LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LEGAMBIENTE Il sacco dell'ecomafia
Andrea Gagliardi
Il Manifesto

Nel 2003 impennata dei reati Rifiuti e abusivismo edilizio i settori pi redditizi

ROMA I dati del 2003 segnano una impennata dell'ecomafia. Lo rivela il decimo rapporto di Legambiente sull'illegalit ambientale, presentato a Roma. Una pubblicazione in cui l'associazione ecologista ricapitola le cifre del business ecomafia nell'ultimo decennio e aggiorna quelle dell'anno appena trascorso. I numeri parlano chiaro. Nel 2003 gli illeciti ambientali aumentano del 32% rispetto al 2002. Si espande il giro d'affari illegale in tutti i settori, dal traffico dei rifiuti all'abusivismo edilizio, al racket di animali e opere d'arte agli incendi dolosi, tanto che l'ecobusiness sfiora i 19 miliardi di euro. Raddoppia il numero dei sequestri giudiziari e degli arresti, grazie all'applicazione dell'articolo 53 bis del decreto Ronchi che, punendo l'organizzazione di traffici illegali di rifiuti, ha consentito alle procure italiane di avviare una ventina di inchieste. Quanto ai dati regione per regione, alla Campania va la maglia nera nelle infrazioni ambientali complessive e nel settore dell'abusivismo edilizio, mentre il Lazio al primo posto per gli illeciti relativi al ciclo del cemento e la Sicilia si conferma in pole position per quelli nel ciclo dei rifiuti. Ancora pi eloquenti le cifre dell'ultimo decennio. Il fatturato dell'ecomafia tra il 1994 e il 2003 si attesta sui 132 miliardi di euro e, nello stesso periodo, sono state realizzate in Italia oltre 400 mila costruzioni abusive, concentrate per oltre la met nelle regioni meridionali a consolidata presenza mafiosa.

Un quadro con molte ombre e poche luci (come il rafforzamento del comando tutela ambiente dell'arma dei carabinieri) dove al danno si unisce la beffa del condono edilizio, definito dal presidente di Legambiente Roberto Della Seta una misura irresponsabile che rivitalizza il business dei clan mafiosi. A fronte di questo scenario l'associazione ecologista avanza alcune proposte. L'introduzione nel codice penale dei delitti contro l'ambiente (una misura evocata inutilmente sin dalla scorsa legislatura e sponsorizzata dal procuratore nazionale antimafia Pier Luigi Vigna), l'istituzione di un ufficio nazionale per la lotta all'abusivismo edilizio, e il superamento della stagione dell'emergenza in Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, con il ritorno dei poteri dai commissari straordinari agli amministratori locali. Il ministro dell'ambiente Altero Matteoli, intervenuto alla presentazione del rapporto di Legambiente, preferisce per fare lo struzzo. Pur ribadendo la sua personale contrariet al condono edilizio (sono stato messo in minoranza) Matteoli si ostina a sostenere che i reati ambientali non sono cresciuti (sembrano di pi solo perch sono aumentati i controlli) come pure solo l'abusivismo minore sarebbe cresciuto (magari si aperta qualche finestra in pi). Per non parlare dell'emergenza rifiuti, settore in cui Matteoli arriva a indicare nei termovalorizzatori la soluzione del futuro.





news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news