LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GRANDI OPERE - La stretta del Ponte
Guglielmo Ragozzino
Il Manifesto


Frassoni e Fava organizzano il voto del parlamento europeo per evitare lo scempio.

Ultime manovre intorno al Ponte, vanto del governo. Oggi il bando, tra sette giorni il voto del parlamento europeo

Oggi la Gazzetta ufficiale pubblicher il bando per il general contractor del Ponte sullo Stretto. Lo rende noto Pietro Ciucci, amministratore delegato della societ Stretto di Messina. L'importo base di gara di 4,4 miliardi di euro e nel caso vi sia davvero una gara tra concorrenti reali, per scegliere il vincitore conta il prezzo, il valore estetico e tecnico; e poi i tempi, l'importo del prefinanziamento, la maggior quota delle imprese affidatarie. Come ovvio, pur in un bando cos improvvisato, non vi alcun cenno ai problemi ambientali. Pietro Lunardi, il ministro responsabile parla di ennesima conferma e di successo della legge obiettivo. In altre parole il ministro se le canta e se le suona. Ma improbabile che qualcuno sia tanto sconsiderato da rispondere all'appello. Il Tunnel sotto la Manica ha mangiato sette volte il capitale; e neppure il Golden Gate Bridge sta tanto bene in salute, tanto che prevede di perdere 130 milioni di dollari nei prossimi cinque anni. La decisione di pubblicare il bando risponde per a una assai seria tempistica europea. Il 22 aprile , tra una settimana, il parlamento europeo, nella sua ultima seduta utile (la chiusura sar il 7 maggio), voter la lista Ten delle nuove opere per la rete di trasporto transeuropea. Forse, Ponte compreso. Nella precedente votazione - come si ricorder - il Ponte sullo stretto di Messina era stato depennato con un emendamento votato da verdi, socialisti europei, sinistra unitaria e una parte dei liberali che aveva ottenuto 231 voti contro 198 a favore del Ponte.

Il Ponte era stato inserito, come per ovviare a una dimenticanza, nella linea tutta ferroviaria Berlino-Palermo. Berlino-Palermo era il primo dei 29 progetti che avevano il compito di ridisegnare il sistema dei trasporti terrestri nella grande Europa nel primo quarto del secolo. Al momento di nominare il Ponte negli appositi comitati si era aggiunta la parolina road (Rail/road bridge over the Strait of Messina-Palermo 2015), in modo surrettizio. Una strada ferrata con un Ponte anche stradale, monumentale per. Giusto quindi rimettere le cose a posto e cancellare il Ponte dai progetti europei. Il Parlamento europeo ha poteri assai limitati, in un triangolo i cui lati forti sono la Commissione (Prodi) e il Consiglio, cio i governi. Prima i governi, in sede tecnica (Coreper, comitato dei rappresentanti permanenti presso l'Ue) e poi gli incontri informali delle tre parti hanno in buona sostanza confermato la presenza del Ponte anche stradale nel progetto ferroviario. E l'esito del voto non sar tale da rovesciare il Ponte nelle acque ribollenti dello stretto immaginario Messina-Palermo.

Son per tutt'altro che pessimisti i parlamentari Monica Frassoni capogruppo dei verdi e Claudio Fava dei ds-pse che hanno tenuto ieri una conferenza stampa nella sede del Wwf romano per fare un quadro della situazione. Entrambi prevedono che il voto del parlamento di Strasburgo, in uno dei suoi atti finali di legislatura, sar di nuovo una bocciatura del Ponte. Il regolamento richiede per una maggioranza assoluta del parlamento per rovesciare la volont dei governi e i 314 voti necessari, corrispondono a circa 2/3 dei parlamentari che si ritiene parteciperanno alla seduta. Un limite difficile da raggiungere. E' molto importante per mettere un'altra volta di fronte agli europei che la scelta del Ponte un errore tecnico, ambientale, economico e finanziario.

Il Ponte, hanno ripetuto Frassoni e Fava, e cos anche Stefano Lenzi del Wwf, una struttura paradossale. Ci sar (?) tra una decina di anni e nel frattempo serviranno i trasporti marittimi per andare da una parte all'atra in modo comodo. Trasporti che poi dovranno essere cancellati affinch il Ponte non abbia concorrenza. Nel 2030 dovranno infatti passare sul Ponte 100mila autoveicoli al giorno per mettere almeno in pareggio l'opera monumentale; le previsioni pi ottimistiche ne prevedono 18mila. In queste condizioni che sono ben note ai banchieri di ogni estrazione, ai fondi d'investimento e in genere ai possibili finanziatori dell'opera, del tutto improbabile che si formi un consorzio di finanziatori.

Lo stato italiano si dovr accollare l'intera spesa, proprio come nel caso dell'alta velocit che vede l'Italia sotto accusa davanti all'Europa. Senza considerare i guasti ambientali; senza considerare che il Ponte insisterebbe in un territorio carente di autostrade e ferrovie adeguate e quindi difficilmente raggiungibile (tra l'altro i collegamenti ferroviari al Ponte non sono previsti, non hanno finanziamenti e non hanno ottenuto la valutazione di impatto ambientale). I governi hanno fatto avanzare i progetti (probabilmente 29, ma il numero non sicuro) in una commissione presieduta dall'antico commissario Ue alla concorrenza Van Miert. Il rappresentante italiano, tanto per fare un esempio, Ercole Incalza, gi amministratore delegato della Tav, l'alta velocit, e ora consigliere stretto del ministro Pietro Lunardi. Tra di loro, sono d'accordo. Ma gli altri?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news