LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Perugino del Papa - Restaurata la Resurrezione
KATAWEB ART 22 marzo 2004

Restaurata la Resurrezione, conservata nella biblioteca dellappartamento delle udienze di Giovanni Paolo II. Ora esposta nel Salone Sistino dei musei Vaticani

CITTA DEL VATICANO - Qualche volta la si vede, per pochi secondi in televisione, dietro al Papa, a fare da sfondo agli incontri con i capi di Stato. la grande pala della Resurrezione del Perugino (alta 2,33 metri per 1,65), che ha questo strano privilegio di essere visibile e non visibile perch collocata nella biblioteca privata del pontefice (esattamente biblioteca dellappartamento delle udienze), dove Giovanni Paolo II riceve i personaggi pi rappresentativi (come i presidenti Carter, Reagan, Gorbaciov, Ciampi, eccetera). Dopo 40 anni la pala uscita dalla biblioteca (vi entr con Paolo VI) e dopo una sosta di pi di tre anni nei laboratori dei Musei Vaticani, fra studi, indagini scientifiche, restauro vero e proprio, viene presentata in una mostra (Il Perugino del Papa) dal 17 marzo al 31 maggio. al Salone Sistino, nella Galleria della Biblioteca, Musei Vaticani (stesso biglietto senza aumenti). Al suo posto c per ora Lincoronazione della Vergine del Pintoricchio, ma dopo la mostra il Perugino torner nella biblioteca del papa.
un tipo di mostra raro, ma di cui si sente la mancanza perch fa scoprire i segreti interni di unopera darte, i suoi punti deboli, e le risorse sorprendenti dei restauri moderni che cercano di non creare situazioni (e quindi guai) irrecuperabili. Una sola opera che il pubblico pu vedere davanti e dietro (particolarmente interessante in questo caso trattandosi di una tavola che nascondeva nel supporto ligneo i problemi maggiori e che ha avuto bisogno di una struttura di sostegno), con il corredo di indagini, quasi sequenze cinematografiche. Si scoprono cos gli errori dei restauri precedenti, le sovrabbondanti stuccature ridipinte per rendere piana la tavola che si era imbarcata lungo le giunture delle quattro assi di pioppo. Gli accorgimenti adottati oggi per rendere non pericolosi i movimenti naturali delle assi, tagliandole e inserendo listelli di pochi millimetri di spessore di legno di balsa (quello dei modellisti). E poi la riconquista di particolari originali della pittura che il maggior premio di un restauratore insieme alla salvezza e salute dellopera darte.

Non uno dei capolavori del Perugino, unopera di bottega (anche se aveva attirato lattenzione dei predatori napoleonici nel 1797), ed infatti non stata neppure chiesta dai curatori della grande mostra dedicata al Perugino in corso a Perugia e in Umbria. Ma lopera ha un altissimo significato come sfondo degli incontri del capo della Chiesa cattolica con i grandi della Terra. Per il mistero centrale della fede in Ges, morto e risorto per la salvezza dellintera umanit come osserva il curatore della mostra Francesco Buranelli, direttore dei musei del Vaticano. E il papa lannunciatore del Vangelo a tutti i popoli. Il restauro stato finanziato da due patrons of arts dei Musei Vaticani, i signori McLauglin di New York.

Secondo una iconografia particolare, nella pala del Perugino il Cristo non esce dal sepolcro, ma, inserito nella mandorla, gi sopra alla tomba in parte scoperchiata, con un riferimento anche allAscensione. In mano ha la bandiera crocesegnata del vincitore. Intorno, quattro soldati addormentati o stupefatti. Sullo sfondo un paesaggio probabilmente ispirato al lago Trasimeno, da cui spuntano un campanile, una chiesa pieni daria.

Che la pala sia unopera di bottega - spiega Arnold Nasselrath, direttore del reparto di arte bizantina, medievale e moderna dei Vaticani - lo si capisce dallapplicazione dei cartoni preparatori tipica dellorganizzatissima bottega del Perugino (due botteghe addirittura a Firenze e Perugia per pi di dieci anni) che utilizzavano cartoni per intero o in parte, nello stesso verso o ribaltati. Lo schema del Cristo nella Resurrezione vaticana si ripete nelle Ascensioni per la chiesa perugina di San Pietro e di Borgo San Sepolcro ed identico a quello nella quasi coeva Trasfigurazione del collegio del Cambio e in quella pi tarda per Santa Maria dei Servi, sempre a Perugia. Solo la posizione del braccio di sinistra o della mano destra sono ogni tanto leggermente variate. Sfruttano cartoni anche i due angeli, identici, in volo su di una nuvoletta a fianco del Cristo. Gli angioletti sono quelli dipinti dal Perugino alla Sistina o alla Porziuncola.
La pala ha punti deboli, cadute di qualit? Risponde Nasselrath: Specialmente dopo la pulitura della tavola la pittura e i colori si presentano molto equilibrati. Non spicca n una mano virtuosa n un pennello particolarmente debole. Insomma la bottega del Perugino assicurava un livello standard di qualit.

