LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche fuorilegge
m.s.p.
l'Unit 5/3/2004

L'Europa vuole farsi amare? Stavolta, mostrando la sua faccia pi burocratica e pi lobbystica, sembra che abbia deciso di farsi detestare da una categoria di cittadini che pure dovrebbe coltivare come i suoi migliori: quelli che amano leggere e studiare anche se le tasche non glielo permettono, e quelli che che lavorano perch questo possa avvenire. Insomma, da utenti delle biblioteche pubbliche e bibliotecari. Che, da settimane, si agitano infatti nella incorporea ma ormai vitale e imprevedibile piazza telematica: via web, frequentatori, bibliotecari, scrittori, qualche editore, si sono dati appuntamento a un convegno che si svolto il 21 febbraio scorso a Cologno Monzese, in collegamento con una giornata di lotta che, in contemporanea, si svolgeva in Spagna, a Guadalaiara (per gli esiti,
wvw.biblioteca.colognomonzese.mi.it). Mentre l'appuntamento di oggi a un convegno a Parma. Parola d'ordine: no al ticket sul prestito. Lo spettro che s'aggira in alcuni Paesi della Comunit europea - il nostro, pi Francia, Portogallo, Spagna, Lussemburgo e Manda - infatti una direttiva del 1992 sul diritto di prestito pubblico: a norma di essa autori ed editori godono di un diritto di prestito esclusivo, solo loro cio possono autorizzare o vietare il prestito pubblico delle loro opere e, seppure il singolo Stato potr derogare a questa regola, dovr comunque garantire che gli autori vengano remunerati in modo forfettario per la circolazione dei loro titoli. Nel 2002 la Commissione s' accorta che alcuni Stati membri non avevano ancora recepito la direttiva ed passata in azione: primo paese denunciato, il Belgio, che il 16 ottobre scorso stato condannato dalla Corte di Giustizia, mentre la Commissione ha deciso di mettere in mora i sei paesi, nostro compreso, che abbiamo elencato prima.
Ticket tra il mezzo euro e l'euro sul saggio, il manuale, il romanzo che andiamo a chiedere al bancone della biblioteca comunale o nazionale? In apparenza la faccenda, che rientra nel gran dibattito generale sul copyright, bench non simpatica, suona logica. E a sostenerla, in Italia, l'associazione di categoria degli editori, l'Aie. Ma a ben vedere lo scenario si svela tra il surreale e l'anacronistico, per pi ragioni. Primo, un motivo, chiamamolo cos, politico: tra i paesi inadempienti, quelli dove il no alla direttiva europea pi forte, sono, non per caso, quelli dove il tasso di lettura pi basso. I
lettori forti - pi di 11 libri l'anno - sono il 17% della popolazione in Portogallo, il 12,9 da noi, il 10 in Spagna. In quest'Europa mediterranea, insomma, il ruolo delle biblioteche pubbliche - uno dei settori di nuovo Welfare dove negli ultimi decenni si investito - fondamentale. E lo slogan No al prestito a pagamento suona come una reazione disperata: perdere quei pochi lettori che ogni anno, grazie al prestito, si riescono a grattare dal bacino maggioritario dei non lettori? Penalizzare proprio quelli che, nonostante non abbiano i mezzi per comprarsi i libri, vogliono leggere e studiare? Secondo, un motivo legato alla nuova riproducibilit dell'opera d'arte o dell'ingegno: in un mondo dove posso scaricarmi dalla Rete tutto quello che voglio, che senso ha tassare l'opera su carta? Terzo, un motivo che ha a che fare con le pi innovative formule di marketing: a Roma, come gi in altre citt europee, si stanno sperimentando gli spazi vendita dentro le stesse biblioteche comunali. Perch? Perch tu leggi in sala, o ti porti a casa, il tuo classico saggio storico sul protestantesimo di Trevor Roper o l'ultimo romanzo di Grisham, dopodich possibile che ti scatti questa molla: mi piaciuto, voglio comprarlo per rileggerlo tra un anno, oppure voglio altri titoli dello stesso autore.
E adesso cosa succede? Per ora, la situazione a bocce ferme. In attesa che la procedura della Commissione diventi davvero operativa (e, a quel punto, ad agire dovranno essere di concerto tre ministeri: Beni culturali, Politiche comunitarie ed Esteri) ci accontentiamo delle intenzioni del sottosegretario Nicola Bono (delega alle biblioteche) che nei giorni scorsi ha rilevato come sia paradossale che una direttiva europea vada contro la diffusione della cultura perseguita da un'organizzazione delle Nazioni Unite, l'Unesco. Si va, ha aggiunto, verso una soluzione di compromesso, che difenda il valore dell'ingegno e non crei balzelli in un settore che in Italia fatica a crescere. Volendo esempi, in Danimarca, Islan-da, Regno Unito, Svezia, Germania, a pagare sono lo Stato o le amministrazioni locali.
Ma la piazza telematica, intanto, si organizza: dal convegno di Cologno Monzese sono partiti un manifesto in cerca di sottoscrittori e una lettera a Prodi. stato registrato un nuovo dominio, www.nopago. org, dove confluiscono le iniziative di questa nuova Internazionale, quella del no al prestito a pagamento. Mentre dalla Spagna arriva la proposta di dedicare il 23 aprile, dal 1995 giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, e festa del libro e della rosa in Catalogna, a iniziative che sensibilizzino l'opinione pubblica sull'argomento: i bibliotecari spagnoli prevedono d'incatenarsi davanti alle biblioteche nazionali, di abbigliarsi in nero, di listare i libri col nastrino del lutto con cui un tempo si celebrava la perdita di un parente stretto.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news