LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA CAPITALE: ultime novit
Sito del Senato, http://www.senato.it/

Nella seduta delle Commissioni riunite del 15 gennaio il comma 3, lett. a) dell'art 18 di A.S. 1117, Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell'articolo 119 della Costituzione, stato modificato con l'approvazione di un subemendamento proposto dalla maggioranza.
Il subemendamento sostituisce a
"a) tutela e valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali;"
l'espressione
"a) valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali previo accordo con il Ministero per i beni e le attivit culturali"
--------------------------

DOCUMENTAZIONE
Legislatura 16 - Commissioni 1, 5 e 6 riunite - Resoconto sommario n. 23 del 15/01/2009


COMMISSIONI 1, 5 e 6 RIUNITE
1 (Affari Costituzionali)- 5 (Bilancio) - 6 (Finanze e tesoro)

GIOVED 15 GENNAIO 2009 - 23 Seduta

Presidenza del Presidente della 6 Commissione
BALDASSARRI

Intervengono il ministro per le riforme per il federalismo Bossi, il ministro per la semplificazione normativa Calderoli, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Brancher e i sottosegretari di Stato per l'economia e le finanze Molgora e Vegas.

La seduta inizia alle ore 15,45.

[.................]

Si passa quindi alle proposte aggiuntive relative allarticolo 18.

Dopo che il RELATORE ha formulato parere contrario su tutti gli emendamenti aggiuntivi allarticolo 18, ad eccezione che sulla proposta 18.0.100 a propria firma, il rappresentante del GOVERNO, nellesprimere parere conforme al relatore, chiarisce che in ordine al subemendamento 18.0.100/4 la valutazione negativa risulta di carattere meramente tecnico.

Dichiarano di aggiungere la firma alla proposta 18.0.100/4 i senatori FERRARA (PdL), SALTAMARTINI (PdL), MARAVENTANO (LNP), FAZZONE(PdL), POLI BORTONE (PdL) e COSTA (PdL).

Con separate votazioni sono quindi respinte le proposte 18.0.100/1, 18.0.100/2 e 18.0.100/3.

Il senatore FLERES (PdL) interviene in dichiarazione di voto favorevole sulla proposta 18.0.100/4, rilevando che il problema dei collegamenti con le isole riguarda tante regioni italiane e costituisce un tema particolarmente delicato inerente al trasporto quale servizio essenziale anche per i cittadini dei territori insulari.

Posto quindi ai voti il subemendamento 18.0.100/4 risulta respinto.

Dopo che il senatore DE ANGELIS (PdL) ha aggiunto la propria firma al subemendamento 18.0.100/5, la senatrice POLI BORTONE (PdL), nel raccomandarne lapprovazione, osserva che non vi sono ragioni giuridicamente valide per non estendere alla generalit dei comuni il principio affermato al comma 7, lettera b), dellarticolo aggiuntivo 18-ter (emendamento 18.0.101 del relatore) che prevede, tra i criteri di attribuzione alla citt di Roma di un proprio patrimonio quello del trasferimento, a titolo gratuito, dei beni appartenenti al patrimonio dello Stato non pi funzionali allamministrazione dello Stato. In caso contrario, Ella prosegue, non solo si darebbe luogo a una disparit di trattamento in favore di Roma Capitale, ma soprattutto si impedirebbe ai comuni la possibilit di recuperare importanti beni patrimoniali situati nei loro territori per valorizzarne la funzione nei confronti della popolazione residente.

Il ministro CALDEROLI comprende lesigenza prospettata dalla senatrice Poli Bortone e la invita a convergere sul subemendamento 18.0.101/2 del relatore, che modifica la disposizione prima richiamata inserendo un riferimento a un principio di delega di carattere generale stabilito nellarticolo 16, lettera d), del disegno di legge, il quale dovrebbe evitare ogni rischio di disparit di trattamento. Esprime quindi lipotesi di un ritiro della proposta di modifica in votazione.

La senatrice POLI BORTONE (PdL), nellinsistere per la votazione della propria proposta, rileva che lulteriore modifica avanzata dal relatore non appare idonea a scongiurare il ventilato rischio di riservare un trattamento di favore alla citt di Roma Capitale.

Posto in votazione, il subemendamento 18.0.100/5 risulta respinto.

