LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Urbani e il patrimonio artistico-religioso.
Alfredo Tradigo
FAMIGLIA CRISTIANA, 29-FEB-2004



Lopinione pubblica li trascura. Eppure i musei ecclesiastici sono un fenomeno culturale di grande rilievo in Italia: basti pensare che nell'ultimo trentennio si sono quasi decuplicati (passando dai 104 musei del 1971 agli attuali 827), con una crescita rapidissima in questi ultimi anni dovuta all'effetto-Giubileo. Tra questi musei, i diocesani (quelli cio gestiti dalle diocesi) si sono triplicati, passando da 34 a 102 unit aperte al pubblico. Se si pensa che, su 225 diocesi italiane, 215 hanno comunque un museo in fase di progettazione, allestimento o restauro, facile prevedere che presto ogni diocesi avr la sua esposizione d'arte sacra.
Ecco perch Famiglia Cristiana, in coda ai 12 volumi di La bellezza di Dio. L'arte ispirato dal cristianesimo, ha voluto offrire ai suoi lettori un'opera che rappresenta una novit assoluta: I Musei Diocesani in Italia. Per la prima volta - grazie ai dati forniti dall'Associazione musei diocesani presieduta dall'architetto monsignor Giancarlo Santi (direttore dell'Ufficio nazionale per i beni ecclesiastici della Gei) - sono stati catalogati e illustrati i tesori nascosti del patrimonio artistico-religioso italiano di propriet ecclesiastica.
Per presentare questa grande iniziativa abbiamo invitato nella sede milanese del nostro settimanale il ministro per i Beni culturali, l'onorevole Giuliano Urbani, che ha appena varato il nuovo Codice sui beni culturali e paesaggistici.
In questi due anni e mezzo di ministero, Urbani si particolarmente impegnato in progetti di recupero del patrimonio ecclesiastico: tra opere gi realizzate e finanziate, il ministro ha investito circa 55 milioni di euro (pi di 100 miliardi di vecchie lire) in restauri conservativi che interessano una cinquantina di diocesi. Alcuni interventi riguardano tra l'altro importanti edifici dichiarati dall'Unesco "Patrimonio dell'umanit", come il Palazzo dei Papi di Viterbo, la cattedrale di Lecce o la cripta della cattedrale di Ravenna.
- Ministro Urbani, lei nel dicembre scorso ha inaugurato il Museo diocesano di Lecce, l'827 museo ecclesiastico italiano. Cosa pensa della nostra iniziativa editoriale?
L'opera che mi avete presentato non solo utile dal punto di vista culturale, ma ritengo sia importante per costituire una rete tra gli stessi musei diocesani, che spesso ignorano le reciproche ricchezze. Se pensiamo che in ogni Regione ci sono almeno una decina di diocesi, si capisce bene quale lavoro di tutela del patrimonio storico-artistico italiano questa rete territoriale possa sviluppare in stretta collaborazione. I beni ecclesiastici mi stanno particolarmente a cuore perch sono attualmente i pi minacciati dall'abbandono.
- L'Italia dovrebbe essere dichiarata tutta "patrimonio culturale"...
S, e per questo stiamo iniziando un lavoro di catalogaziene di questo patrimonio in parallelo con la Conferenza episcopale: non si tratta dell'ordinaria catalogaziene a fini storico-artistici (che ha tempi molto lunghi, siamo solo al 30 per cento), ma di inventariare in fretta i beni esistenti per mettere in rilievo quelli "a rischio" che necessitano di interventi immediati. - Ministro, a distanza di sessant'anni dalla legge Bottai sui beni culturali, e dopo 30 anni dalla Galasso sulla tutela del paesaggio, lei ha riscritto completamente la materia in un nuovo Codice, semplificando la normativa che regola la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico italiano. Non sono mancate le polemiche e qualcuno ha temuto si potesse vendere ai privati anche il Colosseo...
Noi lavoriamo con il Demanio e l'elenco dei beni vendibili redatto in accordo con le Sovrintendenze locali; ogni bene censito e schedato, immobile per immobile: facciata, interni, stucchi, affreschi, arredi... Bisogna distinguere tra i beni che dichiariamo vendibili -e che non hanno valore artistico - e quelli che, pur avendo un certo valore estetico, possono essere acquistati dai privati "a destinazione d'uso vincolato", previa presentazione e approvazione di un apposito piano di ristrutturazione: la regola-base infatti che ogni intervento debba essere compatibile con la conservazione. Per quanto riguarda la fruibilit al pubblico, la maggior parte di questi edifici ha valore solo per le facciate e i cortili, cio le parti godibili su strada. - Nel nuovo Codice lei ha inserito per la prima volta il paesaggio tra i "beni
culturali" e alla sua tutela ha sottoposto ogni intervento urbanistico: cosa succeder con le Regioni?
Questo punto stato uno "strappo in avanti" notevole, perch di per s il paesaggio sarebbe di competenza esclusiva delle Regioni: con il nuovo Codice, invece, lo Stato interviene a fianco delle Regioni per una pianificazione paesaggistica che non mai stata attuata finora. I criteri saranno gli stessi della legge Galasso, che per giaceva inattuata perch i vincoli emessi dalle Sovrintendenze erano spesso ignorati dai Comuni, che facevano ricorso al Tar. Oggi, sottraendo a questi poteri deboli (Comuni e Province) la tutela del paesaggio italiano, lo abbiamo rimesso sotto le ali dello Stato. Pensi che l'Emilia-Romagna e il Veneto ci hanno chiesto di affrettare con una legge-delega questa normativa, per difendersi dagli abusi di una devolution selvaggia.
- Ministro, dopo duemila anni di cristianesimo e arte, cristianesimo e urbanistica e - perch no? - cristianesimo e paesaggio, perch si fa cos fatica a livello di Parlamento europeo a riconoscere queste radici?
Tutti i miei colleghi ministri europei per la Cultura concordano che i valori unificanti e aggreganti dell'Europa sono cristiani. Ci che non voluto entrare perla porta (il preambolo alla Costituzione europea) abbiamo per cercato di farlo entrare dalla finestra: ho chiesto ai 10 nuovi Paesi della Ue di indicare un'opera, letteraria o artistica, un romanzo o un film, che possa essere significativa del loro Paese e della loro cultura. Tutto ci confluir poi nel Museo virtuale d'Europa. Con questo progetto, che ho chiamato Agenore (il padre d'Europa, secondo la mitologia greca), ho voluto sollecitare i ministri per la Cultura della Ue a riflettere sulle radici della nostra civilt.
Abbiamo sfogliato il progetto Agenore: si cita il grande storico Mare Bloch, che parla dell'universalit della cultura greco-romana e giudaico-cristiana; si cita un altro grande storico, Lucine Febvre, che parla del "crogiolo dei popoli europei", che si sono integrati reciprocamente; si cita soprattutto il poeta inglese T.S. Eliot che scrive: La forza dominante nel creare una comune cultura fra popoli, ciascuno dei quali possiede una cultura distinta, (sempre e soltanto) la religione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news