LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alla Mostra un fabbricante di cinema
Michele Fullin
Il Gazzettino 5/3/2004

Marco Muller il nuovo direttore della Mostra del cinema di Venezia. Niente da fare per Moritz De Hadeln, per la cui conferma si erano mossi in molti, il quale concluder la sua collaborazione alla fine di aprile. La decisione arrivata al termine di un lungo e combattuto consiglio di amministrazione della Biennale, il primo della presidenza di Davide Croff. La carne al fuoco era molta: tra i punti all'ordine del giorno figuravano l'approvazione del nuovo Statuto, la nomina del direttore generale, le decisioni strategiche sulle sedi della mostra del Lido, dell'Archivio storico e della stessa istituzione. Non c' dubbio, tuttavia, che sia stata la designazione del successore di De Hadeln a tenere banco per la maggior parte del tempo. Il presidente Croff ha parlato di "posizioni difformi", di "idee e proposte diverse".
C' stato molto dibattito - ha confermato Croff al termine del consiglio - sono state valutate da quattro a sei ipotesi con nomi anche stranieri, ma alla fine il consiglio ha deciso su Muller senza neppure il bisogno di votare. Sar lui il direttore per il prossimo quadriennio, anche se ci sar una
verifica al termine della prima edizione. Non c' dubbio che la scelta riguarda un professionista indiscusso, un "fabbricante di festival" che ha il metodo e le conoscenze necessarie per tenere alto il nome di Venezia. Una scelta lineare con cui questo ente supera il periodo d'incertezza degli ultimi mesi per dedicarsi alla progettualit di medio periodo. Con De Hadeln, che ringrazio per l'opera svolta, supereremo ogni questione da gentiluomini. All'interno del consiglio, per, la scelta non stata cos lineare. Due consiglieri avevano dato parere inizialmente negativo e per questo alla fine si arrivati al compromesso della verifica dopo un anno, ma solo dopo che Croff ha messo sul tavolo tutto il suo peso. A questa nomina il presidente della Regione, Giancarlo Galan, non ha del resto fatto mistero di essere stato contrario, cos come era contrario alla designazione del direttore generale proposto da Croff, Luciano Carbone. Quando l'amico Valerio Riva (il suo rappresentante in Cda, ndr) mi ha detto della sua intenzione di candidare Gabriel Garcia Marquez - ha dichiarato sibillino Galan - sono rimasto felicemente sorpreso nella convinzione che quello dei premi Nobel,
quale il grande scrittore Marquez, dovrebbe essere il livello cui dovrebbe aspirare la nuova Biennale.
Anche dal centrosinistra giungono perplessit. Per il deputato veneziano dei Ds, Andrea Martella, il sintomo di una difficolt all'interno del Consiglio dell'ente.
Muller un professionista preparato - ha dichiarato - ma rimane il giudizio negativo sulla defenestrazione di De Hadeln, fortemente voluta dal ministro Urbani. Non si capisce nemmeno la modalit con cui avvenuta la nuova nomina, senza votazione, e che cosa stia accadendo alla Biennale di Venezia. Per una valutazione del profilo culturale di Muller, vale anche il commento di un suo predecessore, Felice Laudadio, secondo cui il ministro Urbani che ha avallato la nomina di Mueller non ha la pi lontana idea di che festival possa fare il neo direttore, se guardiamo alle sue precedenti esperienze.
A parte le inevitabili polemiche, chiaro che l'intenzione di Croff quella di prendere in mano con piglio
manageriale l'organizzazione della Mostra affinch questa possa mantenere o, se possibile, migliorare il suo posizionamento nello scacchiere internazionale. Anche per questo ha deciso di piazzare un suo uomo di fiducia alla direzione generale dell'ente: Luciano Carbone, 47 anni, era infatti direttore del personale alla BNL, e a lui sar affidato il compito di "capomacchina" ( una sua espressione) di una struttura complessa come la Biennale.
Entro breve tempo - ha continuato Croff - presenteremo un programma di massima della prossima Mostra. Al momento posso solo dire che intenzione della Biennale valorizzarne sia l'aspetto culturale che quello della spettacolarit, cercando di compenetrare sempre di pi la manifestazione con la citt di Venezia.
Pi tranquille sono state le nomine (o meglio, le conferme) dei direttori del settore Architettura (Kurt Forster), Danza (Karole Armitage), Musica (Giorgio Battistelli) e Teatro (Massimo Castri), ma solo per un anno, con riserva di valutazione del loro operato. stata poi confermata la decisione dello spostamento dell'Archivio storico in terraferma, al Parco scientifico e tecnologico, cos come stata ribadita la volont di accentare tutto il personale nel palazzo Querini Dubois, dove si trova gi la presidenza. E per il nuovo palazzo del cinema sar indetto un concorso di idee.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news