La senatrice INCOSTANTE (PD) dichiara il voto favorevole allemendamento 18.0.100, il quale recepisce una delle proposte qualificanti della propria parte politica in riferimento al problema del recupero del deficit infrastrutturale delle regioni economicamente meno progredite.

Le Commissioni riunite approvano quindi lemendamento 18.0.100.

Si passa quindi allesame dei subemendamenti riferiti alla proposta 18.0.101 del relatore.

Il relatore AZZOLLINI (PdL) e il ministro CALDEROLI esprimono quindi un parere contrario sul subemendamento 18.0.101/1.

Il relatore AZZOLLINI (PdL) presenta una riformulazione in un testo 2 del proprio subemendamento 18.0.101/2, (pubblicato in allegato al resoconto dellodierna seduta).

La senatrice INCOSTANTE (PD), nel preannunciare il voto favorevole alla proposta 18.0.101/1, rileva criticamente in riferimento alla previsione recata dal comma 3, lettera b), dellemendamento 18.0.101 del relatore che essa sembra operare una forzatura nellattribuire a Roma Capitale anche le funzioni amministrative in materia di valutazione dellimpatto ambientale. Osserva, al contrario, che la proposta alternativa della propria parte politica delinea un assetto di competenze amministrative maggiormente rispettoso del sistema in vigore.

Anticipando il proprio voto favorevole allemendamento 18.0.101/1, il senatore D'UBALDO (PD) giudica improprio attribuire alla sola citt di Roma le competenze in materia di valutazione di impatto ambientale, posto che, nellesperienza concreta, la realizzazione di opere pubbliche che incidono sul paesaggio e sullambiente coinvolge molto spesso territori di pi enti locali. La formulazione contenuta nellemendamento del relatore prospetta quindi il rischio di sacrificare le ragioni di tutela delle comunit territoriali che confinano con la citt di Roma.

Il relatore AZZOLLINI (PdL) precisa che la disposizione in questione non altera in alcun modo il complessivo riparto delle competenze amministrative in materia ambientale e non determina quindi alcuna sottrazione alle prerogative degli altri enti territoriali interessati.

Il ministro CALDEROLI specifica infatti che larticolo aggiuntivo presentato dal relatore introduce una disciplina transitoria che si ispira al rispetto delle fonti normative di rango primario, senza determinare il pericolo di una alterazione delle competenze amministrative previste dalla legge.

Il senatore LUSI (PD), in riferimento al subemendamento 18.0.101/2 (testo 2), rimarca polemicamente che si tratta della terza riformulazione presentata dal relatore durante la seduta.

Posto in votazione, il subemendamento 18.0.101/1 viene respinto.

Nellanticipare il proprio voto contrario alla proposta 18.0.101/2 (testo 2), il senatore D'UBALDO (PD) rileva che la posizione del gruppo del Partito democratico sempre stata chiara in ordine allesigenza di dare attuazione allarticolo 114 della Costituzione per quanto riguarda lordinamento della citt di Roma. Tuttavia, giudica contraddittorio che il Governo e la maggioranza abbiano deciso di inserire tale normativa allinterno di un disegno di legge di delega legislativa che presenta contenuti squisitamente finanziari e tributari, senza peraltro rendere chiaro il complessivo sistema di finanziamento delle funzioni attribuite alla citt di Roma. Allinverso, la proposta alternativa della propria parte politica, contenuta nellemendamento test non accolto, reca una disciplina maggiormente omogenea ed equilibrata, tanto sotto il profilo istituzionale quanto dal punto di vista finanziario.

Il senatore LUSI (PD), anticipando il proprio voto contrario allemendamento 18.0.101/2 (testo 2), osserva che il richiamo alla procedura della concertazione con il Ministero competente in materia di valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali, se da un lato sembra rispettosa dei principi affermati nella giurisprudenza della Corte costituzionale, dallaltro presenta tuttavia il non auspicabile rischio di un blocco operativo delle funzioni amministrative connesse a tale materia. In proposito, nellesperienza si assiste spesso alla paralisi o al tardivo operare delle autorit amministrative, nellipotesi in cui il metodo della concertazione non conduca a una decisione condivisa. Su tale specifico versante, peraltro, la proposta complessiva del relatore, come modificata in caso di accoglimento del subemendamento in votazione, non prospetta alcun meccanismo idoneo ad assicurare il superamento dei problemi richiamati. Tali considerazioni riguardano anche la previsione di cui alla lettera b) del comma 3 dellemendamento 18.0.101 in riferimento alla valutazione di impatto ambientale.

