LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AMBIENTE STOP AGLI ABUSI: Scempi edilizi nelle aree protette, resta il reato.
Felice Cavallaro
19-FEB-2004 CORRIERE DELLA SERA

Un intervento di demolizione di un abuso edilizio realizzato in una zona vincolata.

-----------------------------------------

Le aree protette restano al riparo dagli abusi. Il famigerato comma 32 dell'articolo 1, che prevedeva la depenalizzazione del reato di abuso edilizio in zone vincolate, stato cancellato.
La commissione Ambiente del Senato ha licenziato marted il testo del disegno di legge delega. Quindi il reato resta. L'emendamento all'articolo 32 sulla depenalizzazione degli abusi era stato presentato alla camera da un gruppo di deputati di Forza Italia, tra cui Maurizio Lupi, Valter Zanetta e Francesco Brusco.
Erano contrari l'Ulivo e gli ambientalisti ma anche parte della maggioranza, fra cui il vice presidente del Senato Domenico Fisichella di An e il ministro per i Beni Culturali Giuliano Urbani.

-----------------------------------------
Demolite la collina degli abusi o mi dimetto.
Falerno, l'assessore alla legalit scrive al sindaco: Quelle case vanno abbattute, sono un smbolo della mafia
-----------------------------------------

LA STORIA: ANNO 1978
Le concessioni
I permessi per costruire su Pizzo Sella, la collina che sovrasta la spiaggia palermitana di Mondello, sono stati concessi nel'78 dal Comune a Rosa Greco, sorella del boss di Cosa Nostra Michele.
Oggi sulla collina ci sono 147 case e casermoni. Per un totale di 193 mila metri cubi di cemento.
Abitano l 67 famiglie e qualcuno ha certificati di abitabilit firmati dalla giunta di Leoluca Orlando (centrosinistra), che ha preceduto , quella in carica (centro destra).

Il protrarsi dell'inerzia dell'amministrazione sar inteso come il tentativo di vanificare una troppo lunga azione giudiziaria.

PALERMO Il Piano regolatore non le prevede, una sfilza di sentenze ne impongono l'abbattimento e la Cassazione pochi mesi fa ha offerto i picconi (giudiziari) al Comune di Palermo per demolire le ville abusive di Pizzo Sella, la montagna che sovrasta la spiaggia di Mondello.

Un pendio offeso e sfregiato da 147 case e casermoni tirati su negli anni Ottanta per un totale di 193 mila metri cubi di cemento.
A partire dalla reggia di Michele Greco, rimasta grezza, in cima, la pi alta, arida ed arrogante, su quella che i palermitani chiamano la collina del disonore.

Conclusa una estenuante telenovela giudiziaria cominciata quando la Calcestruzzi di Raul Cardini rilev questa maxi-speculazione dalle famiglie mafiose dei Greco e dei Buscemi, la Suprema Corte ha eliminato ogni alibi dilatorio per amministratori che dovrebbero fare piazza pulita di uno degli ecomostri pi orrendi d'Italia procedendo a confisca e demolizioni. Ma la giunta di centrodestra guidata dall'azzurro Diego Cammarata sta andando in tilt. Paralizzata, incapace di procedere, dubbiosa. Pronta con gran parte delle forze politiche a cercare soluzioni alternative, ad approntare improbabili piani di recupero, a rinviare.

Come non pi disposto a fare l'unico assessore tecnico dell'amministrazione, l'avvocato Michele Costa, cinquantenne figlio di un procuratore della Repubblica ucciso dalla mafia, in passato vicino al Partito comunista, poi al Partito radicale. Scelto da Cammarata come assessore alla Legalit e alla Trasparenza, Costa ripete che La legge va rispettata. E le sentenze vanno applicate. Ovvio.
Ma allarmante per le 67 famiglie che si godono un panorama d'incanto da terrazze ricavate tra le ferite di una collina, per il resto, simile ad un cimitero con spettrali ossature di cemento piantate su solchi aridi.

Demolire o abbellire?
Abbattere o salvare comunque le villette abitate?
Considerare tutti dei profittatori o concedere a tutti il bollo di acquirenti in buona fede?
Questo il dilemma segnato da minacce e proteste negli ultimi due mesi di contropiede culminati adesso in una crisi di rapporti col sindaco che oggi ricever una brutta lettera da Costa, una sorta di ultimatum: Sono venuti meno i patti di lealt....

Le demolizioni ritardano.

Ma siamo gi alla minaccia di dimissioni di un assessore per caso, poco omogeneo al gruppo di comando di una citt ufficiale trasformatas per lui in un muro di gomma. Da settimane solo telefonate mute. Missive senza risposta. Relazioni senza seguito. E Costa scrive ricordando a Cammarata che Pizzo Sella resta smbolo della prevaricazione mafiosa, che il protrarsi dell'inerzia dell'Amministrazione sar politicamente inteso come il tentativo di vanificare una troppo lunga azione giudiziaria e sar strumentalizzato per accusarti delle pi nefande intenzioni o, nella migliore delle ipotesi, di esserti lasciato intimidire....

Sono parole contenute in una relazione considerata con sufficienza da gran parte della giunta e da una burocrazia pi in sintonia con amministratori e con-
siglieri pronti a trovare una soluzione in grado di tutelare gli acquirenti in buona fede.

E' l'ipotesi sbandierata dal comitato delle 67 famiglie arroccate sul poggio trasformato in un devastato condominio. Guardiani notte e giorno, una sbarra all'ingresso di un viale e, poi, come oasi nel disastro, ville con piscina, gazebo fioriti, vetrate su prati pettinati. Ed proprio questo che chiede di salvare un sindacalista dell'Enel, Amato, anch'egli considerato ormai per sentenza ex proprietario: Qua! la nostra colpa? Avevo una casa in via Libert. Venduta. Ho fatto un mutuo e la banca mi ha agevolato. Ho chiesto al notaio e mi ha dato via libera. Ho impegnato il mio stipendio per i debiti e abbiamo vissuto con quello di mia moglie. E adesso finisce tutto? Ma fu il sindaco Orlando a rinnovare le nostre licenze....

La sua voce echeggia con quelle di altri inquilini in assemblea con un deputato regionale che li difende pi di tutti, Alberto Acierno, Nuova Sicilia: Io ho i certificati di abitabilit firmati da Orlando.
Non casuale il riferimento al predecessore di Cammarata. Fu lui a mandare una ruspa e tante telecamere in collina nel 2000, quando i tig annunciarono l'inizio delle demolizioni. Ma dopo la prima scena e il primo scheletro tutto si ferm. Con la soddisfazione delle 67 famiglie adesso contro Costa ed aggrappate al nuovo sindaco che in Tv invoca equilibrio e buon senso.
Applaudito da chi rivendica il bollo di terzo in buona fede. Come tanti per non possono fare, stando alle scoperte dell'assessore inflessibile. Perch dopo i primi tornanti c' pure la villa della signora Marmo, moglie del relatore della commissione edilizia che avall la speculazione e che secondo i giudici non pag nemmeno i 20 milioni pattuiti con l'impresa mafiosa. E l a due passi abita pure queU'ingegner Bini che fece da cerniera fra Cardini e le famiglie locali, per questo arrestato e condannato. Piccole grandi storie di una collina, specchio di una citt.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news