LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Guerre, terremoti, fanatismo. II mondo perde i suoi tesori
Aristide Malnati
Nazione, Resto del Carlino, Giorno 8/1/2004

L'allarme lo lanciano alti funzionari dell'Unesco Onu dell'archeologia mondiale, e la situazione denunciata decisamente grave: pi del 30 per cento del patrimonio protetto dall'Unesco in Medio Oriente stato irrimediabilmente danneggiato da eventi bellici, atti di fanatismo, incapacit di restauro o catastrofi naturali. I recenti conflitti che l'Occidente ha scatenato nell'area non solo hanno fatto migliaia di vittime tra la popolazione ma hanno anche gravato pesantemente sul patrimonio artistico e archeologico di quei Paesi e scatenato a latere la corsa al reperto prezioso con i musei sventrati alla merc dei trafugatori di antichit.
Dove la situazione maggiormente esplosiva l'Iraq, con aree archeologiche sumere, assire e babilonesi spesso sfigurate nelle loro delicate strutture: in particolare da segnalare un toro alato, preziosa statua che campeggiava a Ninive, con il corpo mozzato in seguito alle schegge delle bombe. Tutti ricorderanno i saccheggi del museo di Bagdad perpetrati da sciacalli locali con la complicit dei soldati americani (oramai una realt assodata!), che per pochi dollari si sono intascati sigilli, statuette e quant'altro. Dagli spazi espositivi pieni di calcinacci e detriti era sparita persino la maschera d'oro di Sargon dal valore di milioni di euro, poi recuperata, in quanto un pezzo simile fuori mercato.
Ancora peggiore se possibile la situazione dell'Afganistan, iniziata a degenerare nel 1980 all'inizio del conflitto tra Kabul e l'ex Unione Sovietica e oggi insostenibile. Musei semidistrutti, siti irrimediabilmente lesi, oggetti preziosi trafugati e restauri di edifici interrotti; il culmine stato raggiunto nel 2001 quando la furia iconoclasta dei taleba-ni ha fatto saltare le splendide statue di Budda a Bamyan, distruggendo un esempio unico di arte buddista risalente a 700 anni fa.
Spesso la natura che infierisce: terremoti, alluvioni, la costante azione eolica, l'avanzata inesorabile del deserto sono i principali agenti naturali che lasciano tracce irreversibili sui beni archeologici mondiali. E ancora fresco il ricordo del tragico terremoto in Iran che, oltre aver causato migliaia di vittime ha interamente cancellato la fortezza di Bam, spettacolare testimonianza ormai perduta di arte safavide medioevale.
ancora pi fresco (anche se nessuno ne ha parlato) il disastro provocato luned scorso da un terremoto in Etiopia: una serie di scosse sismiche ha fatto crollare parte della chiesa copta di Mewa Tsadkan, in localit Lalibela, a 300 Km a nord di Addis Abeba. L'edificio religioso, che sotto la tutela dell'Unesco e che viene considerato l'ottava meraviglia del mondo, una sorta di Petra cristiana ed stato fatto interamente scavare nella roccia vulcanica nel corso del XIII secolo. Anche in Italia l'azione sismica ha spesso provocato danni alle bellezze artistiche: nella nostra memoria sono ancora presenti le terribili immagini dei crolli nella basilica di San Francesco ad Assisi. Quello che non fa il militare e la forza cieca degli eventi naturali, lo commette l'imperizia di troppi mestieranti archeologi alle prese con una professione che richiede rigore
metodologico e l'unione di pi competenze. E in questo caso la denuncia dell'Unesco colpisce soprattutto il lavoro di ricerca e di scavo in Egitto non risparmiando neppure gli italiani; in un documento giunto alla sede Unesco di Parigi e firmato da Zahi Hawass, direttore delle antichit egiziane, si rileva che spesso gli occidentali sono presi dall'ansia di scavare per trovare il grande reperto e che quindi non si fermano a restaurare le fragili strutture. Eppure sempre l'Egitto stato teatro a partire dagli anni '60 dello spettacolare salvataggio dell'isola di Philae ad Aswan e dei colossi di Abu Simbel, che rischiavano di sparire sotto le acque del lago Nasser. Ancora oggi tecnici e studiosi di tutto il mondo sono impegnati nel lavoro di ricerca sulle aree archeologiche risparmiate alle acque e su quelle oramai coperte. A tal proposito l'Unesco ha incaricato Costanza De Simone, egittologa italiana di stanza al Cairo, di inventariare le testimonianze (documenti, reperti, antiche fotografie) dei monumenti perduti. Un lavoro che fa onore alla ricerca italiana e che mostra la via seria con cui operare, senza correre per la pretesa di fare scoperte sensazionali.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news