LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Urbani presenta i Nuovi Uffizi. Il pi grande museo italiano
Marco Ferri
Giornale della Toscana 25/02/2004

Conto alla rovescia per i Nuovi Uffizi. Nel giro di due anni la celebre galleria sar rivoluzionata da una completa ridefinizione dei
percorsi e dal raddoppio della superficie espositiva.
Una vera e propria trasformazione che - come sottolineato dal ministro per i Beni e le attivit culturali Giuliano Urbani illustrando il progetto esecutivo - per l'Italia un evento di importanza pari alla realizzazione di una grande infrastruttura come il ponte di Messina o il Mose di Venezia. Ma non basta: i Nuovi Uffizi, una volta completati, diventeranno il museo pi grande d'Italia, nonch un museo esteso pi imponente del Louvre di Parigi, perch agli spazi della Galleria (misurer 3 volte e mezzo la Pinacoteca di Brera) baster sommare quelli del Corridoio Vasariano (che riacquister la sua funzione di collegamento tra Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti), della Galleria Palatina, del Giardino di Boboli e poi su su fino al Forte Belvedere. Sar un percorso di splendore, ha detto il soprintendente Paolucci, da sempre a favore della piena funzionalit del Corridoio Vasariano: Penso al giorno in citi sar reso praticabile come percorso opzionale attraverso tutta la Citt degli Uffizi. Cinque nuove sale. Il primo assaggio di questa rivoluzione l'avremo il sei marzo quando, per la prima volta, aprir il primo piano degli Uffizi. Come sottolineato dal soprintendente speciale al Polo museale fiorentino Antonio Paolucci, qui vi troveranno spazio 25/30 capolavori, tra i quali tre Caravaggio (Bacco, Medua e Sacrificio d’Isacco) pi alcuni caravaggeschi, i bellissimi dipinti di Guido Reni (Davide e Golia, Sant’Andrea Corsini), di Manfredi, Gherardo Delle Notti (Giuditta e Oloferne) e di Artemisia Gentileschi. L’idea di ampliare il museo dedicandogli tutti gli spazi dell'edificio vasariano (che fino al 1988 ospitava l'Archivio di Stato) vecchia di almeno sessant'anni, quando era sottosegretario Carlo Ludovico Ragghianti. Solo nel 1991 ha preso il via il trend che ha portato al progetto esecutivo, completato in un anno. A spiegarlo, oltre al ministro Urbani, c’erano il direttore generale per i Beni Architettonici e il Paesaggio Roberto Cecchi, il soprintendente Antonio Paolucci, il sindaco Leonardo Domenici e Gianni Cibin di Edizioni Property spa (Gruppo Benetton). Riferendosi alla celerit con cui nato il progetto esecutivo, il ministro Urbani ha detto che un mezzo miracolo per gli standard italiani ed dovuto alla collaborazione tra Ministero, Comune e sponsor privati. Sapendo attivare una collaborazione tra tutti si riesce a ottenere la prospettiva pi ambiziosa. Oggi una giornata simbolo - ha proseguito il ministro - per la solida prospettiva di valorizzazione culturale e turistica della citt e del Paese. E una scommessa esaltante per il futuro di quello che possiamo definire il tesoro degli italiani, cio il patrimonio dei beni culturali che non solo una risorsa economica, ma anche civile.
La galleria cambia volto.
Secondo quanto previsto dal progetto esecutivo, entro il 2006 prender corpo un nuovo itinerario di visita e un nuovo sistema di servizi: occuper ben 27mila metri quadrati. In particolare la superficie dedicata all'esposizione raddoppier passando da 6000 a 13000 metri quadrati con circa 2000 opere d'arte da ammirare al posto delle 1200 attuali. Con questa sistemazione, molti dei capolavori chiusi nei depositi - museo dentro il museo tutto da scoprire - potranno essere scoperti dai visitatori. I 4500 visitatori giornalieri attuali saliranno a 7000, cosi come le lunghe file d'attesa di chi privo della prenotazione dovrebbero ridursi di drasticamente. Il mutamento del percorso si avr gi dal 6 marzo quando, insieme alle cinque nuove sale al primo piano, verr inaugurata anche l'uscita provvisoria sul retro dell'ala di levante del museo che si affaccia su Piazza del Grano; la definitiva si avr so lo quando sar risolta l'annosa questione della pensilina dell’architetto giapponese Isozaki.
