LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Difendiamo gli usi civici
Piero Baronti (Presidente di Legambiente Toscana)
Avvenimenti, segnalato alla Posta della Redazione

Dopo il patrimonio immobiliare ed artistico italiano tocca a boschi, prati di montagna, pascoli, lembi di costa, propriet collettive appartenenti alle varie comunit locali, che tra poco potrebbero diventare una nuova ed appetitosa occasione speculativa. Stiamo parlando delle aree ad uso civico o ad uso collettivo.
Se la proposta di legge di smantellamento di queste aree, attualmente al vaglio del Parlamento, andr in porto, saranno cinque milioni in tutta Italia gli ettari di terreno a rischio svendita: il 15 per cento del territorio nazionale. Ma le cifre sono approssimate per difetto poich non esiste ancora una mappa nazionale di questo tipo di aree, nonostante ci sia tutto il materiale necessario per redigerla.
Solo in Toscana questo tipo di propriet si estende per oltre 110.000 di ettari. Praticamente una provincia di media entit. I territori ad uso civico per secoli sono stati utilizzati per soddisfare i bisogni della comunit a cui appartenevano: pascoli, campi coltivabili, boschi da cui ricavare legna, selvaggina, acqua, cibo per la popolazione e per gli animali allevati.
Un antico modo di possedere. Una nobile forma di gestione solidale e comunitaria. Di cui nel nostro paese rimasta traccia importante.
Gli usi civici sono le vecchie propriet comunali che gli abitanti dei villaggi coltivavano ed utilizzavano durante lepoca feudale. I nobili sfruttavano i feudi e i contadini potevano utilizzare degli appezzamenti di terra che non potevano, di regola, essere vendute.
Il primo tentativo di alienazione delle aree ad uso civico avvenne in Toscana intorno al 1780. Con le Riforme Leopoldine i contadini si trovano di fronte allordine granducale di vendere queste terre. Tentarono di resistere. Le aree furono comunque vendute, ma i contadini, associandosi a piccoli gruppi, riuscirono a ricomprarle. Avvenne cos una sorta di riscatto del popolo. Ancora oggi esistono i comunelli, cio comunioni che riuniscono gli eredi dei compratori che acquisirono le terre riscattate.
Ad oggi, lultima legge importante che regola il settore del 1927. La bozza di testo unico del Ddl 406, attualmente giacente al Senato, riformerebbe completamente la materia in questione, raccogliendo proposte di legge sia del centrodestra che del centrosinistra. Con la sola eccezione di Verdi e Rifondazione Comunista, che si sono opposti. Prevede lalienazione dei territori ad uso civico a fine puramente speculativo, sciogliendoli cos da ogni tipo di vincolo ambientale che la precedente legislazione prevedeva e in questo modo privando le comunit interessate di un bene collettivo che ha un forte valore storico, ma anche simbolico.
Legambiente lancia, anche attraverso queste pagine su Avvenimenti, una campagna in difesa degli usi civici che la legge allesame del Senato vorrebbe cancellare. Una legge che ne vorrebbe mutare la natura e la funzione, inserendo nelle logiche di mercato un patrimonio di inestimabile valore storico, ambientale e paesaggistico. Il passaggio a propriet comunali, visti i tagli ai bilanci degli enti locali, rischierebbe la loro definitiva alienazione ai privati.
Se invece gli usi civici e le propriet collettive restassero propriet condivisa delle comunit locali, frazionali e comunali, potrebbero continuare a funzionare da presidio territoriale: il lavoro di manutenzione del sistema agro-silvo-pastorale che queste comunit svolgono un servizio indispensabile per la conservazione dellambiente da dissesto idrogeologico.
In sintesi la prospettiva dellapprovazione del disegno dalienazione degli usi civici doppiamente allarmante perch, da una parte, dimentica o sembra voler superare il concetto di bene pubblico a favore di quello privato e dallaltra pone in serio pericolo la conservazione delle aree private alla funzione di presidio territoriale che svolgono attualmente.
Inoltre si tratterebbe di una legge palesemente incostituzionale perch non prevede alcuna forma dindennizzo nei confronti dellinteresse pubblico, palesemente ignorato. Visto che nessuno comprer mai boschi e pascoli se poi non potr costruirci residence, alberghi, centri sportivi o altro di immediato ritorno economico, la vendita dei terreni comporter altres la necessaria caduta dei vincoli di tutela ambientale a cui i beni civici sono soggetti dalla precedente legge Galasso (l. 431/85).
Un disegno di legge che prevede gi la sanatoria delle costruzioni abusive non potr che avallare ogni forma di speculazione compresa quella edilizia. Questo significa che cinque milioni di ettari di aree naturali sono a rischio cementificazione.
Quel che resta di un grande e antico patrimonio storico, culturale, sociale, naturale e paesaggistico verr slegato dai vincoli ambientali e quindi abbandonato alla sorte o alla coscienza di qualche magnanimo imprenditore edilizio. Contro questo disegno di legge va combattuta una battaglia dura e coerente come contro il condono edilizio e contro la Patrimonio Spa, nel campo dei beni culturali.
Da questo governo arrivano ogni giorno segnali sempre pi allarmanti, che tendono ad erodere lentamente ed in silenzio qualsiasi idea di propriet collettiva e di bene pubblico a favore di prospettive neoliberiste che fanno della logica del profitto letica del proprio agire. Di fronte a questi scenari anche singole lotte acquistano un valore diverso.




news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news