LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

REGIONI. Accordo su rilancio edilizia




Ecco l'accordo Governo-Regioni del 31 marzo 2009 sul rilancio dell'edilizia:




VISTO l'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003 n. 131, che prevede una possibilit per il Governo di promuovere la stipula di intese in Conferenza Unificata dirette, tra laltro, a favorire l'armonizzazione delle rispettive legislazioni o il conseguimento di obiettivi comuni;
RILEVATA l'esigenza, da parte del Governo, delle Regioni e degli Enti locali di individuare misure che contrastino la crisi economica in materie di legislazione concorrente con le Regioni, quale quella relativa al governo del territorio;

VISTO l'accordo delle Regioni e degli Enti Locali in ordine alle esigenze di fronteggiare la crisi mediante un riavvio dell'attivit edilizia favorendo altres lavori di modifica del patrimonio edilizio esistente nonch prevedendo forme di semplificazione dei relativi adempimenti secondo modalit utili ad esplicare effetti in tempi brevi nell'ambito della garanzia del governo del territorio;

RILEVATA l'esigenza di predisporre misure legislative coordinate tra Stato e Regioni nell'ambito delle rispettive competenze;



Governo, Regioni ed Enti Locali convengono la seguente intesa:

Per favorite iniziative volte al rilancio dell'economia, rispondere anche ai bisogni abitativi delle famiglie e per introdurre incisive misure di semplificazione procedurali dell'attivit edilizia, lo Stato, le Regioni e le Autonomie Locali definiscono il seguente accordo.

Le Regioni si impegnano ad approvare entro e non oltre 90 giorni proprie leggi ispirate preferibilmente ai seguenti obiettivi:

a) regolamentare interventi - che possono realizzarsi attraverso piani/programmi definiti tra Regioni e Comuni - al fine di migliorare anche la qualit architettonica e/o energetica degli edifici entro il limite del 20% della volumetria esistente di edifici residenziali uni-bi familiari o comunque di volumetria non superiore ai 1000 metri cubi, per un incremento complessivo massimo di 200 metri cubi, fatte salve diverse determinazioni regionali che possono promuovere ulteriori forme di incentivazione volumetrica;

b) disciplinare interventi straordinari di demolizione e ricostruzione con ampliamento per edifici a destinazione residenziale entro il limite del 35% della volumetria esistente, con finalit di miglioramento della qualit architettonica, dell'efficienza energetica ed utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e secondo criteri di sostenibilit ambientale, ferma restando l'autonomia legislativa regionale in riferimento ad altre tipologie di intervento;

c) introdurre forme semplificate e celeri per l'attuazione degli interventi edilizi di cui alla lettera a) e b) in coerenza con i principi della legislazione urbanistica ed edilizia e della pianificazione comunale.


Tali interventi edilizi non possono riferirsi ad edifici abusivi o nei centri storici o in aree di inedificabilit assoluta.

Le leggi regionali possono individuare gli ambiti nei quali gli interventi di cui alle lettere a) e b) sono esclusi o limitati, con particolare riferimento ai beni culturali e alle aree di pregio ambientale e paesaggistico, nonch gli ambiti nei quali i medesimi interventi sono favoriti con opportune incentivazioni e premialit finalizzate alla riqualificazione di aree urbane degradate.

La disciplina introdotta dalle suddette 1eggi regionali avr validit temporalmente definita, comunque non superiore a 18 mesi dalla loro entrata in vigore, salvo diverse determinazioni delle singole Regioni.

In caso di mancata approvazione delle leggi regionali nel termine stabilito, il Governo e il Presidente della Giunta regionale interessata, congiuntamente, determinano le modalit procedurali idonee ad attuare compiutamente laccordo, anche ai sensi dell'art. 8, comma 1, della legge n. 131/2003.

Entro dieci giorni dalla sottoscrizione del presente Accordo, il Governo emaner un decreto-legge i cui contenuti, saranno concordati con le Regioni e il sistema delle autonomie con lobiettivo precipuo di semplificare alcune procedure di competenza esclusiva della Stato, al fine di rendere pi rapida ed efficace lazione amministrativa di disciplina dellattivit edilizia.

Il Governo e le Regioni ribadiscono la necessita assoluta del pieno rispetto della vigente disciplina in materia di rapporto di lavoro, anche per gli aspetti previdenziali e assistenziali e di sicurezza nei cantieri e la necessit di mettere a punto una procedura che garantisca trasparenza come, per esempio, quella utilizzata per lo sgravio Irpef del 36%.

