LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Urbanistica. Disegno di legge sul c.d. piano casa in Sardegna, cemento in arrivo.


Inserito il 15/09/09

Disegno di legge sul c.d. piano casa in Sardegna, cemento in arrivo.

Dott.ssa Claudia Basciu


Nei giorni scorsi, la Giunta regionale sarda ha elaborato il disegno di legge concernente "Disposizioni straordinarie per il sostegno dell'economia mediante il rilancio del settore edilizio e per la promozione degli interventi e programmi di valenza strategica per lo sviluppo" ossia, in termini pi sintetici, il cosiddetto "piano casa" ideato dall'attuale governo nazionale con la finalit di limitare gli effetti della pur profonda ma temporanea crisi economica che attraversa l'Italia, mediante l'utilizzo del materiale pi duraturo che l'uomo abbia inventato: il cemento.

Il disegno di legge studiato dalla Regione Autonoma della Sardegna si adegua alla linea fissata dal governo nazionale e prevede come finalit, appunto "il sostegno dell'economia mediante il rilancio del settore edilizio favorendo interventi diretti alla riqualificazione ed al miglioramento della qualit architettonica e abitativa, della sicurezza strutturale, della compatibilit paesaggistica e dell'efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente nel territorio regionale".

Peraltro, dalla lettura del testo proposto dalla Giunta regionale emergono alcune disposizioni a favore del settore edilizio che, se non riviste, rischierebbero di creare delle ottime condizioni, non tanto per un miglioramento qualitativo del patrimonio edilizio esistente, quanto per l'inizio di nuova ondata di speculazione edilizia, con ulteriori colate di cemento, delle quali la nostra Isola, come il resto d'Italia, non ha assolutamente bisogno.
In definitiva, il palliativo per la crisi economica temporanea rischierebbe di diventare la causa di una crisi permanente del nostro territorio e del nostro paesaggio, ossia per le nostre principali risorse le quali, se gestite con rispetto e saggezza, potrebbero costituire un'ottima e duratura fonte di reddito.

Il disegno di legge prevede la possibilit di un incremento volumetrico dei fabbricati ad uso residenziale, agricolo e turistico, con percentuali che vanno dal 20% fino, addirittura, al 30 e al 40%, percentuali, queste ultime, che rappresentano una sorta di "premio di volumetrie" per chi sceglie di ridurre i consumi energetici attraverso l'utilizzo di fonti alternative di energia.

Per quanto riguarda i fabbricati ad uso residenziale, ammesso un incremento volumetrico nella misura massima del 20% delle volumetrie esistenti (art. 2) "anche mediante il superamento degli indici massimi di edificabilit previsti agli strumenti urbanistici e delle vigenti disposizioni normative regionali", con il rispetto di una serie di prescrizioni, tra le quali, per esempio, in caso di tipologie uni-bifamiliari, la possibilit di realizzare nuovi corpi di fabbrica in ampliamento nei diversi piani, sopraelevare o costruire, al solo piano terra, corpi di fabbrica separati dal fabbricato principale; altre prescrizioni sono previste (ancora all'art. 2) per le tipologie edilizie pluripiano e tipologie edilizie a schiera in lotto urbanistico unitario.

Peraltro, come accennato in precedenza, l'incremento volumetrico pu arrivare fino ad un massimo del 30% nel caso in cui i proprietari decidano di realizzare degli interventi finalizzati alla riduzione almeno del 15% del fabbisogno energetico.

Per quanto attiene, invece, gli interventi di ampliamento degli immobili a finalit turistico-ricettiva, il disegno di legge prevede (art. 4) incrementi di volumetrie pari al 10% per quegli immobili situati nella fascia costiera dei 300 metri dalla linea di battigia, ridotta a 150 metri nelle isole minori; inoltre, anche in questo caso, consentito un incremento volumetrico del 20% che pu arrivare al 30% nel caso in cui siano previsti interventi per la riduzione del consumo energetico con una riduzione maggiore del 25% oppure si dimostri che l'immobile rispetti i parametri di cui al d. lgs. 192/2005 ("Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia" e direttiva 2002/91/CE Direttiva 2002/91/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2002, sul rendimento energetico nell'edilizia) e si consegua il miglioramento della qualit architettonica, della sicurezza e della accessibilit.

