LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SANATORIE Dal Trentino alla Puglia uno scontro senza confine
Il sole 24 ore 23 marzo 2004


Il conflitto sar risolto nell'udienza dell'11 maggio.

La lotta fra Stato e Regioni incominciata al solo annuncio di condono edilizio. E non appena pubblicato il Dl 269/2003 le Regioni si sono mosse in due direzioni: il ricorso alla Corte costituzionale e la formazione di leggi regionali "attuative", che in realt ponevano vincoli talmente forti da vanificare il progetto governativo. I ricorsi pendenti davanti alla Corte costituzionale e per i quali l'udienza di merito fissata all'11 maggio sono stati presentati da otto Regioni: Lazio, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Basilicata, Emilia Romagna, Campania e Toscana.

Le leggi regionali. Alcune Regioni, pur non avendo fatto ricorso, hanno attuato provvedimenti restrittivi: la Puglia aveva deciso di anticipare la scadenza per presentare le domande per ottenere la sanatoria in materia edilizia al 31 gennaio.
Il disegno di legge regionale in discussione in Liguria prevede che siano condonabili gli ampliamenti di manufatti non superiori a 450 metri cubi, contro un massimo di 750 metri cubi fissato dalla norma nazionale. Per quanto riguarda le nuove costruzioni, potranno essere ammesse alla sanatoria solo le unit abitative non superiori ai 1500 metri cubi, contro i 3000 della legge statale. E anche i costi saranno pi salati se il Ddl verr approvato in questa forma. In Sardegna c' stato di fatto un via libera alla legge. Il provvedimento impone per l'esclusione del condono per le opere realizzate nelle zone di rilevante interesse paesistico e ambientale gi indicate dalla legislazione regionale in vigore dal 1989.
Anche nella provincia autonoma di Trento c' stato un s condizionato alla sanatoria.

Le leggi blocca-condoni. Una strategia pi radicale scelta dal alcune Regioni (e perseguita parallelamente o meno al ricorso alla Consulta) stata quella di approvare leggi che non limitassero ma addirittura bloccassero il condono. Cos ha fatto il Friuli-Venezia Giulia, di fatto rendendo inapplicabile la sanatoria per le opere abusive realizzate dopo il 31 dicembre 1993 nella regione. L'Emilia Romagna ha invece stabilito che i Comuni sospendano i procedimenti aperti dalle richieste di sanatoria presentate fino all'entrata in vigore di una nuova legge regionale, entro il 31 marzo prossimo, stabilendo la non sanabilit delle violazioni in contrasto con le norme urbanistiche vigenti.
Pi radicale di tutte la Toscana, che ha approfittato del fatto di essersi gi adeguata al Tu edilizia (Dpr 380/01) con la legge 43/03. Dato che nel Dl 269 si specifica (articolo 32, comma 2) che le norme sul condono vengono disposte nelle more dell'adeguamento della disciplina regionale ai principi del Tu edilizia, la Toscana sarebbe per definizione "fuori" dal condono. Il consiglio comunale di Bolzano ha scelto limiti fortissimi: per quanto riguarda interventi realizzati abusivamente su costruzioni legittimamente preesistenti la sanatoria ammessa solo per variazioni che non superino il 30% dei valori di progetto e comunque non superiori complessivamente a 200 metri cubi, ridotti a 100 metri cubi nei centri storici.







news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news