LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Nuove soprintendenze, un coro di no
di Giuliano Fontani
18 DICEMBRE 2007, IL TIRRENO


Molti sindaci e anche alcuni tecnici bocciano la rivoluzione





Rutelli prepara lennesima rivoluzione delle Soprintendenze con un provvedimento che se andr in porto avr forti ripercussioni in Toscana. Dalle Soprintendenze miste di oggi, che si occupano di beni architettonici e artistici, ma anche di ambiente e paesaggio, si dovr passare alle Soprintendenze tematiche, che scinderanno le loro funzioni. Il sottosegretario ai beni culturali Andrea Marcucci lo spiega cos: Oggi alla guida delle Soprintendenze miste abbiamo quasi sempre storici dellarte. Forse il caso che di beni naturali e ambientali se ne occupino architetti del paesaggio.
Fin qui soltanto un concetto, ma quando si passa allelaborazione del progetto ne scaturisce una vera e propria rivoluzione. Lattuale mappa delle Soprintendenze, nella Toscana litoranea, articolata intorno a due enti, quello di Pisa, che ha competenza anche sulla provincia di Livorno e sulle isole dellarcipelago e quello di Lucca, con giurisdizione anche nella provincia di Massa-Carrara. Il resto della Toscana litoranea, Grosseto e la Maremma, sono invece gestiti dalla Soprintendenza di Siena.
Lo sdoppiamento delle funzioni passa, secondo il progetto del sottosegretario ai beni culturali, il lucchese Andrea Marcucci, per la creazione di una nuova Soprintendenza, a Grosseto. E qui sta il nodo principale: Siena resterebbe il polo artistico e culturale, il capoluogo maremmano quello ambientale e paesaggistico, annettendosi lintera provincia di Livorno e le isole. Lo stesso farebbe Lucca, che diventerebbe il polo ambientale del proprio territorio ma anche di Pisa e Massa-Carrara. Pisa, infine, perdendo le competenze ambientali di Livorno e le proprie, avrebbe in compenso le funzioni artistiche e monumentali di Lucca e Massa-Carrara.
I sindacati hanno gi messo le mani avanti: lo sdoppiamento o la realizzazione di nuove Soprintendenze potrebbe creare problemi nellorganizzazione del lavoro. E quanto sostiene la Uil, anche se il sottosegretario Marcucci ribatte che non vi saranno trasferimenti di personale e tanto meno esuberi.
Anzi - dice Emilio Bonifazi, sindaco di Grosseto - probabilmente ci saranno nuovi posti di lavoro, oltre al riconoscimento del valore storico del nostro territorio, sia per gli scavi etruschi, sia per la presenza del Parco della Maremma e per i temi che stanno venendo avanti legati alla realizzazione di importanti infrastrutture viarie. Il sindaco di Grosseto, per, il solo ad essere contento. I suoi colleghi sono insoddisfatti e anche preoccupati. A cominciare da quelli dellElba. Roberto Peria, primo cittadino di Portoferraio, vede subito una conseguenza: Se passa questo progetto noi ci troveremo ad avere due interlocutori invece di uno. La Soprintendenza di Pisa per i beni artistici e storici e quella di Grosseto per lambiente e il paesaggio. Mi sembra tutto meno che una razionalizzazione e una semplificazione.
Ancora pi dura la posizione di Catalina Schezzini, sindaco di Rio nellElba e presidente delle Isole minori: Larcipelago davanti a Livorno, i nostri interessi gravitano in quellarea. Non ci capita di andare a Grosseto, invece abbiamo rapporti costanti con la Provincia di Livorno, luniversit e lospedale di Pisa, gli uffici della Regione che sono a Firenze. E poi Pisa e Livorno sono due citt medicee, che hanno affinit storiche e culturali che pu trascurare solo chi non conosce il territorio.
Catalina Schezzini, con una battuta, introduce anche un elemento interessante: Se permettete, possiamo morire pisani... Non una questione di campanile e il sindaco di Livorno, Alessandro Cosimi, mostra un attendismo che non solo prudente: Io con Pisa sto bene... Adesso siamo in una fase progettuale e qualche volta linformazione corre troppo velocemente. Preferisco aspettare prima di pronunciarmi, ma se si dovesse andare in questa direzione, allora anche Livorno avrebbe da dire la sua. Se sul tappeto ci sono problemi ambientali, non riguardano solo la provincia di Grosseto.
Anche a Pisa questo sdoppiamento delle competenze ha creato un notevole malessere. Mauro Del Corso, presidente della federazione italiana Amici dei musei, lo affronta guardando allintero panorama nazionale: Avevamo le soprintendenze miste - a nostro avviso una fortuna (come quella con sede a Pisa, ma non solo), ora si spezzano le superstiti con un miscuglio di competenze che andranno spesso a sovrapporsi ed intersecarsi. Soprattutto se i rispettivi soprintendenti non fossero tra loro in amichevoli rapporti, come pu capitare e capita.
Nel recente passato - dice ancora Del Corso - sono state istituite nuove soprintendenze (Verona, Lecce, Lucca) di chiaro sapore elettoralistico, che oggi navigano dunque in imprevedibili difficolt di strutture e risorse.
E la stessa critica che avanza Gianfranco Cerasoli, segretario generale del coordinamento nazionale della Uil beni e attivit culturali: Non vorremo pensar male, ma la sensazione che se ne ricava quella di voler creare posti per esigenze della politica, come nel caso della Toscana, regno del sottosegretario Marcucci o nel Lazio e in Lombardia, per dare un posto alle solite note e ai soliti noti. E sono tuttora irrisolti i problemi delle Soprintendenze che istitu politicamente il ministro Urbani per fare un favore a Lunardi, Pera, la Poli Bortone.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news