LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LEGAMBIENTE Il sacco dell'ecomafia
Andrea Gagliardi
Il Manifesto

Nel 2003 impennata dei reati Rifiuti e abusivismo edilizio i settori pi redditizi

ROMA I dati del 2003 segnano una impennata dell'ecomafia. Lo rivela il decimo rapporto di Legambiente sull'illegalit ambientale, presentato a Roma. Una pubblicazione in cui l'associazione ecologista ricapitola le cifre del business ecomafia nell'ultimo decennio e aggiorna quelle dell'anno appena trascorso. I numeri parlano chiaro. Nel 2003 gli illeciti ambientali aumentano del 32% rispetto al 2002. Si espande il giro d'affari illegale in tutti i settori, dal traffico dei rifiuti all'abusivismo edilizio, al racket di animali e opere d'arte agli incendi dolosi, tanto che l'ecobusiness sfiora i 19 miliardi di euro. Raddoppia il numero dei sequestri giudiziari e degli arresti, grazie all'applicazione dell'articolo 53 bis del decreto Ronchi che, punendo l'organizzazione di traffici illegali di rifiuti, ha consentito alle procure italiane di avviare una ventina di inchieste. Quanto ai dati regione per regione, alla Campania va la maglia nera nelle infrazioni ambientali complessive e nel settore dell'abusivismo edilizio, mentre il Lazio al primo posto per gli illeciti relativi al ciclo del cemento e la Sicilia si conferma in pole position per quelli nel ciclo dei rifiuti. Ancora pi eloquenti le cifre dell'ultimo decennio. Il fatturato dell'ecomafia tra il 1994 e il 2003 si attesta sui 132 miliardi di euro e, nello stesso periodo, sono state realizzate in Italia oltre 400 mila costruzioni abusive, concentrate per oltre la met nelle regioni meridionali a consolidata presenza mafiosa.

Un quadro con molte ombre e poche luci (come il rafforzamento del comando tutela ambiente dell'arma dei carabinieri) dove al danno si unisce la beffa del condono edilizio, definito dal presidente di Legambiente Roberto Della Seta una misura irresponsabile che rivitalizza il business dei clan mafiosi. A fronte di questo scenario l'associazione ecologista avanza alcune proposte. L'introduzione nel codice penale dei delitti contro l'ambiente (una misura evocata inutilmente sin dalla scorsa legislatura e sponsorizzata dal procuratore nazionale antimafia Pier Luigi Vigna), l'istituzione di un ufficio nazionale per la lotta all'abusivismo edilizio, e il superamento della stagione dell'emergenza in Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, con il ritorno dei poteri dai commissari straordinari agli amministratori locali. Il ministro dell'ambiente Altero Matteoli, intervenuto alla presentazione del rapporto di Legambiente, preferisce per fare lo struzzo. Pur ribadendo la sua personale contrariet al condono edilizio (sono stato messo in minoranza) Matteoli si ostina a sostenere che i reati ambientali non sono cresciuti (sembrano di pi solo perch sono aumentati i controlli) come pure solo l'abusivismo minore sarebbe cresciuto (magari si aperta qualche finestra in pi). Per non parlare dell'emergenza rifiuti, settore in cui Matteoli arriva a indicare nei termovalorizzatori la soluzione del futuro.





news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news