LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il caso Venezia
Natalia Aspesi
la Repubblica 17-APR-2004

MILANO — Biennale Cinema nel caos per ragioni politiche o di poltronissime o di sottobosco o anche di fidanzate invadenti e persino, per raramente, culturali ed etiche. Protagonista adesso il recidivo consigliere Valerio Riva, geniale casinista d'area centrodestra (per nel Cda in grado di attaccare tutti, anche i pi centrodestristi). Riassunto: il 10 marzo il nuovo presidente Davide Groff nomina direttore della Mostra gi in affanno per i precedenti tafferugli istituzionali (via il presidente Bernab, via il direttore cinema De Hadeln, rei di aver fatto bene il loro lavoro), Marco Muller, ex direttore dei festival di Rotterdam e Locamo, e anche produttore per Fabrica e in modo autonomo, di film superpremiati del tipo etnico-miserando. Il suo curriculum piace al cda che aveva gi i capelli ritti in testa pensando ai suggerimenti ministeriali (l'attore Giancarlo Giannini). 14 aprile: nuova riunione del cda per ascoltare il programma. Colpo di scena: il consigliere Riva, che aveva caldeggiato Muller contro Giannini, adesso ce l'ha con Muller, ponendo il grave (non per tutti) problema del conflitto d'interesse, essendo Muller produttore. Cda e presidente che non essendo scemi sapevano e avevano gi deciso come superare il problema, sospendono tutto e rimandano il litigio al 27 aprile.

Da quando il conflitto d'interesse, riguardando gente molto su, diventato un titolo di merito, per dire la stessa cosa si usa la parola incompatibilit, che pare pi sinistra e quindi la sola riprovevole. La usa Valerio Riva, grande manager culturale e giornalista ospite di II Giornale, il pi infaticabile dei cinque consiglieri della Biennale, che trova irrilevante l'incompatibilit del premier ma non quella di Marco Muller, produttore e nuovo direttore della sezione Cinema. Cavaliere senza macchia alle crociate, se la prende non solo con Muller, ma anche con il suo ministro di riferimento, e riracconta la vecchia storia dell'odio viscerale di Urbani contro De Hadeln per non aver lui trattalo col dovuto riguardo il film di una persona cara se non al ministro, almeno a sue conoscenze.
Io lancio adesso la proposta di sottrarre la Biennale, che la pi importante istituzione culturale italiana, al ministero dei Beni Culturali, che ha dimostrato con Veltroni, Melandri e Urbani di non essere all'altezza. Ritiene che Urbani sia in balia di cordate, di cricche, che nelle cantine del suo ministero si sia insinuata una famiglia di topacci che stanno rodendo tutto. Si sa che Riva bravissimo a creare polemiche e confusione, con indomabile voltagabbanismo: e per esempio dopo aver tuonato contro De Hadeln minacciando le dimissioni, poi non date, per il Leone d'Oro al bel film di Peter Mullan Magdalene, stato il suo maggior difensore quando Urbani lo ha cacciato. Quanto a Muller, apriti cielo subito: Non pu dirigere la Mostra chi ha due case di produzione, di cui una, la Downtown, dovrebbe produrre tre film l'anno con Rai Cinema, uno dei colossi della nostra industria. Deve rinunciare a tutti gli impegni produttivi se vuole fare il direttore.
Poi racconta per la verit un po' confusamente, d'aver incontratosi lamentava per aver dovuto rinunciare a una partecipazione al nuovo film di Sokurov (regista di Moloch bellissimo e sfuggito come la peste dalle platee, in parte finanziato da Fabrica, del cui settore Cinema Muller direttore), imperniato sull'imperatore del Giappone Hiro Hito.
Cosa era successo al povero greco? Rai Cinema e Muller gli avevano soffiato l'opzione. Cui pare per abbiano recentemente rinunciato. E se Muller facesse resistenza a lasciare un mestiere amatissimo per una poltrona precaria, dato che pur essendo il contratto di 4 anni, sempre a causa dell'intervento di Riva, potrebbe essere cacciato dopo uno? Io voglio che Muller resti, ma in questo caso dovr rinunciare alla Mostra, e per non mandarla a monte bisogner nominare chiunque, Giannini, Padre Pio, il mio portiere: tanto c' un direttore di settore, Cuciniello, molto concreto, bravissimo, che si dimostrato meno fumoso di Muller.
Il quale Muller non pare turbato dal gran casino attorno a lui : Io e i miei collaboratori andiamo avanti a lavorare, perch il tempo ormai poco. Riva mi tratta come se fossi un servo sciocco di Rai Cinema ma sulla mia autonomia non si discute. Ho lasciato la carica di presidente della Downtown, ho ceduto le mie quote, ma ancora c' chi pronto a uccidere la Mostra pur di farsi sentire. Spere che non ci sia niente d'incompatibile se, come pare, al Festival di Cannes andr un film tailandese da me prodotto, opera del regista gay Apitchapong.
Muller ha dovuto rimandare la conferenza stampa con i giornalisti italiani, ma ieri ha incontrato la stampa specializzata americana limitandosi a fornire un quadre generale della nuova Mostra. Il programma ancora incomplete e segreto, per spera di ottenere il film di Gianni Amelio Le chiavi di casa, sottraendolo al Festival di Cannes, dalla Francia5.v2diOzon e dagli Stati Uniti The assassination of Richard Nixon con Sear Penn e Naomi Watts.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news