LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Botticelli torna a Firenze. Con un quadro molto conteso
Francesca Pini
Corriere della Sera - Sette 4/3/2004

C' un'opera di Botticelli che da cinque secoli a questa parte sempre stata invisibile, essendo in mani private. E che, per la prima volta, ma solo per cinque mesi (pochi per chi l'ammirer, tanti per chi la presta) si potr vedere: sar una delle attrattive della mostra fiorentina sul grande maestro del Quattrocento, a Palazzo Strozzi, dall'11 marzo. Era la quarta tavola (tempera su legno) forse il coperchio di un cassone che Giannozzo Pucci ebbe come dono di nozze da Loren-zo il Magnifico nel 1483. Smontato il mobile, le tavole gi sfuse furono poi vendute verso il 1865 dai Pucci per realizzare liquidit (preferirono tenere i terreni vendendo invece alcune opere). Tre di esse ricomparvero nel 1940 quando il politico catalano Francese Camb le lasci al Prado di Madrid. La quarta, migrata per altre vie in Inghilterra, conflu nella collezione di un Lord e fu riacquisita, non senza difficolt, a fine anni Sessanta dal marchese Emilio Pucci, stilista fondatore della maison di moda, a un'asta londinese su segnalazione di un amico, quando ormai non pensava pi di riuscire a farla rientrare tra i tesori di famiglia.
il Banchetto nuziale di Nastagio degli Onesti che neppure Antonio Paolucci, soprintendente per il polo museale di Firenze, ispiratore della grande mostra dedicata a Botticelli e a Filippino Lippi, mai riuscito a toccare con gli occhi, di persona. Ma al quale ha fatto la corte per mesi, con qualche suspense, per poterlo avere tra le opere da esporre: in citt gi serpeggiava il mormorio sul rifiuto pi che sul consenso. Il valore aggiunto che il prestito di questa tavola offre alla mostra di Botticelli degno di nota, afferma Paolucci grazie alla marchesa Pucci, per la prima volta da che fu eseguita l'opera, si possono veder riunite tutte e quattro le tavole dipinte da Botticelli, che hanno per soggetto un episo-
dio narrato dal Boccaccio (protagonista Nastagio degli Onesti) nel Decamerone. Queste tavole rappresentano il momento della "grazia" in questo pittore del quale, in mostra, vi saranno pure le opere dell'inquietudine, come l'apocalittica Nativit mistica, da Londra, unica opera firmata, iscrivibile all'influenza della predicazione del Savonarola, in cui compaiono diavoli sconfitti e giusti incoronati.
La vicenda di Nastagio sinistra: un giovane nobile, respinto da una fanciulla, passeggiando in un bosco vede un cavaliere armato braccare e uccidere una donna alla quale strappa cuore e budella per darli in pasto ai suoi mastini, ma ella si rialza e l'inseguimento continua, in etemo. Interrogato il cavaliere, Nastagio apprende che si tratta di un morto suicida per colpa di un amore non corrisposto. Proprio come il suo. Questa visione gl'ispira un'idea: organizza un banchetto nel bosco al quale invita l'amata e i familiari. Puntualmente, all'ora stabilita, la visione si ripete. Urla e orrore tra gli astanti. La poveretta comprende il messaggio e rimane cos impressionata che decide di piegarsi alla volont di Nastagio e di sposarlo.
Ero indecisa se prestare il quadro, ma per motivi seri, non per gelosa vanit, dice la marchesa Pucci, cercavo, aspettavo un incontro con Paolucci anche per chiarirmi le idee. Ma qualcosa nel meccanismo delle comunicazioni fra di noi non ha funzionato. Forse un mio biglietto, non su carta intestata, si perso tra altre carte, fatto sta che io aspettavo lui e lui aspettava me. E cos
siamo arrivati alla vigilia. Ritengo sia sbagliato prestarlo, ma anche non prestarlo. Ho detto di no ai Musei Vaticani e poi al museo del Lussemburgo di Parigi. Far viaggiare una tavola antica sconsigliabile. Questa poi fragilissima: ha subito un restauro difficile. L'hanno segata a met per togliere il legno marcio e richiuderla. Ho acconsentito al prestito pensando a mio marito, a un episodio affettivo che ci lega a questo quadro: si rammaricava molto della vendita delle tavole del Botticelli. Il suo sogno era recuperarne almeno una, ma non essendovi traccia, decise a modo suo di farne una copia: disegn un foulard nel quale
ricre le nozze di Nastagio, con i volti di me e lui, sposi. Quando poi compr la tavola all'asta, per otto mesi la lasci in deposito alla Christie's. E fu allora che rischiammo di perderla di nuovo: negli ambienti d'arte si cominci a discutere sull'opportunit di farla uscire dall'Inghilterra lasciandola a un privato. La tavola ha lo status di temporanea importazione, quindi pu circolare regolarmente. Sulla questione intervenne l'autorevole John Pope Hennessy: disse che quel quadro era nato per i muri di casa Pucci e che l doveva tornare, secondo una logica di ricongiungimento storico.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news