LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio Spa. Si vendono le manifatture storiche
Daria Lucca
Il Manifesto 31/12/2002

Un pezzo dell'Arsenale ducale a Modena, una caserma borbonica del `700 a Catania, un importante palazzo di fine `800 a Palermo, un notevole esempio di razionalismo anni `30 a Firenze. Per non parlare delle torri dell'Eur a Roma, o delle poste del centro di Milano. Non si è ancora spenta l'eco delle rassicurazioni diffuse dal governo attraverso la direttiva del Cipe sull'alienazione del demanio culturale ed artistico e già le promesse sono inghiottite da una realtà ben più prosaica: il primo elenco di beni pubblici messi in vendita entro la fine dell'anno (cioè entro oggi) comprende immobili di grande pregio. Un veloce controllo da parte delle associazioni (Italia Nostra) e dei Verdi hanno messo in mora il governo e, soprattutto, il suo ministro economico, responsabile dell'operazione. «Giulio Tremonti non è un ministro, ma il titolare di un'agenzia immobiliare», ha ironizzato il senatore Sauro Turroni, vicepresidente della commissione ambiente di Palazzo Madama. La mossa, infatti, è targata via XX Settembre. Il 24 dicembre, infatti, con il decreto legge 282, Tremonti ha accelerato il processo di dismissioni (per ora lasciando fuori la Patrimonio SpA), disponendo l'alienazione «considerata urgente» di una trentina di immobili. Oltre alle torri dell'Eur e alle poste milanesi, ci sono moltissime manifatture tabacchi e depositi di generi di monopolio, gia dell'Eti. Un po' di muraglie sporche dallo smog, pensa il lettore distratto, e passa ad altra notizia. Non è affatto così, persino a una iniziale sommaria ricognizione. Insiste Turroni: «I beni sono fra l'altro venduti a trattativa diretta, senza alcuna gara né procedura di evidenza pubblica, ma soprattutto senza avere verificato, come impone la legge, che fra essi non vi siano beni di intresse culturale, storico e artistico. Noi verdi già ora possiamo dire che, fra i beni elencati dal decreto, figura un pezzo dell'Arsenale ducale di Modena, importante testimonianza della storia cittadina preunitaria che l'immobiliarista Tremonti vorrebbe cancellare».

Non è tutto. Allertatasi immediatamente, anche Italia Nostra ha scovato altre dismissioni sospette. Racconta la segretaria Gaia Pallottino: «Le manifatture dei tabacchi di Catania sono inserite in una bellissima caserma borbonica del XVIII secolo, situata in pieno centro storico, che un progetto recente ma dimenticato voleva destinare al museo archeologico di cui la città manca». L'associazione si è sentita fra l'altro presa in giro: «Pochi giorni fa, il ministro Giuliano Urbani ci aveva garantito che sarebbe stata diramata una circolare ai soprintentendenti perché visionassero gli elenchi dei beni dismessi e autorizzassero le vendite. Ora scopriamo che il soprintendente siciliano non è nemmeno stato informato delle decisioni. Evidentemente, il ministro dei beni culturali è stato surclassato da quello dell'economia, in barba alle direttive del Cipe che stabiliscono la preventiva consultazione ed intesa con il ministero interessato».

«Invalideremo la vendita presso le competenti sedi giudiziarie, se è stata perfezionata entro il 31 dicembre come annunciato, poiché viola le leggi vigenti», annuncia Giovanni Lo Savio, del consiglio direttivo di Italia Nostra. Fra l'altro, non è stato chiarito in che ruolo agisce, in questa vicenda, la Fintecna, società del Tesoro: l'ex Iri è commissionaria alla vendita oppure destinataria di un trasferimento a titolo oneroso?





news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news