LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il parere degli ambientalisti
Valerio Ricciardi
Archeologia Viva, n. 95 settembre-ottobre 2002, pp. 80-85

Sul decreto legge « salva deficit » 63/2002, già convertito in legge (la n. 112/2002) relativo alla possibilità di vendita del patrimonio italiano Archeologia Viva ha raccolto il parere degli ambientalisti con un’intervista a Gaetano Benedetto, responsabile per i rapporti istituzionali del Fondo Mondiale della Natura.


Garanzie a parole.
Il ben noto, emendamento «a garanzia» delle Associazioni è stato dunque ripetutamente respinto dalla maggioranza. Ma dai membri del Governo si susseguono dichiarazioni rassicuranti –

«Il ministro Giuliano Urbani ha dichiarato, anche dopo l’approvazione della legge, di ritenere ancora vigente il cosiddetto «regolamento Melandri»: un dispositivo che consentiva di articolare il meccanismo di individuazione dei beni, definendo i criteri di alienazione. Se ciò è vero, per garantirlo bastava un DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - ndr) che affermasse che «per quanto riguarda i criteri di trasferimento dei beni storico e artistici, il regolamento di cui al DPR (Decreto del Presidente della repubblica – ndr) 283 del 1998 è tuttora in vigore». Ma non hanno voluto mettere per iscritto nulla di ciò che dichiaravano a voce».


Sdemanializzazioni in vista.
Ma in assenza anche di questo vincolo, la cessione non produrrebbe di fatto una nuova grande sanatoria degli abusi, paragonabile a quel che avvenne col condono della «legge Nicolazzi» dell’85? –

«Certo! E’ solo un problema di interpretazione del meccanismo. Infatti la nuova «Legge Tremonti» (la n. 112/2002 - ndr) non introduce la sdemanializzazione automatica, propone solo l’individuazione di beni che possano essere trasferiti. Ma una volta avvenuto il processo di individuazione dei beni, ossia avendo un soggetto che decide quali sono i beni rinunciabili, poi la sdemanializzazione è una logica conseguenza sulla base dell’art. 829 del Codice Civile, espressamente citato nella legge. Il problema è: questo soggetto di quali pareri obbligatori deve disporre? A quali condizionamenti di garanzia deve essere sottoposto il suo operato?».


Più facile vendere che recuperare.
Diremmo: dai vincoli di tutela del Ministero dei BB.AA.CC. e dell’Ambiente, supportati dai pareri tecnici di Soprintendenze, Enti Parco, Istituti scientifici e universitari…-

«E questo, per assurdo, aggraverebbe il problema. Mi spiego: quali sono i beni cedibili? Sono quelli sui quali lo Stato non riversa più alcun interesse. Nell’ambito del Demanio, quei beni cioè che hanno perso anzitutto il loro connotato paesaggistico, definiti «degradati». Il Ministero preposto non potrebbe certo esprimere un parere tecnico orientato alla tutela per ragioni paesaggistiche se chiamato a pronunciarsi su certe situazioni clamorose, come ad esempio a Castel Volturno, dove vi sono migliaia e migliaia di abusi… a quale titolo potrebbe oggi affermare che in quei luoghi vi è un interesse paesaggistico prevalente, e che si deve per conseguenza arrivare sino agli abbattimenti? Di fronte a una situazione di fatto, non potrebbe che constatarla avallando in pieno gli intenti di cassa del Ministro dell’Economia».


Sanatorie per abusi in aree vincolate.
A questo punto l’interesse della speculazione diverrebbe quello di degradare quanto possibile aree anche di rilevante valenza paesaggistica e ambientale, o ai margini di siti archeologici, in modo da porre le basi per la futura sdemanializzazione e sopravvivenza dell’abuso. –

«Esattamente. In Italia una moltitudine di zone abusivamente edificate potrebbero cavarsela in questo modo. Il Governo afferma che non è previsto alcun condono, per cui - anche sdemanializzando l’area oggetto degli abusi - gli immobili non verrebbero sanati. Argomento inconsistente, per due ragioni. La prima, di ordine pratico, è che lo Stato sinora è stato debolissimo con l’occupazione abusiva delle aree demaniali, sulle quali aveva titoli pieni per l’abbattimento; riesce difficile immaginare una maggiore incisività intervenendo su aree vendute a privati e sdemanializzate. Nella Legge Delega in materia ambientale, attualmente in discussione alla Camera, è prevista persino l’introduzione delle concessioni in sanatoria in area vincolata! A differenza del condono, che fa tabula rasa di ogni situazione pregressa, la concessione in sanatoria viene rilasciata laddove ci sia una difformità, in corrispondenza della previsione urbanistica. Ora, una quantità di insediamenti abusivi è stata nel tempo consolidata, dotandola delle infrastrutture di base: strade, acqua, luce e gas… molti di questi abusi ormai rientrano di fatto nelle pianificazioni urbanistiche! E questo avviene nonostante la quasi totalità delle aree demaniali rientrino addirittura in zone di vincolo in base alla legge Galasso».


Discrezionalità assoluta del Ministero dell’Economia.
Il problema non è una generica avversione delle Associazioni ambientaliste e culturali verso la gestione privata del patrimonio pubblico… -

«Ognuna delle tredici Associazioni, anzi, ha un rapporto di collaborazione virtuosa con lo Stato nella gestione e la fornitura di servizi in siti storici ed aree pubbliche. Ma chi garantirà i controlli sulla qualità della gestione, e la garanzia di conservazione e tutela dei beni ceduti? Oggi la discrezionalità del Ministero dell’Economia in tutte le scelte è assoluta, senza precedenti nell’ordinamento italiano. Per giunta, è stato pervicacemente negato qualsiasi diritto di prelazione da parte di soggetti pubblici ed Enti locali (Regioni, Province, Comuni), che pure a nostro avviso potrebbero garantire maggiormente, nella gestione, i criteri di tutela che ci premono».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news