LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo? E' sempre Capitale
G. Mancini
Il Messaggero, 18/2/2004

Roma sempre pi polo d'attrazione regionale del turismo culturale. La locomotiva del fascino monumentale e archeologico della citt ha ripreso a tirare e il 2003 si chiuso con un trend estremamente positivo rispetto all'anno precedente. Il numero di visitatori aumentato un po' ovunque nella cerchia urbana mentre, al contrario, molti siti della provincia perdono turisti.
E' cresciuta di quasi il 7 per cento rispetto all'anno precedente la quantit di persone che nel 2003 ha messo piede in uno dei luoghi della storia e dell'arte di Roma. L'indicazione arriva dalla attenta lettura dei dati forniti dall'Ufficio statistiche del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali. Qui ogni anno vengono elaborati i numeri riguardanti la quantit di visitatori paganti e non, con gli incassi totali registrati da ogni singolo istituto. Ne deriva una classifica attraverso la quale si svela l'indice di gradi mento dei turisti rispetto alla proposta culturale elaborata durante l'anno per ogni singolo sito.
I dati, seppure incompleti per la mancanza dei mesi di dicembre riguardo alle biglietterie della Tomba di Cecilia Metella e del Circuito Archeologico di Roma, rivelano che all'interno delle mura i ticket staccati nei musei pubblici hanno superato 5 milioni e 100 mila unit. Comprendendo i dati mancanti, l'ascesa si traduce in un pi 7 per cento rispetto all'anno prima. Un vero successo per le amministrazioni locali e per quelle ministeriali che hanno cercato con grande impegno di recuperare le perdite del 2002 conseguenti alla crisi di viaggi per paura degli attacchi terroristici.
Non altrettanto bene andata per il resto dei siti archeologici e museali, dislocati nella provincia e nella regione. Infatti, l non solo il numero di visitatori non aumentato come per Roma ma persino diminuito. Tra le localit extraurbane incluse nella top 30 la riduzione stata complessivamente del 2 per cento.
A scorrere la "top 30" regionale, ovvero la classifica dei trenta gioielli pi gettonati, si scopre cos che anche nel 2003 va al sistema Colosseo-Palatino la palma di posto pi affollato. Lo scorso anno le presenze sono state pi di 3 milioni e 106 mila. Tradotto in termini percentuali significa un pi 8,7 per cento. Un record che ha fruttato alle casse dello Stato ben 18 milioni e 320 mila euro per i biglietti pagati. Un primato consolidatosi e ripetutosi negli anni, con l'anfiteatro romano sempre pi in alto rispetto ai numeri raccolti da Pompei e dalle varie gallerie di Firenze. Stando alle percentuali, ancora meglio ha fatto il Museo di Castel Sant'Angelo: con 645.686 visitatori ha conseguito un pi 11,5 per cento. Aumento dell'11,8 per cento per la Galleria Nazionale d'Arte Moderna anche se con numeri assoluti notevolmente inferiori. Benone pure per le Terme di Caracalla: 204.505 presenze pari a un pi 6,1 per cento. Incrernento del 3 per cento anche per la Galleria Borghese.
Non tutto andato per il verso giusto in ogni parte della citt. Il 2003 stato negativo per diversi monumenti, nonostante l'accresciuto interesse generale per Roma. E' il caso, ad esempio della Domus Aurea (oltre 18 mila biglietti in meno), di Palazzo Massimo alle Terme (meno 7 mila), del Museo Etrusco di Valla Giulia (sotto -di pi di 5 mila) e delle Terme di Diocleziano (riduzione di quasi 2 mila).
Nella provincia, soddisfazioni arrivano dall'area di Tivoli dove cresciuto l'apprezzamento di tour operator e visitatori sia nei confronti di Villa d'Este - terza nella "top 30" regionale con 533.730 presenze e un pi 6,43 percento rispetto al 2002 - che di Villa Adriana, che ha conteggiato 322.035 visitatori pari a un pi 2,56 per cento. Molto bene anche per il Museo delle Navi con l'area archeologica del Tempio di Diana di Nemi dove l'incremento impressiona pi nei termini percentuali (pi 23,2 percento) che in quelli di valori assoluti: appena 3.022 biglietti staccati pi dell'anno precedente.
Chi si aspettava performance al fulmicotone da Ostia Antica e da Palestrina, siti archeologici molto promozionali dagli enti di prograrnmazione turistica, rimarr fortemente deluso. Gli scavi del borgo portuale romano hanno perso quote di mercato: nel 2003 sono stati 8645 in meno dell'anno precedente. Ovvero un meno 3,2 per cento. Segno negativo, seppure di poco, anche nel bilancio per il museo archeologico Prenestino ed il Tempio della Fortuna Primigenia: 52 biglietti in meno sul 2002. Disastroso, infine, il conteggio per la necropoli della Banditaccia di Fregene. L'anno scorso ha perso pi del 10 per cento del proprio patrimonio turistico lasciando per strada oltre ottomila visitatori.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news