LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Camera, sì a decreto 'salva-deficit'. Dure polemiche
KWArt 16/05/2002

Approvato il decreto che istituisce una società alla quale lo Stato può trasferire beni per una eventuale vendita. Un emendamento conferma i vincoli per il patrimonio artistico. Ma per Ds e Verdi 'si svende lo Stato’. Il Wwf: ‘a rischio i beni del demanio’. Per la maggioranza non c’è nessun pericolo
ROMA - La Camera converte in legge il “Decreto Tremonti” che istituisce la Patrimonio dello Stato SpA: si tratta di una società alla quale lo Stato può trasferire beni per una possibile vendita per ripianare il deficit pubblico. Il decreto viene approvato con un emendamento dei Ds, accolto a larghissima maggioranza, che chiarisce i limiti di un’eventuale cessione per evitare che siano venduti beni pubblici come la Fontana di Trevi o il Colosseo: l'emendamento dichiara infatti che per i beni immobili, ambientali ed artistici dovranno essere rispettati i requisiti e le finalità propri dei beni pubblici, ovvero che occorre il parere preventivo del ministero per i Beni culturali per il patrimonio storico artistico o degli enti locali territorialmente competenti. Invece i beni del demanio (coste, fiumi, laghi, cime delle montagne e foreste) possono essere trasferiti alla Patrimonio Spa" senza alcun parere preventivo né dai Beni culturali né dagli enti locali. E su questo le associazioni ambientaliste lanciano l’allarme. Ora il provvedimento passa al Senato.
L'approvazione dell'emendamento sui beni artistici ha chiuso solo in minima parte le polemiche: esponenti del centrosinistra temevano che si potessero aprire varchi alla vendita di beni che costituiscono parte integrante dell'identità nazionale (sono stati citati la Fontana di Trevi, la Venere di Botticelli agli Uffizi, le bellissime spiagge o il Colosseo). La maggioranza risposto che nel testo è già previsto che si tratta di un patrimonio "dello" Stato e che il trasferimento alla società "Patrimonio dello Stato Spa" non modifica il regime giuridico dei beni previsto dal codice civile. Il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, pochi giorni fa ha dichiarato pubblicamente, alla presentazione della mostra dell’architetto Zaha Hadid a Roma, che il patrimonio storico artistico non corre alcun pericolo. L'opposizione ha ribadito che la stessa Corte dei Conti aveva espresso perplessità sulla reale tutela offerta da quegli articoli del codice civile.
"Malgrado l'approvazione di una legge profondamente sbagliata, la Margherita ritiene positive alcune correzioni apportate al decreto riguardanti il patrimonio storico-artistico del paese". Lo affermano in un comunicato Enzo Carra, Andrea Colasio e Franca Bimbi. Durissimo è invece il commento di Giovanna Griffagnini, capogruppo Ds in commissione cultura alla Camera: “Questa approvazione è un fatto gravissimo per il nostro patrimonio culturale e ambientale. Tutte le rassicurazioni che il Governo e la maggioranza hanno cercato di dare sull'indisponibilità del patrimonio culturale che passerà alla Patrimonio Spa sono contraddette dal meccanismo perverso che il decreto mette in moto: i beni culturali dello Stato, prima 'trasmessi' a una società pubblica, potranno essere successivamente trasferiti ad altre società, che potranno essere totalmente private. Questa – conclude Grignaffini - si profila come alienazione del patrimonio culturale dello Stato. Ci stanno espropriando della nostra cultura nel silenzio generale". Di tono analogo le dichiarazioni di Paolo Cento, dei Verdi: "Siamo fortemente contrari a questo decreto che consente una vera e propria svendita ai privati dei beni ambientali, culturali e storici del nostro Paese. Una scelta di liberismo selvaggio per fare 'cassetta' e rimpinguare le finanze dello Stato ma che in realtà renderà più povero l'intero patrimonio nazionale. Utilizzeremo tutti gli strumenti possibili per fermare questo scempio voluto dal centro-destra". "Più che una riforma è una vera rivoluzione della concezione del patrimonio dello Stato e delle infrastrutture - dice invece Giancarlo Giorgetti, della Lega Nord, presidente della commissione Bilancio - Con la nascita della Patrimonio Spa l'enorme patrimonio dello Stato che ora annega negli sprechi verrà messo a reddito mentre Infrastrutture Spa farà da volano finanziario per sostenere le spese di investimento pubblico".



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news