Il Governo si impegna, inoltre, confermando integralmente gli impegni assunti con l'Accordo sottoscritto con le Regioni in merito al sostegno delledilizia residenziale pubblica, ad avviare congiuntamente con le Regioni e le autonomie locali uno studio di fattibilit per un nuovo piano casa che individui, in aggiunta alle risorse dellAccordo sopra indicato, e compatibilmente con le condizioni di finanza pubblica, risorse pubbliche e private per soddisfare il fabbisogno abitativo delle famiglie o particolari categorie, che si trovano nella condizione di pi alto disagio sociale e che hanno difficolt ad accedere al libero mercato della locazione.

Viene fatta salva ogni prerogativa costituzionale delle Regioni a statuto speciale e delle province autonome.


31/03/2009 23.50.35

allegato







Edilizia: linee generali di intervento in Emilia-Romagna
Edilizia: linee generali di intervento in Emilia-Romagna
Muzzarelli: rispetteremo il territorio

(regioni.it) Dopo laccordo con il Governo sul rilancio delledilizia rispetteremo innanzitutto i beni culturali e lambiente. Lo ha sottolineato Gian Carlo Muzzarelli, assessore della Regione Emilia-Romagna alla programmazione e sviluppo territoriale, presentando le linee generali di intervento:''In Emilia-Romagna rispetteremo il territorio, i beni storico-culturali e l'ambiente. Centrale negli interventi edilizi l'elevata qualita' architettonica, l' utilizzo di fonti di energia rinnovabili nonche' materiali e impianti rispondenti a criteri di sostenibilita' ambientale''.
Si prevedono cos interventi straordinari di qualificazione e recupero funzionale dei tessuti urbani di non elevata qualita' edilizia, individuate dai Comuni secondo le indicazioni generali della Regione: quindi elevata qualita' architettonica che utilizzi fonti di energia rinnovabili, nonche' materiali e impianti rispondenti a criteri di sostenibilita' ambientale. Gli interventi potranno essere inseriti in progetti di riqualificazione dei quartieri per trasformarli in luoghi piu' vivibili, che offrano ai cittadini servizi e infrastrutture adeguate e ambienti di vita piu' sani e sicuri. In particolare saranno regolamentati interventi di ampliamento - anche attraverso piani/programmi definiti tra Regioni e Comuni - per migliorare la qualita' architettonica e/o energetica degli edifici entro il limite del 20% della volumetria esistente di edifici residenziali mono e bifamiliari o comunque palazzi di volumetria non superiore ai 1.000 metri cubi, con un limite massimo dell'incremento volumetrico complessivo pari a 200 metri cubi. Inoltre, saranno disciplinati interventi straordinari di demolizione e ricostruzione con ampliamento di edifici residenziali entro il limite del 35% della volumetria esistente, anche in questo caso con l'utilizzo delle migliori tecnologie per avere qualita' architettonica ed ecologica degli interventi. Gli ampliamenti potranno riguardare solo edifici a destinazione residenziale e edifici non abusivi.
In Emilia-Romagna e' stimato che gli edifici residenziali mono e bifamiliari superino il mezzo milione (su un totale di quasi 900 mila immobili), mentre complessivamente gli appartamenti sono oltre due milioni. Di questi appartamenti uno su quattro ha una superficie tra 80 e 100 mq (il 21% e' tra i 60 e 80 mq e 16% tra 100 e 120 mq) e oltre 625 appartamenti hanno quattro stanze. ''Per quanto riguarda modalita' e tempi di questi interventi - ha aggiunto Muzzarelli - la Regione, con l' apertura di un ampio confronto con l'Assemblea legislativa, le amministrazioni locali e con le forze economico sociali regionali, tradurra' l'accordo nel modo migliore per rispondere agli interessi collettivi della societa' regionale''. Sono gia' al vaglio dell'apposita Commissione assembleare proposte per il miglioramento delle proprie norme urbanistiche ed edilizie per ottenere una maggiore semplificazione del rilascio dei permessi di costruzione e di approvazione dei piani urbanistici (Psc, Poc e Rue). Si tratta proprio di una revisione della legislazione regionale vigente (leggi 20/2000 e 31/2001), anche alla luce dell'esperienza applicativa fin qui condotta, e diretta a ridurre i tempi di elaborazione dei piani, a semplificare i contenuti degli elaborati tecnici, a definire il ruolo dei diversi livelli istituzionali (Regione, Province e Comuni) per evitare duplicazioni e sovrapposizioni ma anche per avere tempi piu' celeri per l'avvio dei lavori.
La Regione, inoltre, ha chiesto al Governo di realizzare un vero proprio Piano casa per rispondere alle esigenze di chi una casa non ha, predisponendo programmi di incremento dell'edilizia residenziale sociale. In Emilia-Romagna, infatti, sono circa 30.000 le famiglie in lista d'attesa per ricevere un alloggio pubblico, mentre nel 2008 sono state ammesse a ricevere un contribuito a sostegno dell'affitto oltre 52.000 famiglie. ''Obiettivo prioritario della Regione, al fine di assicurare la coesione sociale, rimane - ha concluso Muzzarelli - quello di aprire un immediato confronto con gli enti locali ed il Governo, per individuare le modalita' piu' celeri ed efficaci per rispondere alle esigenze abitative di chi la casa non la possiede e non riesce a rivolgersi al mercato dell'affitto''.

