LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Enti e Regioni: scesi del 33% i fondi per le spese di gestione - I turisti chiedono cultura Ma mancano le risorse
Paolo Fallai
CORRIERE DELLA SERA 20-APR-2004

ROMA mercE preziosa il turista culturale: in tempi di paura crescente e contrazione dei consumi ha continuato a viaggiare e a spendere, tanto da portare nel 2003 l'incremento della spesa delle famiglie per mostre, spettacoli, musei ad un pi 2,1% rispetto al pi 1,2% dell'anno precedente.
Ma soprattutto un turista ricco, che spende fino al 30% in pi rispetto al viaggiatore tradizionale, Sembra la descrizione di una miniera d'oro in un Paese in cui il turismo rappresenta il 5,6% del prodotto interno e quello culturale, da solo, ormai l'I,3%. Invece questo diluvio di cifre nasconde un allarme: ormai poter contare su bellezze sto-riche, artistiche e archeologiche non basta pi. E se non ci sar un'inversione di tendenza nelle politiche di sostegno al settore, ri-schiamo di farci portare via i turisti migliori e i migliori bilanci.
Il cahier de dolance viene dal secondo rapporto annuale Federculture, il sindacato che raggruppa Regioni, enti locali e aziende speciali che si occupano di programmazione e gestione del settore. Insomma l'allarme della rete territoriale, quella che produce ricchezza e che affida alla sua radiografia una serie di dati impietosi: nella Finanziaria 2004 le risorse destinate al ministero per i Beni e le attivit culturali (circa 2.200 milioni) rappresentano lo 0,39% del bilancio dello Stato; la politica di esenzioni fiscali per i mecenati dell'arte fallita, le sponsorizzazioni sono diminuite del 5% e perfino le fondazioni ex bancarie, una delle poche certezze nel mare dell'incertezza che domina le risorse destinate alla cultura, stanno tirando la cinghia e hanno ridotto del dieci per cento, in tre anni, il loro impegno.

L'Italia la Cenerentola europea della Cultura sintetizza il presidente dell'Agis Alberto Francesconi, mentre il curatore del rapporto Roberto Grosso elenca i raffronti con gli altri Paesi europei: il Portogallo destina lo 0,9% alla cultura, la Francia l'l%, la Germania 11,35%. Il rapporto Federculture non lascia molti dubbi: Se l'annunciata vendita dei beni culturali deve servire a fare cassa, inutile. Il problema creare efficaci sistemi di gestione di quello che c'.
Quello che c' invece non sembra funzionare: clamoroso il fallimento delle deduzioni fiscali per le imprese che investono in attivit culturali: dei 70 milioni di euro messi a disposizione nel 2003 ne sono stati versati solo 14 (per 571 mecenati, da Banca Intesa che da sola ha versato 1,6 milioni a un distributore di benzina che ha versato 60 euro). E l'anno prima era andata anche peggio: 90 milioni stanziati, solo 10,4 versati. Ma perch le imprese dovrebbero rinunciare a un vantaggio: perch la norma farraginosa, semisconosciuta e di difficile interpreta-zione. n tetto finanziario viene stabilito di anno in anno spiega Maurizio Barracco, presidente di Federculture e non permette di stabilire se l'erogazione sar interamente deducibile.

Se il ruolo dei privati stenta a trovare una definizione, a dieci anni dall'apertura offerta dalla legge Ronchey, quello degli enti locali chiarissimo: le casse sono vuote. I trasferimenti dallo Stato ai grandi Comuni hanno avuto contrazioni del 10/15%, i piccoli fino al 40%. Eppure il 43% dei musei, il 38,4% dei teatri e il 47% delle biblioteche appartiene agli enti locali che negli ultimi anni ne hanno voluto (e dovuto) riconoscere il ruolo fondamentale di infrastrutture della conoscenza. E nonostante i tagli e le crisi i Musei aperti in Italia negli ultimi quattro anni sono aumentati del 12%, i finanziamenti messi a disposizione dalle amministrazioni sono cresciuti del 4%, ma le risorse a disposizione per le spese di gestione sono crollate del 33%. Vuoi dire una cosa semplice e drammatica: gli enti locali hanno cercato disperatamente di valorizzare il patrimonio, restaurando, ristrutturando, aprendo spazi museali, ospitando mostre che per la prima volta hanno portato l'Italia al primo e al secondo posto della speciale classifica europea, con I Faraoni a Palazzo Grassi e Van Gogh a Treviso. Ma non hanno un euro per pagare le bollette della luce, la stampa dei manifesti e il personale. Difficile da far capire al turista culturale, esigente com'.

pfallai@corriere.it



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news