Sfruttando una preparazione (stesa con estrema cura che conferisce alla pellicola pittorica un aspetto molto levigato) e una incisione della tavola gi iniziate al momento del contratto (marzo 1499), Perugino & C completarono la pala in un tempo brevissimo (circa due mesi). Committente fu Bernardino di Giovanni da Orvieto (come ha scoperto in occasione della mostra Federica Moscatello, e non come finora ritenuto Bernardino di Giovanni da Corneto). Si tratta di un membro di una importante famiglia umbra che richiese la pala per laltare della cappella di famiglia in San Francesco al Prato a Perugia, insieme ad una seconda tavola (San Giovanni Battista ed altri santi) che Perugino consegner dieci anni dopo. Secondo Nasselrath la Resurrezione doveva essere vista da lontano, dai fedeli in uscita dalla chiesa e questa posizione chiustificherebbe anche alcune parti della tavola, come il paesaggio, che non sembrano portate a termine.

Chiss se il Perugino avrebbe utilizzato a piene mani la bottega e avrebbe liquidato la pala in due mesi, se avesse saputo che qualche anno dopo Raffaello, lallievo diventato ancora pi grande del maestro, avrebbe dipinto nella stessa chiesa, diventata una specie di Pantheon di Perugia, due delle pale pi importanti per due delle famiglie pi in vista, la Pala Baglioni e la .

Il restauro ha salvato il Perugino del Papa. La curva dello stato di conservazione della pala estremamente fragile, era arrivata al limite, con il rischio della perdita di grosse porzioni di pellicola e materia pittoriche sintetizza Maurizio De Luca, il maestro che ha diretto il restauro dal punto di vista operativo. Gli interventi che hanno maggiormente inciso sulla vita della Resurrezione sono stati i due ottocenteschi sul supporto ligneo. Come era rituale, lo spessore delle assi venne assottigliato (da quattro centimetri a due-due e mezzo) per bloccare un grave degrado del legno (porosit, decoesione) provocato da insetti xilofagi, funghi e batteri. Come conseguenza fu necessario rinforzare la tavola con traverse fisse e scorrevoli (parchettatura) per ristabilirne la planarit e bloccarne limbarcamento. Le traverse furono per disposte con landamento delle fibre perpendicolare a quello delle assi, tale da ostacolare i naturali movimenti del legno che concentrarono le tensioni sullunione fra le assi, con numerose fessurazioni visibili sul recto e verso del dipinto.

Lintervento di oggi ha reso le assi libere di muoversi secondo la parchettatura, seguendo le variazioni di temperature e umidit dellambiente. Rimosse le traverse scorrevoli, ridotto lo spessore delle traverse fisse queste sono state incise con tagli paralleli nei quali sono stati inseriti i listelli di balsa, un legno senza venature, dolce e pi tenero del legno in cui stato inserito che pu quindi muoversi liberamente. Le fessurazioni delle assi sono state risanate con piccoli cunei di pioppo disposti in modo che le fibre del legno fossero parallele a quelle delle assi della tavola. Infine stata realizzata una nuova struttura di sostegno con elementi fissi di pioppo e mobili di alluminio. Questa struttura e i listelli chiari di balsa sono ben visibili sul retro della pala. I restauratori hanno anche scoperto che tutta la parte posteriore del dipinto era di colore rosso.

Il secondo pi importante intervento sulla pala stato quello del 1954, un maquillage sulla parte pittorica per eliminare le cattive vernici eccessivamente ingiallite e lo stato del dipinto molto ossidato. Lintervento moderno ha eliminato lo spesso strato di vernice a sua volta ingiallito, le stuccature delle lacune lungo le linee di unione delle assi e le fessurazioni sulle quali erano state fatte integrazioni pittoriche tanto abbondanti da nascondere brani considerevoli di pellicola pittorica originale. Sono stati allora rimossi tutti i rifacimenti e le ridipinture recuperando particolari come il profilo dellangelo di sinistra, il cimiero del soldato addormentato di sinistra (il draghetto ha ora il becco aperto) e la mano del soldato in secondo piano a destra. Le lacune sono state ricostruite a tratteggio verticale, sempre reversibile. Il Perugino del Papa salvo, ma deve essere sorvegliato come tutte le opere darte fragili e sottoposte a interventi complessi. Come gli organismi umani.

(Goffredo Silvestri)

Notizie utili - Il Perugino del Papa. La pala della Resurrezione: storia di un restauro. Dal 17 marzo al 31 maggio. Roma. Musei Vaticani. Salone Sistino (Galleria della biblioteca). A cura di Francesco Buranelli, direttore delle Gallerie e Musei Vaticani. Catalogo Skira. Orari da luned a venerd 8,45-15,20 (uscita 16,45); sabato e ultima domenica del mese 8,45-12,20 (uscita 13,45). I Musei Vaticani sono chiusi domenica (ad eccezione dellultima del mese), 12 aprile, 1 e 20 maggio.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news