La percentuale "di base" dell'incremento volumetrico viene, invece, innalzata addirittura al 30% nell'ipotesi di interventi di demolizione e ricostruzione, laddove "la Regione promuove il rinnovamento del patrimonio edilizio ad uso residenziale e di quello destinato a servizi connessi alla residenza, turistico-ricettivo e produttivo esistente mediante interventi di sostituzione edilizia delle costruzioni ultimate entro il 31/12/1989, che necessitino di essere adeguate in relazione ai requisiti qualitativi, architettonici, energetici, tecnologici etc." (art. 5 comma 1). Infatti, in caso di integrale demolizione e costruzione, a condizione che venga migliorata la qualit architettonica, si consente un incremento volumetrico di partenza del 30%, che pu arrivare al 35% qualora siano previsti interventi per il contenimento del consumo energetico, con una riduzione pari almeno al 10%.

Una disposizione specifica , invece, prevista per gli immobili situati nella fascia dei 300 metri dalla linea di battigia (150 per le isole minori) ed in aree di particolare valore paesaggistico o in prossimit di emergenze ambientali, architettoniche, archeologiche o storico-artistiche: al fine di conseguire la riqualificazione del contesto consentita, previa approvazione del Consiglio Comunale e stipula di apposita convenzione, l'integrale demolizione degli immobili ed il trasferimento della volumetria preesistente in un'altra area con destinazione urbanistica compatibile, a condizione che il lotto originario sia ceduto gratuitamente al Comune per destinarlo a finalit pubbliche. L'incremento volumetrico concesso, in questa ipotesi, arriva al 40% in caso di riduzione di almeno il 15% dell'indice di prestazione energetica di cui al d. lgs. 192/2005 e ss.mm.ii. e al 45% nell'ipotesi di riduzione dell'indice di prestazione energetica di almeno il 20%. In ogni caso, la deliberazione del Consiglio Comunale pu prevedere una deroga esclusivamente all'indice di edificabilit e all'altezza.

Ora, alla luce delle disposizioni sinteticamente esposte, pare fin troppo evidente che le misure previste dal "piano casa" sardo, per il sostegno dell'economia, saranno di difficile attuazione per i semplici cittadini e per i piccoli imprenditori i quali, proprio a causa della crisi, probabilmente non avranno le disponibilit economiche e finanziarie necessarie, per esempio, per la realizzazione di nuovi corpi di fabbrica uniti all'installazione di impianti idonei alla riduzione dei consumi energetici o per la demolizione e ricostruzione di nuovi fabbricati con incrementi di volumetrie (salvo rivolgersi all'oneroso sistema bancario sardo, in un momento di forte stretta creditizia e con tutti i rischi del caso o cedere loro immobili a chi ha forti disponibilit di liquidi). Insomma, pare fin troppo chiaro che le misure del "piano casa" rimarranno alla esclusiva portata di grandi imprenditori, per lo pi dediti ad interventi di speculazione edilizia, che intendano portare avanti un'attivit economica basata sullo sfruttamento incontrollato del nostro territorio, con l'incremento di posti di lavoro temporanei ed a bassa redditivit. Non solo.

Le previsioni relative agli ulteriori premi di volumetrie (che, come visto, permettono di arrivare fino al 45% degli incrementi) in caso di installazione di impianti per la riduzione dei consumi energetici, porterebbe alla illogica, incoerente, assurda, conseguenza, da un lato, di tutelare l'ambiente attraverso la riduzione dei consumi di energia e, dall'altro, di imporre allo stesso ambiente un pesantissimo fardello, del quale non potr pi liberarsi per moltissimi anni. Per tali ragioni, necessario fermarsi a riflettere sul futuro che vogliamo regalare alla terra che ci ospita e ai suoi futuri abitanti, senza scordare che il cemento per sempre.

Dott.ssa Claudia Basciu



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news