LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONDONO - OLBIA - Lo scempio di Berlusconi
Umberto Cocco
Il Manifesto, 09/05/2004



Via libera alla maxi concessione edilizia, stop al progetto della figlia
Un no che vale s Il consiglio comunale ha dovuto mediare con altri grandi costruttori. Contro la colata di cemento del cavaliere solo Renato Soru

OLBIA (Sassari)
Un s all'immobiliarista Berlusconi, la concessione a costruire un villaggio in un tratto di costa sinora salvato dal cemento, a sud di Olbia, passa come un no, in queste ore, in Sardegna; viene scambiato per un orgoglioso scatto di dignit dei sardi, persino di Forza Italia che amministra la citt gallurese e che non ha mai nascosto la voglia di stendere i tappeti rossi anche al passaggio di Berlusconi diretto dall'aeroporto alle sue ville al mare. Il consiglio comunale di Olbia ha respinto la richiesta dell'Edilizia Alta Italia, della quale titolare la figlia del capo del governo, Marina, che vuole costruire fra Capo Ceraso e Multa Maria, di fronte all'isola di Tavolara - in un'area miracolosamente intatta, un pascolo per capre, fra un sistema di zone umide - un villaggio di 578 mila metri cubi. I Berlusconi non ci stanno al ridimensionamento delle volumetrie cui una variante del piano di fabbricazione ha costretto il loro progetto. Una variante resa obbligata dalla bocciatura dei piani paesistici territoriali della Sardegna da parte del Tar, che ha costretto anche il comune di Olbia a rivedere la distribuzione delle aree dello sviluppo edilizio. Ma anche una variante dettata dalla pressione di diversi gruppi immobiliari, la Costa Smeralda di Tom Barrack a nord del territorio comunale, sino al confine con Arzachena, e altri interventi programmati da medi imprenditori qua e l lungo la fascia costiera. Cos a dicembre dell'anno scorso, quello che per Berlusconi sembrava un diritto gi acquisito, di costruire la sua Costa Turchese, in concorrenza con la Costa Smeralda, stato messo in discussione anche dai suoi amici sardi. Siamo grati a Berlusconi - ha detto il sindaco di Olbia l'altra notte in consiglio comunale - ma dobbiamo tenere conto anche degli altri. Gli altri sono altri potenti costruttori, dall'americana Colony Capital che possiede ora la Costa Smeralda venduta dall'Aga Khan e che chiede volumetrie per costruire a Razza di Juncu; poi i consorzi delle cooperative che fanno affari a Porto Cervo sponsorizzati da una corrente dei Ds. Il consiglio comunale ha deciso ieri su questo sfondo, fatto di intrecci politica-affari, di respingere le osservazioni dell'Edilizia Alta Italia contro il rimaneggiamento del progetto di Costa Turchese.

Cos il s al cemento passa per un no. Ma da ieri mattina in pratica ha il via libera un progetto di edilizia costiera che sconvolge quel tratto di costa fra Olbia e San Teodoro, che prevede la costruzione delle ville sui bordi degli stagni, pontili sin sulla porta di casa, una colata di cemento e di architetture con lo stile e il gusto di Berlusconi dove sono insediati solo alcuni stazzi, un ultimo capraro, le sue capre al pascolo in questa specie di riserva naturale.

L'opposizione di centrosinistra ha detto lo stesso no, e lo stesso s, della maggioranza. Tutti, i Ds e la Margherita, gli indipendenti, i socialisti. Tutti spaventati dalla possibilit di perdere qualche voto nelle imminenti elezioni regionali nel mondo che considerano ancora largo di chi spera nei cantieri edili per campare o arricchirsi.

Le sole parole nette vengono da Renato Soru. Il candidato del centrosinistra alla presidenza della regione parla della tutela della costa come di una questione decisiva del futuro dell'isola. In consiglio comunale a Olbia in queste notti affannate sembrava gravare su tutti l'ombra di questo imprenditore che non teme di dire di no al cemento anche nelle uscite in Gallura, e che se dovesse vincere le elezioni ha il potere di bloccare la lottizzazione di Berlusconi. Alla societ immobiliare della figlia del cavaliere resta ancora una possibilit, quella che il tribunale amministrativo regionale accolga un ricorso per il recupero delle volumetrie sottratte. Lo hanno presentato nei giorni scorsi i legali dell'Edilizia Alta Italia, alla vigilia del consiglio comunale di Olbia. Bel gesto, alla vigilia del consiglio comunale. Interpellati da un cronista, gli avvocati della famiglia del cavaliere hanno spiegato il ricorso cos: Noi lavoriamo, non commentiamo.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news