Due anni di lavori.
I cantieri per dare il nuovo assetto alla galleria si apriranno entro il 2004 provocando solo una chiusura parziale di alcune aree interessate dagli interventi. Ad esempio molte delle aree lasciate libere dopo il trasloco dell'Archivio di Stato sono in cattivo stato di conservazione e necessitano di cure di una certa consistenza. Ma questo non stato certo un problema nel prevedere soluzioni per armonizzare il flusso dei visitatori all'interno degli spazi museali. Infatti l'iter all'interno della galleria, rispetto all'attuale, muter radicalmente snodandosi dal secondo piano (che i rester presso
che intatto) al primo, al piane terra, all'interrato dove saranno disponibili gran parte dei servizi (aree di accoglienza e di uscita biglietteria, bookshop, sportello postale, bagni e guardaroba, caffetteria e ristorante accessibili sia dall'interno che dall'esterno. Per ci che concerne la sistemazione delle opere, godibili con un ritmo espositivo pi coerente e una visione d'insieme meno affollata, all'altezza della Loggia dei Lanzi cominceranno a snodarsi le raccolte di pittura dal Cinquecento all'Ottocento ordinate per epoche e scuole; la scultura antica trover sede nei corridoi e nella sala della Niobe mentre le mostre temporanee, si concentreranno esclusivamente al mezzanino; infine nell'ala ovest i grandi saloni di fronte all'Arno ospiteranno alcune opere del Novecento. Le altre novit riguarderanno nuove scale ed ascensori interni i per ridurre il traffico sugli scaloni monumentali e nuovi sistemi d'illuminazione (previsto l'utilizzo di fonti luce realizzate ad hoc), di controllo termoigrometrico dell'aria (per mantenere costanti
temperatura, tasso d'umidit e ventilazione nel rispetto dei canoni di conservazione delle opere) e di sicurezza.
Le risorse impiegate.
Il costo totale dell'impresa si aggira sui 60 milioni di euro, quasi tutti messi a disposizione dall’amministrazione statale, in particolare gli interventi di 0000tesiamo, consolidamenti, scavo e manutenzione assorbiranno il 75 per cento dello stanziamento. La spesa per gli impianti tecnologici si aggirer sui 14 milioni di euro. Solo il progetto esecutivo (coordinato dal ministero per i Beni culturali e a cui hanno partecipato per alcuni
aspetti anche due tra i maggiori architetti italiani Adolfo Natalizi e Pietro Castiglioni) si avvalso per la fase esecutiva di risorse finanziarie messe a disposizione dal Comune di Firenze e dalla societ Edizione Property del Gruppo Benetton a cui Palazzo Vecchio ha detratto 2,8 miliardi di
vecchie lire che la societ doveva per gli oneri relativi alla ristrutturazione dell’ex cinema Capitol che verr inaugurato il 6 marzo.
Il ministero, da parte sua si impegnato formalmente a garantire le ulteriori risorse necessaria per la realizzazione dell’intero insieme delle opere.
Il polo museale vivr.
A margine della presentazione del progetto sui Nuovi Uffizi si parlato anche della futura geografia delle soprintendenze cittadine. La soppressione del polo museale fiorentino non prevista da nessuna norma, da nessun regolamento, da nessun articolo. Si sta parlando semplicemente di una cosa che non esiste. Con queste parole il ministro Urbani, ha risposto a chi gli chiedeva cosa i pu cambiare nella riforma del ministero e dei suoi organismi periferici dipendenti. Spero che nessuno si innamori dei nomi, ha continualo il ministro, riferendosi indirettamente alle nuove soprintendenze museali che potrebbero nascere nel prossimo futuro. Le scatole sono importanti per quello che contengono, non per le etichette esterne. L'importante - ha concluso - che le scatole contengano delle buone cose.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news