Il ministro CALDEROLI esprime una valutazione positiva della modifica che il subemendamento in votazione intende apportare allarticolo aggiuntivo del relativo per quanto riguarda la materia della valorizzazione dei beni storici, artistici e ambientali mentre si riserva una valutazione pi approfondita sulla previsione contenuta nella lettera b) del comma 3 della proposta 18.0.101 in relazione alla valutazione di impatto ambientale.

Anche il relatore AZZOLLINI (PdL) si riserva la possibilit di proporre eventuali riformulazioni della norma sulla valutazione di impatto ambientale in occasione dellesame del disegno di legge da parte dellAssemblea.

Attesa la reiezione della proposta politica del Partito Democratico sullordinamento di Roma Capitale, la senatrice ADAMO (PD) dichiara che non parteciper alla votazione degli emendamenti 18.0.101/2 (testo 2) e 18.0.101, sottolineando che lattuazione dellarticolo 114, terzo comma, della Costituzione avrebbe dovuto aver luogo attraverso uno specifico e autonomo disegno di legge, unicamente alla elaborazione delle disposizioni concernenti i poteri e le funzioni delle citt metropolitane. Ritiene quindi un errore procedere alla definizione dellassetto di Roma Capitale allinterno del disegno di legge in esame, che presenta un carattere marcatamente fiscale.

Il ministro CALDEROLI dichiara che la decisione di affrontare il problema di Roma Capitale nellambito del disegno di legge di attuazione del federalismo fiscale stata assunta collegialmente dal Governo. Peraltro, ricorda come anche i precedenti sindaci di Roma, appartenenti al Centrosinistra, avessero ribadito in numerose occasioni lindifferibile esigenza di dare attuazione al precetto costituzionale.
Per quanto riguarda lordinamento delle citt metropolitane, richiama le difficolt di ordine politico e istituzionale legate alla presenza di interessi spesso non coincidenti di cui sono portatori i vari livelli di governo coinvolti. Ribadisce pertanto limpegno del Governo a predisporre un disegno di legge sulle citt metropolitane, ma avverte che il positivo esito di tale iniziativa postula il superamento di una logica di tipo conflittuale da parte dei vari soggetti istituzionali.

Posto dunque in votazione, il subemendamento 18.0.101/2 (testo 2) risulta approvato.

Il senatore D'UBALDO (PD) dichiara il proprio voto contrario allemendamento 18.0.101, richiamando le ragioni che avrebbero reso preferibile accogliere la proposta alternativa del Partito Democratico.

Posto in votazione, lemendamento 18.0.101 risulta approvato nel testo modificato.

Per effetto dellaccoglimento dellemendamento 18.0.101, il presidente BALDASSARRI avverte che si intende approvato lemendamento 13.100.


al link: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=337291


18.0.101/2 (Testo 2)
IL RELATORE
All'emendamento 18.0.101, nel comma 3, sostituire la lettera a) con la seguente: "a) valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali previo accordo con il Ministero per i beni e le attivit culturali" e nel comma 7, lettera b, aggiungere infine le seguenti parole:"in conformit a quanto previsto dall'art. 16 , comma 1, lettera d".


18.0.101/2
IL RELATORE
All'emendamento 18.0.101, nel comma 3, sopprimere la lettera a) e nel comma 7, lettera b, aggiungere infine le seguenti parole:"in conformit a quanto previsto dall'art. 16 , comma 1, lettera d".