(red/02.04.09)


Colozzi: favorire accesso alla locazione con la Cassa Depositi e Prestiti
Conferenza stampa del primo aprile
Colozzi: favorire accesso alla locazione con la Cassa Depositi e Prestiti
Toscana e Piemonte su programmi casa

(regioni.it) Il Piano Casa frutto dell'accordo Governo - Regioni approda subito in Consiglio regionale della Toscana. Mercoledi' 8 aprile l'assessore regionale al Territorio e alle Infrastrutture, Riccardo Conti, informera' i consiglieri su come la Giunta intende procedere in fase di applicazione dei principi previsti nel decreto di semplificazione che il Consiglio dei ministri approvera' la prossima settimana. Il piano per il rilancio dell'edilizia prevede tempi molto stretti di applicazione: le Regioni lo dovranno recepire entro 90 giorni, dunque entro giugno.
La Regione Piemonte risponde in un convegno presentando il secondo biennio del ''Programma casa'' che portera', entro il 2012, 10.000 nuovi alloggi per le fasce deboli con uno stanziamento di 748 milioni di euro. Il primo biennio si e' chiuso nel 2008 assegnando finanziamenti, in totale 306 milioni, per realizzare 5.444 alloggi (destinati a famiglie, anziani, giovani, con particolare attenzione alle fasce piu' deboli di popolazione). Il secondo programma i cui bandi partono domani, portera' alla costruzione di 3.300 nuove abitazioni. Questo a fronte di un fabbisogno regionale di 40.000 abitazioni per dare un tetto a chi non ce l'ha o lo sta perdendo. ''Con questo piano promosso negli anni scorsi e ora in pieno svolgimento - ha detto l'assessore regionale, Sergio Conti, la Regione cerca di dare un aiuto concreto ad uno dei problemi piu' seri che ha l'intero paese. Il primo biennio e' andato molto bene, 619 alloggi sono gia' abitati, ora andiamo avanti. Sono tutti alloggi in affitto per fare fronte ad una cronica mancanza di case in locazione e a prezzi che i piu' deboli possono sopportare''.
Infine Romano Colozzi, coordinatore della Commissione affari finanziari della Conferenza delle Regioni, ha lanciato la proposta di investire nella programmazione di una serie di interventi per favorire l'accesso alla locazione di giovani coppie o famigle in difficolta' economica ''e' la nostra prossima sfida''. Un impegno che ''non mettera' a rischio i conti pubblici, basterebbe ad esempio coinvolgere la Cassa Depositi e Prestiti''. Lo ha spiegatoColozzi, lassessore al Bilancio della Regione Lombardia, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine dell''Unificata' del primo aprile. Colozzi ha sottolineato infatti che sono tre i pilastri sui quali bisogna lavorare: il primo riguarda l' edilizia pubblica, il secondo l'iniziativa dei privati sulla propria abitazione ed il terzo, appunto, quello che riguarda le categorie che non possono sostenere il mercato abitatizioni.

