LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ma quali trucchi, la legge è trasparente
Intervista a Giorgio La Malfa

Antonio Troise
Il Mattino 17/06/2002

Finanza creativa? Trucchi contabili per aggirare i vincoli di Mediaset?
Macchè. Giorgio La Malfa, Presidente della Commissione Bilancio della Camera, scuote la testa. Soprattutto perché Patrimonio S.p.a., la società finita sul banco degli imputati dopo le osservazioni di Ciampi a difesa dei beni pubblici, è stata praticamente copiata da quella che già da tempo opera in Germania. "Aziende simili, esistono anche in Austria e in Spagna", ribadisce La Malfa. Che sentenzia: "Se l'Unione europea avesse sospettato qualcosa, sicuramente ce lo avrebbe fatto sapere. Ormai controllano tutto. E, invece, non ci sono stati rilievi". Senza considerare, poi, che finanziare le infrastrutture con il disavanzo non sarebbe alcuno scandalo: "si tratta di opere che hanno una produttività o che possono generare addirittura una remunerazione. In questo caso, è giusto attenuare le rigidità previste dai trattati di Maastricht".
E, allora, da dove nasce il monito di Ciampi? Davvero c'era il rischio che lo Stato vendesse il Colosseo?
"Ma non scherziamo nemmeno. Se ci fosse stato un rilievo sostanziale, il Presidente non avrebbe firmato la legge".
Perché allora il Quirinale è preoccupato?
"Credo che il richiamo di Ciampi a muoversi con cautela su un terreno così delicato sia giusto. Ma sono fermamente convinto che il decreto legge sia equilibrato e trasparente. Gli obiettivi del governo sono due. Primo, valorizzare i beni pubblici. Secondo, utilizzare una parte di questi beni per offrire garanzie sui finanziamenti raccolti dalla Cassa Depositi e Prestiti".
Quali beni potranno essere offerti?
"E' ovvio che fra questi non rientra la Fontana di Trevi. Quale banca offrirebbe denaro in cambio di un qualcosa che non può essere venduto?"
Quindi, prima di partire, occorre definire i beni "inalienabili"?
Certo. Ma anche qui bisogna distinguere. Secondo il codice civile tutti i beni del demanio non possono essere venduti. Ma questo non significa che lo Stato non possa cederli in assoluto. I governi hanno già usato la cosiddetta "sdemanializzazione".
Non è un'operazione rischiosa?
"No. Se un forte militare non ha un valore storico o artistico e non è più utilizzato, lo Stato può tranquillamente metterlo in vendita. E, per gli stessi beni demaniali, non è vietato una loro funzione "economica". Penso, ad esempio, agli arenili dati in concessione. Se la società Patrimonio riesce a valorizzarli e a ottenere canoni di fitto più alti, credo che abbia svolto una funzione positiva".
Allora perché tante polemiche?
"Sono un po' sorpreso dall'evolversi del dibattito. Alla Camera, per esempio, la discussione è stata serrata ma serena. Lo stesso sottosegretario Sgarbi non ha mai sollevato i problemi che poi ha denunciato in seguito".
Il richiamo di Ciampi può frenare il decollo della Infrastrutture Spa?
"Non credo. Non esiste una precisa stima del patrimonio pubblico. Ma stiamo parlando di milioni di miliardi delle vecchie lire. e ci sono sicuramente dei beni che non hanno alcun aspetto culturale o artistico. Si può cominciare da questi. E poi riflettere più tranquillamente sui casi al limite".

http://www.pri.it/giugno/LaMailMattino.htm


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news