18.0.101
IL RELATORE
Dopo l'articolo, inserire il seguente:
Articolo 18-ter. (Ordinamento transitorio di Roma capitale ai sensi dell'articolo 114, terzo comma, della Costituzione)
1. In sede di prima applicazione, fino all'attuazione della disciplina delle citt metropolitane, il presente articolo detta norme transitorie sull'ordinamento, anche finanziario, di Roma capitale.
2. Roma Capitale un ente territoriale, i cui attuali confini sono quelli del comune di Roma e dispone di speciale autonomia, statutaria, amministrativa e finanziaria, nei limiti stabiliti dalla Costituzione. L'ordinamento di Roma Capitale diretto a garantire il miglior assetto delle funzioni che Roma chiamata a svolgere quale sede degli organi costituzionali nonch delle rappresentanze diplomatiche degli Stati esteri, ivi presenti presso la Repubblica italiana, presso lo Stato della Citt del Vaticano e presso le istituzioni internazionali.
3. Oltre a quelle attualmente spettanti al Comune di Roma, sono attribuite a Roma Capitale le seguenti funzioni amministrative:
a) tutela e valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali;
b) difesa dall'inquinamento; valutazione dell'impatto ambientale in collaborazione con il Ministero competente e con la Regione Lazio;
c) sviluppo economico e sociale di Roma Capitale con particolare riferimento al settore produttivo e turistico;
d) sviluppo urbano e pianificazione territoriale;
e) edilizia pubblica e privata;
f) organizzazione e funzionamento dei servizi urbani, con particolare riferimento al trasporto pubblico ed alla mobilit;
g) protezione civile, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei ministri e la Regione Lazio;
h) ulteriori funzioni conferite dallo Stato e dalla Regione Lazio, ai sensi dell'articolo 118, secondo comma, della Costituzione.
4. L'esercizio delle funzioni di cui al comma 3 disciplinato con regolamenti adottati dal Consiglio comunale, che assume la denominazione di Assemblea capitolina, nel rispetto della Costituzione, dei vincoli comunitari ed internazionali, dei principi della legislazione statale e di quella regionale nonch in conformit al principio di funzionalit rispetto alle speciali attribuzioni di Roma Capitale. L'Assemblea capitolina, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo di cui al comma 5, approva, ai sensi dell'articolo 6, commi 2, 3 e 4, del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, con particolare riguardo al decentramento municipale, lo statuto di Roma Capitale che entra in vigore alla data della sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana.
5. Con specifico decreto legislativo, adottato ai sensi dell'articolo 2, sentiti la Regione Lazio, la provincia di Roma e il comune di Roma, disciplinato l'ordinamento transitorio, anche finanziario, di Roma capitale, secondo i seguenti principi e criteri direttivi:
a) specificazione delle funzioni di cui al comma 3 e definizione delle modalit per il trasferimento a Roma capitale delle relative risorse umane e dei mezzi;
b) fermo quanto stabilito dalle disposizioni di legge per il finanziamento dei comuni, assegnazione di ulteriori risorse a Roma Capitale tenendo conto delle specifiche esigenze di finanziamento derivanti dal ruolo di capitale della Repubblica, previa la loro determinazione specifica, e delle funzioni di cui al comma 3.
6. Il decreto legislativo di cui al comma 5 assicura i raccordi istituzionali, il coordinamento e la collaborazione di Roma capitale con lo Stato, la Regione Lazio e la Provincia di Roma, nell'esercizio delle funzioni di cui al comma 3.
7. Il decreto legislativo di cui al comma 5, con riguardo all'attuazione dell'articolo 119, sesto comma, della Costituzione, stabilisce i principi generali per l'attribuzione alla citt di Roma, capitale della Repubblica, di un proprio patrimonio, nel rispetto dei seguenti principi e criteri direttivi specifici:
a) attribuzione a Roma Capitale di un patrimonio commisurato alle funzioni e competenze ad essa attribuite;
b) trasferimento, a titolo gratuito, a Roma Capitale dei beni appartenenti al patrimonio dello Stato non pi funzionali alle esigenze dell'Amministrazione centrale.
8. Le disposizioni di cui al presente articolo e quelle contenute nel decreto legislativo adottato ai sensi del comma 5, possono essere modificate, derogate od abrogate solo espressamente. Per quanto non disposto dal presente articolo, continua ad applicarsi a Roma Capitale quanto previsto con riferimento ai comuni dal testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni.
9. A seguito dell'attuazione della disciplina delle citt metropolitane e a decorrere dall'istituzione della citt metropolitana di Roma Capitale, le disposizioni di cui al presente articolo si intendono riferite alla citt metropolitana di Roma Capitale.

al link: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=337291

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=337291


news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news