LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I falsi miti del cambiamento. Beni culturali nel caos
Dario Nardella
la lente, 24/5/2004

C riformismo e riformismo. Quello del Ministro Giuliano Urbani una sorta di riformismo ossessionante e ossessionato, dettato dallobiettivo di rimettere le mani in tutti i settori della vita culturale del paese per cancellare ogni traccia dellattivit del governo precedente e lasciare un segno a beneficio dei posteri, ad emulazione della celebre stagione delle riforme Bottai del 1939.

Dal codice dei beni culturali alla riorganizzazione del ministero, dalla Patrimonio dello Stato spa al cinema, dagli appalti pubblici alla ripartizione del Fondo Unico per lo Spettacolo, non c angolo delluniverso culturale italiano dove non sia intervenuta una legge, un decreto legislativo, un decreto legge in questi ultimi tre anni. Purtroppo, come noto, nel nostro Paese si cominciano a sfornare leggi e leggine quando non si riesce a risolvere realmente i problemi. E allora sorgono le domande. Serve davvero tutta questa nuova legislazione? Si rispettato il nuovo dettato costituzionale del titolo V modificato nel 2001? E rientrato lallarme della svendita del patrimonio culturale? Si sono risolti gli annosi problemi come lassenza di risorse, la mancanza di organico, linefficienza dei servizi?

Il tema di fondo proprio questo, ossia il rischio che le riforme normative improntate nellattuale legislatura da un lato incidano sul sistema come acqua sulla pietra, dallaltro introducano elementi di ambiguit ulteriori rispetto al passato. Andando per ordine, non v dubbio che il nuovo codice dei beni culturali e del paesaggio entrato in vigore il primo di maggio, costituisce un valido testo in cui si riorganizza e si innova la disciplina previgente. E vero, infatti, che le nuove definizioni di bene culturale e delle funzioni di tutela e valorizzazione (tra di loro profondamente intrecciate) appaiono migliori rispetto al passato e in sintonia con la recente giurisprudenza della Corte costituzionale. vero anche che si introducono per la prima volta articoli espressamente rivolti alla cooperazione tra Stato, Regioni ed enti locali, che si aprono nuovi spazi relativi alla fruizione e alla promozione come nel caso delle sponsorizzazioni e dei progetti con le fondazioni bancarie. Cos come vero che non mancano aspetti negativi e preoccupanti come la conferma dellormai noto meccanismo del silenzio-assenso nella verifica dellinteresse culturale del bene, finalizzata alleventuale alienazione dello stesso, come la permanenza di sedi e strumenti concreti per sostanziare lo stesso rapporto tra Stato e Regioni. Ma al di l di tutto questo permane un difetto di fondo: il nuovo codice vive coma una monade in un sistema di cui si disinteressa, a cominciare dal modello organizzativo. Non a caso negli stessi giorni stata approvata la riforma del Ministero senza alcun riferimento di collegamento, come a dire che le funzioni e gli strumenti siano due ambiti incomunicabili e pertanto da disciplinare in leggi differenti.

Il risultato lassenza di un modello unico, limpossibilit di verificare lefficacia degli strumenti innovativi del codice a causa dei limiti organizzativi dei soggetti competenti, limpedimento a migliorare il rapporto tra i diversi livelli istituzionali per il quale stata s prevista una nuova normativa, salvo dimenticare come attuarla in concreto.

Se poi oltre a questo scenario di riforme aggiungiamo che il proliferare di soprintendenze speciali e di nuovi profili dirigenziali (a proposito cosa succeder con il neo-centralismo regionale del ministero?) non trova alcuna sintonia con un modello organizzativo ministeriale razionale e capace di dialogare con gli enti locali. Che la tradizione e la qualit degli istituti centrali, come lOpificio delle Pietre Dure a Firenze, sono messi a margine. Che la totale indifferenza del Ministro Giulio Tremonti verso la protezione dei beni culturali tender a rimpiazzare le risorse pubbliche con un improbabile modello privatistico di valorizzazione economica del patrimonio. Che finito il tempo per le centinaia di lavoratori precari dei musei di sperare in unulteriore proroga per il loro lavoro. Che gli Archivi di Stato non hanno pi gli occhi per piangere.

Se pensiamo a tutto ci, ci accorgiamo che, pi che lincapacit di disegnare un progetto, vi forse unindifferenza di fondo dellattuale governo rispetto al sistema di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano e a tutto ci che ne consegue in termini di crescita della coscienza critica dei cittadini, come direbbe Massimo Severo Giannini, a proposito del ruolo dei beni culturali nella nostra civilt.


http://www.lalente.net/


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news