LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Al Quirinale i tesori ritrovati
Maria Tiziana Lemme
18/12/2007 IL MATTINO




Apre la galleria Chigi per accogliere i Nostoi opere trafugate e restituite dal Getty e da altri musei



Sono stati scavati di notte, strappati dalle viscere della patria italica, nella cavit di una tomba etrusca o dalle pareti di una villa vesuviana ancora sotterrata dai lapilli. Opere di secoli prima di Cristo, o di subito dopo, hanno conosciuto le mani del XX secolo: predatori e mercanti, pochi scrupoli, le cure di restauratori svizzeri, gli interessi di intermediari internazionali. Sono stati battuti a aste di prestigio o, spezzati in pi parti, sono espatriati attraverso la Svizzera nascosi nei Tir. Hanno fruttato un giro di miliardi di miliardi di dollari e poi si sono trovati esposti nei musei stranieri. Oggi, i capolavori sottratti illecitamente dallItalia sono ritornati a casa, a Roma. Sar il Presidente della Repubblica a inaugurare, questa mattina al Quirinale, nella casa degli italiani, la mostra Nostoi. Capolavori ritrovati (fino al 2 marzo 2008). Nostoi una parola greca, significa coloro che ritornano. Ma questi 68 pezzi rientrati dal Getty Museum di Malibu, dal Metropolitan di New York, dal Fine Art Museum di Boston, non hanno subto, come Odisseo, le traversie di un destino voluto dallOlimpo. Piuttosto, come sostiene Luis Godart, consigliere del Patrimonio Artistico della Presidenza della Repubblica e curatore della mostra, sono stati ammutoliti: Strappare unopera dal contesto nel quale inserita, vuol dire renderla irrimediabilmente muta. Per esempio, laffresco vesuviano strappato a Boscoreale. una lunetta, un mascherone che rappresenta Eracle, ossia Ercole. La villa vesuviana fu violata una ventina di anni fa, il furto dellaffresco non ha mai avuto segnalazione ufficiale. Ma sul catalogo della collezione Fleischmann Passion for Antiquity, apparve, verso la fine degli anni 90, quellaffresco, stimato 1 milione e 395mila dollari. Poi, razziato da SantAgata dei Goti, lenorme cratere firmato dal pittore pestano Assteas con il ratto dEuropa: per anni ha fatto bella mostra di s nella sale del Getty Museum di Los Angeles. Anfore, statue, antefisse, crateri, kylix, affreschi: sono il nostro passato, la civilt mediterranea dalla quale proveniamo. E sono il bisogno di eternit e di bellezza, tutto umano, che ha unito Roma con Atene. Non a caso, nella mostra romana la Grecia ha voluto essere presente con una Kore in marmo del 503 a.C. trafugata dallisola di Paros e restituita nel dicembre del 2006 dal Getty Museum. Nel 2008 rientrer a Roma dal Getty anche la Venere di Morgantina, una statua colossale scavata nellarea archeologica di Aidone. Fu venduta il 22 luglio dell88 da un antiquario londinese, Robert Symes, al Getty per 18 milioni di dollari. Nei primi dieci giorni di gennaio 2008 rientrer anche il Cratere di Eufronio dal Metropolitan. Per lAtleta di Lisippo, ritrovato nelle acque di Fano dal pescatore Romeo Pirani nel 1964, e rivenduta dopo molti passaggi per 4 milioni di dollari al Getty Museum da David Carrit, bisogner attendere il pronunciamento del tribunale di Pesaro. Decenni di indagini del Nucleo di Tutela del Patrimonio Artistico dei Carabinieri hanno permesso questi rientri. Per ognuno dei pezzi in mostra c una storia di interessi a molti zeri. Gira gira, i nomi implicati erano sempre gli stessi, cerano i collegamenti ma non le prove. Arrivano nel 95, quando si sequestrano i depositi ginevrini di Giacomo Medici: un intermediario tra lItalia e i livelli pi alti del traffico internazionale dellarte. Si ricostruiscono le strade dei trafugamenti. Si incardina a Roma il primo processo contro lex direttrice del Getty Museum, Marion True, ancora in corso. Le prove schiaccianti permettono al Ministero dei Beni Culturali la richiesta di restituzione dei reperti del nostro passato. Il primo pezzo riconosciuto dagli investigatori come trafugato dei reperti oggi in mostra il sostegno di mensa in marmo con due grifi che sbranano una cerva: fu sottratto in provincia di Foggia. La nostra battaglia - dice Francesco Rutelli, ministro per i Beni e le Attivit culturali - stata fatta nellinteresse di tutta la civilt dellarte. Da noi deve cominciare la sconfitta dei trafficanti darte. C un radicale cambiamento del traffico degli oggetti scavati clandestinamente e approdati in qualche museo. Prova ne la restituzione spontanea in questi giorni di una statua in bronzo del II secolo a.C. da parte di un collezionista svizzero che ha voluto conservare lanonimato. Il bronzetto rappresenta un oratore in procinto di parlare, viene dallEtruria. Nulla invece si sapr mai del frammento di volto di statua in avorio del I secolo a.C. Fu scavata a Anguillara. Giunone? O Apollo? vero: trafugare unopera darte significa ammutolirla. Possiamo almeno guardarlo. Silente, ci dir tutto.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news