LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il giallo dei capolavori fatti a pezzi e ritrovati
RAFFAELLO MASCI
La Stampa 18/12/2007

ROMA
Vibia Sabina - nipote di Traiano, moglie di Adriano - si staglia algida, nello splendore del marmo pario, contro gli affreschi di Pietro da Cortona. Siamo nella galleria di Alessandro VII Chigi, al palazzo del Quirinale, e la statua l'elemento di maggiore impatto della mostra intitolata Nostoi, parola greca che indica coloro che sono finalmente tornati dopo lunga peregrinazione. Insieme a Vibia, infatti, lesposizione accoglie altri 66 reperti che hanno tutti il destino di provenire da scavi clandestini, da scantinati di tombaroli di scarsi scrupoli, dai traffici di signori in doppio petto che ne hanno trattato il trafugamento un po ovunque, specie verso musei statunitensi. Da dove ora ritornano, dopo un lavoro di indagine e diplomazia estenuante.

Tra i pezzi pi pregiati c un cratere del IV secolo a.C. firmato da Assteas, famosissimo pittore di Paestum. Un trapezophoros (sostegno per la mensa) in marmo asiatico dipinto, che mostra due grifoni che azzannano una cerva. Bellissima lantefissa etrusca del V secolo a.C. con Sileno e Menadi danzanti. Il primo a restare estasiato da questo spettacolo stato il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che ha inaugurato la mostra, mentre a provare un motivato orgoglio per il recupero il ministro Francesco Rutelli, che ha cos coronato un lunghissimo lavoro diplomatico e politico iniziato gi dal predecessore Rocco Buttiglione. I musei da cui i reperti procedono sono tutti americani: il Paul Getty di Malibu, il Metropolitan Museum of Art di New York, quello di Fine Arts di Boston e il Princeton University Art Museum. Ma con altri - europei e asiatici - si sono aperte delle trattative. Due passi indietro, per non togliere lustro alla politica, si sono viste le divise dei carabinieri per la tutela del patrimonio culturale, veri artefici di questi recuperi.

I 67 pezzi che resteranno visibili fino al 2 marzo (ingresso libero, al Quirinale), raccontano di unItalia di disperati e di ignoranti che avevano scelto lo scavo clandestino in luogo di un altro genere di delinquenza. Nel 1995 i carabinieri misero le mani su quello che fu battezzato larchivio Medici, dal nome del trafficante darte Alberto Medici. Il colpaccio avvenne a Ginevra. Il signore (che poi ha saldato i debiti con la giustizia) disponeva non solo di una sterminata raccolta di reperti, ma anche di 4000 tra foto e documenti che hanno consentito di capire meglio il fenomeno. A integrare la mappatura sopraggiunsero anche gli archivi di Robert Hecht, di Fritz Burky e altri. Intanto - si cap - lattivit dei tombaroli e il relativo mercato erano sempre esistiti in Italia, ma tra la fine degli Anni 60 e la met dei 90 avevano conosciuto il loro boom. Il Paese e anche le forze dellordine erano impegnati su altri fronti e poi le superfici espositive in Italia erano relativamente ridotte, il che dava una giustificazione etica ad alcuni trafficanti: piuttosto che ammucchiare questa roba nei magazzini - era il principio - tanto vale darla ad altri musei. Solo che questo paravento nascondeva la razzia e gli affari miliardari (in lire).

Lo scavatore del vaso di Assteas, per esempio, si fece immortalare con il suo reperto in una foto e, quando dallarchivio Medici salt fuori la polaroid, non fu difficile convincere il Getty sulla provenienza illecita del vaso. Ma si seppe pure che al tombarolo furono dati un milione di lire e un maialino da latte, mentre nel 1981 il Getty pag il cratere 380 mila dollari. Latleta di Lisippo, un bronzo greco per il quale le trattative sono ancora aperte, fu trovato a largo della Puglia nel 64 e pagato 4 milioni di lire al pescatore. Sul mercato internazionale fu rivenduto a 700 milioni, mentre il Getty lo acquist a 3 milioni e 900 mila dollari.

La filiera prevedeva una rete di tombaroli anche non incolti, come Pietro Casasanta, alle cui testimonianze le indagini devono molto. Ma in genere si trattava di personale di bassa manovalanza che rispondeva ad un ricettatore pi preparato e capace di mettere in contatto con il livello superiore del mercato.

Ma come era possibile far sparire pezzi di tanto pregio e spesso cos grandi? (La Vibia pesa oltre una tonnellata). Intanto i controlli erano pi blandi (ora i carabinieri usano elicotteri e telerilevazione) e poi ci che veniva scavato era sconosciuto. Possibile, comunque, che le soprintendenze e gli addetti non si rendessero conto di nulla? Qualcuno avanza delle perplessit.

Per quanto riguarda poi i pezzi pi grandi esisteva una tecnica di frammentazione: non solo i pezzi rotti potevano essere ricostruiti ma, spesso, un grande reperto veniva venduto meglio a lotti. Chi trovava una statua etrusca ne vendeva il torso e la testa poi, in un secondo tempo, proponeva la grande occasione di poter completare il pezzo con altri reperti fortunosamente rinvenuti.

Quanto ci marciavano i musei? Molto. La signora Marion True, ex-direttrice del Getty, ha avuto difficolt a spiegare alla magistratura alcuni acquisti. Tuttavia i mercanti internazionali cercavano di curare la loro clientela anche in questi piccoli fastidi legali: fornivano documentazione falsa sulla provenienza dei reperti o indicavano la data oltre la quale scattava la prescrizione del reato. Fin tanto che la politica non ha fatto i suoi passi. Il cui primo risultato proprio la mostra Nostoi e la notizia che presto torner a casa dalla California anche la Venere di Morgantina.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news