenzione del Consiglio criteri ge-stionali, fatti amministrativi, informazioni esatte che successivamente hanno inciso sensibilmente su quanto di competenza di responsabilit fondamentali per gli interessi della Biennale, vengono citati due episodi: IL caso delle dimissioni del direttore operativo Renato Quaglia, nonch le polemiche sull'effettivo o meno degrado in cui versa l'Archivio storico delle arti contemporanee. In breve, in entrambi i casi il Consiglio di amministrazione non stato posto nelle condizioni di comprendere quanto fosse realmente avvenuto.

Le paghe. I dati riportati su queste pagine parlano chiaro: Guerci pu contare su circa 250 mila euro lordi all'anno, oltre a casa in laguna, benefit vari e rimborsi spese. Un po' meno di lui, 180 mila euro lordi l'anno, il presidente Croff. Maxistipendio anche per il direttore dell'Asac (l'Archivio storico delle arti contemporanee) Giorgio Busetto, intorno ai 140 mila euro lordi all'anno, mentre gli altri dirigenti guadagnano fra i 70 e i 100 mila euro lordi all'anno e i direttori di settore percepiscono meno di tutti nella dirigenza, intorno ai 60 mila euro lordi all'anno.

Silenzio d'oro. Croff come detto tace, anche se, evidentemente, qualcuno ha approvato (prima o dopo) quelle retribuzioni e la sua fu deliberata con il placet dell'allora ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani. Ma c' da chiedersi visto che le voci su retribuzioni molto elevate alla Biennale correvano da tempo dentro e fuori dalla fondazione come mai il Consiglio di amministrazione, che ora si dissocia, abbia dovuto aspettare che le rendesse note la stampa per prendere posizione, invece di chiedere informazioni dettagliate in merito nella sede propria: cio il Consiglio stesso, investendo il presidente del problema.

Azzerare. Forse per questo in vista della nomina del nuovo presidente, che potrebbe essere un altro manager, come Davide Rampello e del direttore generale la parola d'ordine ora : azzeramento dei maxistipendi. Se sar, come possibile, nel nuovo Consiglio, insieme ad altri degli attuali consiglieri attacca Miracco quello che chieder l'azzeramento di tutte le retribuzioni attuali per la dirigenza. Che nessuno pensi di partire o di mantenere i livelli attuali. Stipendi come quelli erogati all'attuale direttore generale sono giustificabili solo se si in grado di portare alla fondazione quattro volte tanto. Chieder anche che i gettoni di presenza per i consiglieri yengano aboliti, perch possiamo tranquillamente rinunciare a poche migliaia di euro.

Intenzioni. Buoni propositi per il futuro che, se davvero saranno poi mantenuti, si legano in qualche modo anche alla partita delle nomine. Se davvero in arrivo, dopo Davide Croff, un nuovo presidente manager come ha auspicato di recente lo stesso Massimo Cacciari gi avvisato: si prepari a rivedere il suo stipendio attuale e a sacrificarsi per la nuova causa.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news