LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I Sassi di Matera, la bellezza in cantiere
M. Mau.
Il Sole 24 ore 21/02/2004

MATERA - I turisti giapponesi con il solito ombrellino a proteggerli da un sole che annuncia primavera sembrano tanti manichini. Statue umane tra statue di pietra. Il Sasso Caveoso e il bianco della pietra che muore sui canyon dell'altopiano della Murgia li ipnotizzano. Cos da anni. Ogni mattina c' sempre un pullman di giapponesi. E poi i francesi, gli svizzeri, gli americani. Scendono dai pullman, sciamano per l'intera mattinata, su gi per il Sasso Caveoso e il Sasso Barisano.
E poi via, di nuovo in pullman verso Alberobello, in Puglia, dove riposano e si rifocillano prima di partire per una nuova escursione. A Matera si fermano solo poche ore, si lamenta un'albergatrice trentina con un hotel affacciato sui Sassi che farebbe carte false per tornarsene a San Martino di Castrozza. Matera e i suoi Sassi, un groviglio di muri, tetti, scale, facciate, chiese e caverne dove si rifugiarono i monaci nell'VIII secolo. Palazzotti signorili del 700, cattedrali barocche e chiese rupestri che precipitano verso il centro della cavea. Costruzioni in muratura e grotte scavate nel tufo, case il cui tetto la base dell'altra casa e viceversa. Il caos apparente si scioglie in un'architettura spontanea che ha meravigliato mezzo mondo: costruzioni in muratura e grotte scavate nel tufo, case il cui tetto la base dell'altra casa e viceversa.
L'Unesco, nel '93, li innalza al rango di patrimonio dell'umanit, inserendoli nella World heritage list. Ma molto prima che gli stranieri li scoprissero furono gli italiani a farne uno dei simboli del Mezzogiorno. Simbolo della miseria contadina per lo scrittore Carlo Levi, di una "vergogna nazionale" per il politico Palmiro Togliatti, di un "trogloditismo di ritorno" per gli antropologi. Un dibattito che richiam a Matera intellettuali, giornalisti e fotografi attratti dalla voglia di guardare negli occhi un uomo delle caverne nel bel mezzo del XX secolo. Adriano Olivetti, allora presidente dell'Istituto nazionale di urbanistica e responsabile del programma Fullbright in Italia, chiam un sociologo dell'Universit dell'Arkansas incaricato di studiare la situazione sociale, etica ed economica di una comunit chiusa del Sud. La legge De Gasperi del '53 svuot i Sassi di 16mila abitanti e li trasfer nei nuovi quartieri di La Martella, Venusio, Lanera, Serra Venerd, Spine Bianche, esercizio architettonico di grandi firme dell'urbanistica, da Luigi Piccinato a Carlo Aymonino e Giancarlo De Carlo.
Poi i riflettori si spensero. La coscienza nazionale fu placata, non c'erano pi uomini che vivevano accanto agli asini. Tocca all'Unesco riaccenderli e tocca al Comune di Matera, in base alla legge 771 dell'86, recuperare i Sassi per farne un luogo di accoglienza, di incontro, di socialit. Un processo lento, pieno di contraddizioni, contrassegnato da una serie
infinita di incertezze. Pure Renzo Piano fu chiamato al cospetto dei Sassi. L'architetto genovese disegn un ascensore a vista che dalla sommit del centro storico di Matera scendeva nelle viscere del Sasso Caveoso. Uno strumento di mobilit in un luogo tutto scale e saliscendi che avrebbe facilitato l'accesso anche ai disabili, un innesto di modernit nel tempio di un'architettura primitiva.
Nessuno, raccontano i materani, si prese la briga di comunicare all'architetto Piano che quel progetto avrebbe contribuito ad affollare gli armadi dell'Ufficio Sassi, il dipartimento del Comune di Matera cui spetta per legge il compito di seguire ogni intervento nella parte antica della citt. Gli amministratori locali si sprecano in grandi slogan, ma difettano in azioni concrete. Nel dubbio, preferiscono non decidere, consci che una scelta errata potrebbe avere conseguenze di cui parlerebbero tutti i giornali del mondo.
Dice Franco Palumbo, da quasi 40 anni presidente del Circolo La Scaletta, la prima e ultima associazione cittadina che non ha mai smesso di promuovere i Sassi in Italia e all'estero. La citt ha fatto pochissimo in questi anni, eppure tutto il mondo continua a gratificarci. Questo il paradosso. Troppe gratificazioni e nessuna frustrazione? Basta girare per i Sassi e raccogliere, una serie di giudizi lapidali sulla gestione comunale. I commercianti raccontano che sette societ su nove che ricevettero licenze commerciali concesse dal Comune nel '92 non hanno mai aperto i battenti. E la delibera non prevedeva il ritiro della licenza per inadempienza o mancato avvi dell'attivit: cos ci troviamo nella triste situazione che chi vuole lavorare non lo pu fare e chi ha tutte le carte in regola per farlo non ne ha nessuna voglia, dice un commerciante che vuole rimanere anonimo.
Dorothy Zinn, un'antropologo texana che con il marito materano ha ristrutturato 21 camere su quattro livelli, un balcone naturale sul sasso Barisano, si formata un'opinione precisa: I materani hanno un Rapporto ambivalente con i Sassi. Tanto ambivalente che alla locanda San Martino, cos si chiama l'albergo, la stragrande maggioranza dei clienti non sono n giapponesi n americani, ma manager del Nord che arrivano a Matera per visite d'affari in una delle tante aziende del distretto del divano, un'industria che malgrado la crisi degli ultimi anni continua a essere il motore economico della provincia. Tanto ambivalente che nessuno ha tentato di creare una cooperativa che gestisca e intercetti un flusso turistico sul quale non esistono numeri precisi.
Daniele Cappello, da luglio a dicembre 2003 assessore al turismo del Comune di Matera con un budget di spesa di appena. 1.720 euro, allarga le braccia: I dati degli arrivi significano poco se quasi nessuno si trattiene per il pernottamento. La vox populi indica negli architetti il "partito" cittadino che dai Sassi ricava parcelle sostanziose e soddisfazione professionale. Antonella Guida, architetto e docente di Architettura tecnica all'Universit della Basilicata, non per niente tenera: I cento alloggi ristrutturati per le giovani coppie sono rimasti deserti. Nei Sassi non c' neppure una salumeria, per non parlare di un supermarket. Difficile reggere una situazione simile se si hanno pure dei figli.
I materani se ne stanno alla larga, ma i non lucani farebbero carte false per comprare un alloggio in una caverna. Una ventina di bed&breakfast e 2 soli alberghi (ma altri quattro sono in costruzione) sono ancora ben poca cosa. L'architetto Guida non per nulla ottimista: Regione, Sovrintendenza e ateneo non dialogano. L'ufficio Sassi ha cambiato tre responsabili in tre anni e chi compra casa pretende tutti i comfort di un appartamento in citt. Un cliente mi ha detto: "Perch non demoliamo la volta e ci costruiamo un altro piano?" Io lo dico con grande tristezza: in pochi anni rischiarne di distruggere quello che decine di generazioni di materani hanno costruito e custodito per secoli.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news