1 aprile: conferenza stampa palazzo chigi:
http://www.governo.it/GovernoInforma/Multimedia/dettaglio.asp?d=43115

Visualizza il filmato con Windows Media Player

Visualizza il filmato con Real Player

Visualizza il filmato con Quick Time
(red/02.04.09)


Veneto: piano vendita alloggi edilizia residenziale pubblica
Veneto: piano vendita alloggi edilizia residenziale pubblica
Marangon: pieno rispetto disciplina in materia di rapporto di lavoro

(regioni.it) Il Veneto dopo aver varato il ''piano casa'' come prima Regione, in anticipo sul provvedimento del Governo nazionale, si accinge adesso a votare per primo un ''piano vendita degli alloggi di edilizia residenziale pubblica'' trasformando gli attuali inquilini delle Agenzie territoriali per l'edilizia residenziale (Ater) in proprietari.
I dettagli dell'iniziativa saranno illustrati domani (venerdi' 3 aprile, alle ore 12.30, a Palazzo Balbi a Venezia), dal presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan. Sara' presente all'incontro con i direttori degli Ater delle sette province il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta.
La possibilita' prevista dall'intesa tra Regioni e Governo di incrementare del 20% il proprio patrimonio immobiliare e' ''pensata per le famiglie'':. Lo ha sottolineato l'assessore per le politiche del territorio della Regione Veneto Renzo Marangon. ''Facciamo leva soprattutto sull'economia familiare - ha spiegato Marangon - offriamo alternative al conto corrente in banca: magari il piccolo proprietario ha paura di affrontare la borsa, e che fa? Compra una macchina nuova?''. L'assessore si e' quindi rivolto ''alle famiglie del Veneto: invece di pensare ad investimenti alternativi, nel preoccuparsi del giusto bilancio familiare e dei risparmi - ha detto - li investanoi nel loro patrimonio immobiliare''.
Riferendosi alla legge regionale veneta - che andra' all'esame dell'assemblea consiliare e che ha costituito il modello dell'iniziativa della Conferenza delle Regioni - Marangon ha detto di prevedere che le possibilita' di ampliamento riguarderanno anche condomini e capannoni. ''Il fatto che le intuizioni venete siano state riconosciute positive da tutte le regioni d'Italia ci inorgoglisce e ci mette nelle condizioni di poter far presto. Speriamo che il consiglio regionale del Veneto approvi la legge con rapida necessita' ed efficienza: riteniamo che sia una boccata d'ossigeno per la nostra economia''.
Per l'assessore veneto alle politiche del territorio Marangon gli ''antidoti'' alle possibili distorsioni nel settore dell'edilizia (dal lavoro sommerso alle infiltrazioni illegali) sono ora contenuti nell'intesa sulla casa Regioni-Governo.
''Governo e Regioni - ha detto Marangon citando l'intesa - ribadiscono la necessita' assoluta del pieno rispetto della disciplina in materia di rapporto di lavoro, anche per gli aspetti previdenziali e assistenziali e di sicurezza nei cantieri''. Ugualmente, condividono la convinzione che sia necessario ''mettere a punto una procedura che garantisca trasparenza come, per esempio, quella utilizzata per lo sgravio Irpef del 36%''. '
''Noi vorremmo dare possibilita' di ampliamento anche a coloro che vivono nei centri storici. Ovviamente l'ultima parola e' alla Sovrintendeza e alle amministrazioni comunali, e se sono beni tutelati ovviamente non se ne parla''. Cosi' l'assessore Marangon:''Ma i centri storici - ha aggiunto - sono una piccola fetta, un francobollo, della potenzialita' che per i 4 mln e 800 e passa veneti viene data per poter incrementare il 20 % e abbattere e ricostruire. Piu' che pensare al centro storico, pensiamo alla nostra campagna, dove moltissimi hanno l'esigenza della stanza in piu' e potranno in questo caso , se la legge verra' approvata, soddisfarlo''. Il massimo e' il 20% del volume, ha ricordato, e il 30-35% della superfice se si abbatte e si ricostruisce con criteri di risparmio energetico: ''ovviamente, se si abbatte e si ricostruisce ci vuole il permesso di costruire e quindi un intervento dal punto di vista urbanistico che ha tutte le caratteristiche della norma e che viene dato dall'amministrazione comunale, che ha il potere di escludere particolari aree di pregio''. Con quelle percentuali, ha sottolineato, ''c'e' la possibilita' di rinnovare molto e di venir incontro ad esigenze pratiche che saranno per l'economia un volano considerevole''.

