LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Italia passatista, ignora l`arte contemporanea
PIERLUIGI PANZA
Corriere della Sera 07/11/2007

VENEZIA - Siamo un Paese senza leadership anche nel mondo dell`arte. A Documenta di Kassel, di italiano c`era solo il gelataio; alla Biennale di Venezia, nel Padiglione Italia non c` nemmeno un nostro artista e la nuova galleria d`arte che sta per aprire a Roma del collezionista newyorkese Larry Gagosian.
un peccato, perch gli artisti italiani contemporanei hanno valutazioni alte e meritate. Purtroppo l`Italia si interessa assai poco di loro. Ad affermarlo Monique Veaute, nuova direttrice e amministratore delegato di Palazzo Grassi e del futuro museo veneziano di Punta della Dogana.
L`Italia vista dalla responsabile delle collezioni veneziane di Francois Pinault, procede come l`Angelo di Paul Klee: cammina in avanti con lo sguardo rivolto all`indietro. E chiaro che in Italia afferma la Veaute, gi direttrice del festival Romaeuropa la conservazione del patrimonio artistico sia fondamentale.
Ma non si pu ignorare la contemporaneit! Non nascono musei per il contemporaneo e invece ci vorrebbero, i collezionisti italiani sono pochi sul mercato mondiale e, come risulta anche dalla Topl00 pubblicata da Art Review, nessun italiano tra le prime
cento persone pi influenti del mondo dell`arte.
Sono usciti dalla classifica anche Maurizio Cattelan e Miuccia Prada (presenti l`anno scorso). E mentre i musei stranieri aprono
sedi in tutto il mondo (ultimo l`Ermitage a Ferrara dopo il Louvre ad Abu Dhabi) quelli italiani restano chiusi in se stessi.
L`Italia si sta cullando sul suo glorioso passato - continua la Veaute - e non si fanno mostre sui contemporanei italiani, che devono andare a Parigi o a New York per farsi conoscere. Noi ci proveremo nel 2008 con una rassegna intitolata "Italics" curata da Francesco Bonami, ma credo che debba essere un impegno comune.
Gi, peccato che la Biennale in corso, curata da Robert Storr, rleghi gli unici italiani, Francesco Vezzosi e Giuseppe Perone, nel l`ultima location dell`Arsenale privilegiando ovunque artisti newyorkesi. Tuttavia, anche l`attuale rassegna in corso a Palazzo Grassi - intitolata Sequence 1 e curata da Alison M. Gingeras espone un solo contemporaneo italiano, il giovane Roberto Cuoghi (Modena 1973). Il quale ha realizzato per l`esposizione
un ciclo di nove carte geografiche simboliche dei Paesi che George W.Bush ha definito stati canaglia. Non credo che quella
di Cuoghi sia necessariamente un`opera di denuncia - afferma la Veaute -; una interrogazione.
E poi noi non interveniamo per verificare se l`arte sia politicamente corretta.
Nel catalogo (Skira) che accompagna l`esposizione, scritto comunque che Cuoghi proietta su terreni stranieri finzioni culturali o agende politiche, come quelle delle dichiarazioni
demagogiche di Bush. Quello che importa sottolineare alla Veaute che, a differenza del lavoro sul passato, sull`arte contemporanea si pu lavorare insieme tra committenti e artisti ancor pi che in altri settori, come danza e teatro. Solo che in Italia quasi nessuno lo fa. E per questo Palazzo Grassi e
Venezia vorrebbero tornare ad essere anche luogo di produzione artistica. Ma quali sarebbero questi artisti italiani
che vale davvero la pena di promuovere ed esporre? Penso a Michelangelo Pistoletto, a tutta l`Arte povera, a Roberto Cuoghi, Enzo Cucchi, Giulio Paolini, Maurizio Cattelan e anche altri, conclude la Veaute.
Il j`accuse della Veaute trova conferme nel pensiero dei critici Philippe Daverio e Achille Bonito Oliva. In Italia sono in corso varie crisi di identit; oltre a quella politica anche quella artistica - dice Daverio -. I galleristi sono diventati dei negozianti e per un artista sembra che se non vivi a New York non sei nessuno. Sul tema si espresso con toni analoghi anche Bonito Oliva: In Italia non esiste un sistema dell`arte come nei Paesi anglosassoni o come sta incominciando ad accadere in Oriente. La nostra una realt troppo "singola" per essere apprezzabile.
In attesa di farsi locomotiva del contemporaneo, tuttavia, anche Palazzo Grassi guarda alla storia. La prossima mostra sar Roma
e i barbari, 1.700 pezzi da tutto il mondo.
La tesi che fu grazie ai barbari, all`incontro tra loro e il morente impero romano, che nacque l`Europa. Allo stesso modo dall`incontro tra immigrati e civilt europea pu nascere
oggi qualcosa di nuovo. Una tesi che far discutere. Ma che anche un indirizzo dei nuovo Palazzo Grassi: Cerchiamo di vedere
quanto la tradizione possa offrire alla contemporaneit. Con la mia nomina, Pinault mi ha lanciato una sfida: portare nella
citt pi bella del mondo opere di artisti contemporanei.
Come se si dovesse fare in modo che il "Balloon dog" di Jeff Koons o il teschio di Subodh Gupta sulla piattaforma galleggiante
nel Canal Grande andasse a dare il cambio ai leoni alati che vegliano sulla citt dei dogi. Per ora sono appena stati restaurati i Mori.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news