LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera aperta al ministro Bondi da Associazione Lettori della BNCF Gianni Isola
24 luglio 2009

IL MANIFESTO BLOG - CULTURALIA: blog delle pagine culturali de il manifesto


Signor Ministro,

le segnaliamo lo stato riprovevole nel quale versa la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, stato che abbiamo gi lamentato con molte iniziative per vari anni, e che avevamo posto direttamente allattenzione del suo Ministero in precedenza, senza ottenere risposta.

La BNCF riduce i servizi al pubblico: lorario, la distribuzione, il prestito; nessuna biblioteca nazionale in Europa (forse nel mondo) ha orari dapertura e di servizi cos brevi: due distribuzioni la mattina (10 ed 11) pi una di pomeriggio (ma solo 2 volte la settimana), lufficio prestito aperto solo 2 ore la mattina (pi un solo giorno fino alle 17.30), banco fotocopie (carissime, ben oltre la tariffa di legge) che chiude unora per pranzo ed infine alle 16.30, gestito da una ditta privata. Non basta: in questi mesi si temuta la totale e definitiva chiusura pomeridiana, e si teme ancora per un prossimo futuro.

Il confronto oggi si impone addirittura con la vicina Biblioteca Comunale di Firenze ristrutturata e potenziata di recente, che apre anche di sera 3 volte alla settimana e nella quale si gode di un orario agevole per distribuzione e prestito: quando i materiali non siano gi sullo scaffale aperto.

Ma ancor peggio, la BNCF priva di personale, priva di denaro, priva di risorse. Altri paesi investono nelle biblioteche, le celebrano con costosi progetti di architetti famosi, dotano questi loro tesori di ogni possibile supporto di personale specializzato, di denaro per lacquisto di nuovi libri e documenti, di risorse e facilitazioni materiali ed immateriali di ogni genere: non qui!

No, qui no. Qui il governo comunque colorato non ci mette una lira n un minuto di impegno da molti molti anni.

Il personale ridotto oggi a 209 dipendenti. A questi si aggiungeranno alcuni nuovi assunti dal prossimo concorso MBAC per 500 posti in tutta Italia (solo 7 andranno allintera Toscana). Personale esterno stato impiegato con contratti di formazione-lavoro, ma questi fondi sono esauriti. Nel 1996 i dipendenti erano 334.

Si sono quindi accumulati negli ultimi 3 anni ritardi enormi nel lavoro di tutti i comparti: la bibliografia nazionale in arretrato, la gestione di 30,000 testate di riviste insufficiente, la catalogazione sprofonda in un arretrato di 150,000 unit.

Il finanziamento per lacquisto di libri e documenti stato decurtato ad E.291,000.00, costringendo ad interrompere molti abbonamenti importanti. Nel 1996 la BNCF era finanziata annualmente con L.1,500,000,000 (ossia E.774,685.35).

Supponiamo perci che anche il progetto per lampliamento della Biblioteca in via Tripoli con una nuova Sezione periodici si sia arenato, dato che non ne abbiamo pi sentito parlare e sappiamo che il quadro strutturale questo.

Il versante che riguarda il pubblico non appare migliore: gli orari ed i servizi insufficienti, le fotocopie troppo care e mal organizzate, gli ascensori chiusi, il caff interno inesistente e le macchinette distributrici bloccate, la puzza a giorni insopportabile che dal seminterrato sale fino allingresso, la luce fioca della Sala lettura, i tavoli sporchi della Sala consultazione, la perdurante assenza di un registro del mancante, il mancato riordino dei magazzini, gli impedimenti alluso dellinternet, ed altro ancora.

Non crediamo che occorra il progetto vistoso dellarchitetto di moda; ma necessario che la Biblioteca funzioni come dovrebbe, secondo il suo programma istituzionale sancito nelle leggi fin dallunit dItalia. Noi crediamo fermamente che la Biblioteca Nazionale di Firenze sia una grande risorsa e non un onere grave, una rarit da coltivare e far crescere, non da reprimere e calpestare.

Il finanziamento statale dovrebbe essere certo e regolare, capace di sciogliere i nodi strutturali fino ad esplicare la sua azione positiva migliorando i servizi agli utenti, come questa Associazione chiede da anni: lapertura quotidiana fino alle 22, distribuzioni pi frequenti, la disponibilit di un registro del mancante, sarebbero allora tra i modi esemplari in cui il funzionamento razionale dellAmministrazione ricade sul pubblico.

Signor Ministro, ci rassicuri con vere iniziative, che avrebbero lappoggio del popolo internazionale degli utenti ed il conforto di poggiare sulla nostra Costituzione. Ci mostri con il suo sostegno che il pessimismo di molti infondato, che il Paese investe nella ricerca e nello studio, che punta sulle sue risorse migliori per superare la crisi attuale.

Aggiungiamo a questa lettera la precedente che avevamo indirizzato al suo Ministero, per farle apprezzare la persistenza di tutti questi problemi e del nostro sconforto.

Cordialmente,

Associazione Lettori della BNCF Gianni Isola

(firmato: Il Coordinatore dott. Pola Poletto)

http://mir.it/servizi/ilmanifesto/cultura/?p=302


news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news