(red/02.04.09)


Marrazzo: ampliamento cubatura potr riguardare circa 10mila immobili
Marrazzo: ampliamento cubatura potr riguardare circa 10mila immobili

(regioni.it) "Abbiamo fatto uno studio - afferma il presidente della Regione Lazio,Piero Marrazzo - e prevediamo che gli interventi di ampliamento della cubatura potranno riguardare circa 10 mila immobili nel Lazio, per un valore complessivo che va dai 3 ai 5 miliardi di euro".
Secondo Marrazzo "con questo accordo tra governo e Regioni riusciamo a introdurre nella crisi economica un elemento che guarda al futuro. Dare il via all'abbattimento e alla ricostruzione con tecniche di bioedilizia o con l'uso di nuovi fonti di energia, infatti, potrebbe essere una 'rivoluzione' imprenditoriale e della qualita' della vita".
"Nel Lazio il vero piano casa riguardera' la politica degli affitti, l'housing sociale e il sostegno a chi non riesce a pagare il mutuo per la prima casa. Ricordiamoci che l'85 per cento dei cittadini italiani vive in condominio".
"L'intervento previsto dal governo, inoltre, deve correre parallelamente alla ripresa dei lavori pubblici, ad esempio nell'edilizia scolastica, per la quale recentemente abbiamo stanziato 250 milioni di euro, o nell'edilizia sanitaria, per la quale abbiamo destinato 450 milioni di euro". Alla domanda su come si dovrebbe comportare il governo nei confronti delle Regioni che non hanno a disposizione i fondi che ha il Lazio, Marrazzo sottolinea che "e' necessario che il governo stanzi piu' fondi di quelli previsti nel patto per il piano casa".

(red/02.04.09)


Edilizia: Cappellacci e Lombardo
Edilizia: Cappellacci e Lombardo
Nessuna colata di cemento sulle coste

(regioni.it) Il G8 sar unoccasione di rilancio anche per la Sardegna. Lo afferma il presidente della Regione, Ugo Cappellacci. Il G8 di luglio sar un'occasione unica per la Sardegna, sara' una vetrina straordinaria con partecipanti straordinari e saremo in grado di gestire la sicurezza: ha affermato il presidente della Regione Sardegna, che ha parlato anche delle sofferenze della sua terra: in Sardegna ci sono oltre 170 mila disoccupati effettivi, piu' del doppio dei dati Istat.
Non cementificheremo le coste. Il piano per il rilancio dell'edilizia non si tradurr per la Sardegna in una colata di cemento sulle coste. Timori che Cappellacci ha voluto fugare: ''Non vogliamo scaricare cemento sulle coste'', ha assicurato. In Sardegna il territorio ''e' una risorsa straordinaria, non vogliamo disperderla ne' dissiparla'', ha sottolineato Cappellacci. Non c'e' ''nessun atteggiamento filo-cementificatore da parte nostra - ha aggiunto -. Ma siamo convinti che l'ambiente possa essere rispettato con l'intervento dell'uomo e con uno sviluppo sostenibile. La miglior tutela dell'ambiente si ottiene proprio con l'intervento dell'uomo''. Cappellacci ha pero' difeso gli obiettivi di fondo del piano casa messo a punto dal governo, anche guardando alle esigenze specifiche del territorio da lui amministrato. ''La Sardegna - ha ricordato Cappellacci - e' una delle Regioni che ha competenza primaria in materia urbanistica e l'edilizia e' un settore che tiene in vita un sistema'', che da' ossigeno all'economia. In questo senso, il piano casa e' anche un ''vettore di coesione sociale''.
''Non vedo per la Sicilia la necessita' di una grande edificazione aggiuntiva. Penso che il piano casa debba essere soprattutto un'occasione per riqualificare, restaurare e ripulire''. Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo in un'intervista al 'Corriere della Sera' sottolinendo che la Sicilia, poiche' a statuto speciale, ''ha la competenza esclusiva in materia''. ''Abbiamo intere aree della regione - ha spiegato Lombardo - devastate dall'abusivismo. E' evidente che in situazioni di quel genere neppure e' pensabile un aumento delle cubature''. Lombardo ha infine lanciato un messaggio al Governo sulla necessita' di sbloccare i fondi: ''E' indispensabile che lo Stato faccia la propria parte. Per esempio perche' lo scorso 6 marzo il Cipe non ha dato il via libera agli oltre 4 miliardi di fondi per le aree sottoutilizzate (Fas)?''.

(red/02.04.09)

http://www.regioni.it/newsletter/newsletter.asp?newsletter_data=2009-04-02&newsletter_numero=1340#art5


news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news