LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SOS BIBLIOTECHE Il ticket sui libri in prestito
Marco Dotti
Il Mattino


Scrittore e saggista, nonch critico teatrale di indubbio livello, Ludwig Brne proveniva da una famiglia ebraica di Francoforte. Infanzia e adolescenza interamente circoscitte nell'universo del ghetto, divenne una delle penne pi caustiche e progressiste dei suoi anni, costantemente in bilico tra emancipazione sociale e restaurazione politica. Oggi, in tempi altrettanto oscuri, ma senza arie di rivoluzioni a darci qualche lampo di speranza, il suo nome dice poco. Eppure, nella prima met del diciannovesimo secolo, questo ebreo miscredente, cresciuto sotto l'influsso di Mendelssohn, attratto senza riserve da Jean Paul e animato da una precisa avversione etica ed estetica per Goethe e la retorica pangermanica, fu tra i pi temuti e apprezzati pubblicisti di lingua tedesca. Chiunque abbia presente l'opera di Freud, ricorder che il nome di Brne appare, in Preistoria del movimento psicoanalitico, come l'autore del solo libro ancora conservato, tra quelli regalatigli durante la giovinezza. Conteneva un testo particolarmente significativo che fin dal titolo, L'arte di divenire uno scrittore originale in tre giorni, scontava un gusto, non indifferente, per il paradosso. Scritto di getto nel 1823, il testo di Brne volutamente calcato (al limite del plagio, e proprio questo il punto) su un analogo lavoro di Heinrich von Kleist, dedicato all'impossibilit di dirsi creatori di alcunch. La nostra mente - scrive Brne - una sorta di palinsesto, un insieme di reminiscenze involontarie e di criptoamnesie continue. Solo una riprovevole codardia mentale - conclude - blocca tutti quanti, e la censura dei governi forse meno oppressiva della censura che l'opinione pubblica esercita sulle opere del nostro spirito. notizia di questi giorni che la mano, sempre all'opera, di questa doppia censura ha aggiunto un nuovo tassello al suo complesso mosaico proibizionista. Il 16 gennaio scorso, infatti, la Commissione europea ha avviato un procedimento di infrazione contro l'Italia, la Francia, la Spagna, il Portogallo, il Lussemburgo e l'Irlanda affinch siano modificate le legislazioni di questi paesi che prevedono la gratuit del prestito pubblico effettuato da biblioteche e altri enti pubblici. La ragione del contendere , ovviamente, il prezzo del biglietto, un ticket che gli utenti dovrebbero versare nelle casse degli editori e delle loro associazioni di categoria, a titolo di risarcimento per le copie gratuitamente lette e non vendute. La notizia sarebbe passata inosservata se gran parte dei bibliotecari italiani non avesse avviato un rigoroso dibattito sul problema. Lo scenario che si apre quello di un provvedimento che si inscrive in un quadro generale di attacco al diritto di leggere e di `consumare' cultura, musica, informazione, una censura rispetto a quell'attivit creativa della lettura a cui facevano cenno proprio Kleist e Brne. Anche se non dovesse sortire effetti immediati, la procedura ha gi ottenuto il risultato di far considerare oggi plausibile ci che fino a ieri sembrava inconcepibile. la solita vecchia, bruttissima, storia dei (pochi e di pochi) diritti e dei sempre pi invadenti doveri.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news