LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La ricerca umanistica sempre Cenerentola
Alberto Melloni
Il Corriere della Sera 8/4/2004

Il finanziatore privato di cultura l'impresa in senso lato: la cooperativa, la fondazione bancaria, il consorzio si muove in Italia con modi primitivi. Paga un dottorando sperando in un brevetto, traffica con la sponsorizzazione sportiva, lucida una chiesa perch coi miei soldi faccio quel che voglio io. Se mai fa scivolare qualcosa verso i miliardi di disgraziati del pianeta, per essere annoverato fra i telebuoni o per sorridersi nel magico specchio mattutino che riflette le rughe e la coscienza. Per la ricerca resta qualche spicciolo, dove ricerca vuol dire scienza in camice bianco, lesta nel ricadere in fabbrica o nel curare le malattie che ci spaventano.
Per la ricerca umanistica la storia, la filosofia, la filologia, ecc. per il sapere che sa soltanto produrre spirito critico e convivenza respirabile, resta niente, nonostante le leve fiscali. Talune imprese non disdegnano la sponsorizzazione dei grandi eventi (mostre, restauri, concerti, ecc.) e dei festival: occasioni nelle quali l'etichetta scanzonata o la mondanit attirano folle a un consumo culturale che diventa insostenibile se a monte non vi sono luoghi che accumulano il sapere. Se si trattadi passare dal consumo alla costruzione del tessuto culturale, allora tutto diventa difficile.
Altrove non cos. Qualche dolorosa comparazione? La Fondazione Volkswagen ha investito molti denari per recuperare e pubblicare gli atti del Concilio della Chiesa ortodossa russa celebrato nel 1917, alla vigilia della rivoluzione. Un lavoro di anni che interessa meno di mille persone in tutta l'Europa occidentale. Non stata una scelta ispirata dai gusti di qualche capo interno o dalla politica. Giustamente la Fondazione, che proietta una grande impresa nel mondo, considera strategico dimostrarsi capace di valorizzare una proposta che sa seminare competenze, tradizione, scuola (e alla fine pure politicamente intelligente). Compariamo? In Italia a una grande banca non bastano dieci mesi per sapere se i diari inediti di Papa Giovanni siano un tema serio...
Ma andiamo avanti con qualche confronto. Perch le imprese del porto di Boston pagano la nuova sede del Dipartimento di teologia, mentre gli ex alunni dell'Universit di Bologna, fra i quali non sono rari gli abbienti, chiedono all'ateneo di essere finanziati per ritrovarsi? Perch le donazioni di industrie Desanti
hanno fatto della biblioteca di Princeton, New Jersey, il pi importante luogo del mondo per la ricerca sull'Impero ottomano? Perch uomini d'impresa hanno dato a Berkeley cinquant'anni di primato negli studi sui manoscritti del diritto canonico medievale, a Brown l'iniziativa negli studi su Pico della Mirandola e ad Harvard a un passo dal Mit i maggiori esperti degli apocrifi del Nuovo Testamento o dell'antica biblioteca gnostica di Nag Hammadi?
La risposta semplice: un grande Paese sa che il sapere uno. L'idea di fare a fette il sistema sapere e impilarlo in base a priorit estemporanee testimonia e causa l'arretratezza di un sistema Paese. Il problema non dunque perder tempo per dimostrare che alla fine anche l'inutile produce reddito o, peggio ancora, per ragionare di un mecenatismo obsoleto e insulso. Un sistema economico che si sente esonerato, disobbligato dall'investire in ricerca umanistica biblioteche, laboratori, nuovi musei, luoghi di perfezionamento, grandi edizioni, opere di rango internazionale testimonia di un limite culturale che non pu non avere conseguenze. Perch chi non sa che la crescita ha bisogno di cultura inservibile, produce declino. I nodi sui quali agire sono almeno tre. L'arretratezza propria del mondo scientifico umanistico, spesso fermo al modello romantico dell'erudito triste e solitario, che non si spende per la generazione futura, ma gi la disprezza. La lentezza della classe politica nel dare linee di sviluppo e risorse (si discute in questi giorni in Senato il disegno di legge 1491 per stanziare cinque miseri milioni di euro per tutt'Italia...). Il provincialismo con cui gli esperti del marketing d'impresa o di fondazione calcolano il ritorno degli investimenti: perch affinare le capacit d'investire in ricerca umanistica, significa affinare i sensori di lungimiranza e di disinteresse, che sono il crinale etico di un Paese avanzato, e dovrebbero essere anche al centro dell'interesse delle imprese in senso lato.
La cronaca ci ha detto in questi mesi che un apprezzato mecenate del consumo di cultura ha saputo sfilare al sistema bancario e pastorizzare una somma pari a quella che il Parlamento vorrebbe destinare alla ricerca umanistica nei prossimi seimila anni... giusto cos. Ci sono disastri che non sono fragorosi: l'anima che si sbriciola, non fa rumore.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news