LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piani di gestione per il patrimonio Unesco. Assise a Paestum. Bono: l'Italia candidata a diventare il Paese con pi siti
Lillo Miceli
La Sicilia, 26 maggio 2004

PAESTUM. Non basta che l'Unesco dichiari patrimonio dell'umanit alcuni siti di inestimabile valore in tutto il mondo se poi questi luoghi non diventano traino per la promozione di culture e di attivit economiche. Insomma, la conservazione e la tutela importante, ma non sufficiente. Per il governo di questo incommensurabile bene, infatti, occorrono veri e propri piani di gestione in grado di consentire di monitorare gli interventi e poter continuare ad operare sotto l'egida dell'Unesco.
E' questo il tema centrale della seconda conferenza nazionale dei siti italiani iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco che ha preso il via ieri (e si conclude oggi) a Paestum, promosso dal sottosegretario alle Attivit e Beni culturali, Nicola Bono, che lo scorso anno volle celebrare la prima assise a Noto uno dei siti di maggiore interesse tra quelli riconosciuti. In Sicilia, oltre il Val di Noto, fanno parte di questa prestigiosa lista la Valle dei Templi di Agrigento, la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina e l'arcipelago delle isole Eolie. L'Italia, insieme con la Spagna divide il record dei siti riconosciuti: 37 che presto potranno diventare 39, portando l'Italia al primo posto, con la candidatura di altri due siti.
Il piano di gestione, dunque, diventa lo strumento essenziale per il governo del patrimonio culturale riconosciuto dallUnesco. Dicono che il nostro petrolio sia in superficie - ha sottolineato il sottosegretario Bono - i piani di gestione devono diventare la trivella per trasformare questo petrolio in ricchezza. Il turismo culturale, in Italia, incide solo per il 23 per cento. Subiamo la concorrenza internazionale per un problema di costi. Negli ultimi quattro anni abbiamo registrato, a livello nazionale, una perdita secca del 7 per cento. Sono almeno dieci milioni l'anno i fruitori del turismo culturale, ben pochi scelgono il nostro Paese. Pertanto, bisogna migliorare l'offerta e, soprattutto, i servizi.
Il presidente della Regione campana Antonio Bassolino che ha annunciato l'illuminazione notturna dei templi di Paestum, ha portato l'esempio concreto messo in atto dalla sua amministrazione, l'Art Card Campania: Un biglietto integrato che permette di accedere al sistema museale e archeologico della Campania e consente di viaggiare per tutta la rete dei trasporti pubblici regionali. Colleghiamo - ha aggiunto Bassolino - tutti e cinque i siti Unesco e ulteriori 45 siti culturali dell'intera regione. Lo scorso anno sono state ben 145,000 i visitatori della Campania che hanno utilizzato l'Art Card.
Una maggiore sinergia per la proposizione di nuovi siti all'Unesco stata chiesta dal ministro per l'Ambiente Matteoli, il quale, con una punta polemica, ha chiesto di non considerare di secondo piano i siti a carattere prevalentemente naturalistico. Il ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri, da parte sua, ha rilevato che grazie alle moderne tecnologie sar possibile fruire meglio di questo enorme patrimonio, anche di quello che ricade nelle aree svantaggiate del Paese: Mettere insieme il nostro prestigioso passato con le avveniristiche tecnologie del futuro la scommessa del presente. Alla Conferenza dei siti italiani Unesco hanno partecipato anche il presidente della pontificia Commissione per i Beni culturali, mons. Mauro Piacenza, e Francesco Caruso ambasciatore d'Italia presso l'Unesco. A fare gli onori di casa il sindaco di Paestum Pasquale Marino e il presidente della Provincia di Salerno Alfonso Andria.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news