LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sulla definizione normativa vigente di ristrutturazione edilizia


C.G.A. Regione Siciliana, decisione 25.05.2009 n 481 (Alessandro Del Dotto)


Gli "interventi di ristrutturazione edilizia" sono quelli che ai sensi dellart. 10 e dellart. 3, comma 1, lett. d), del d.P.R. n. 380/2001 "portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unit immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d'uso", e richiedono il permesso di costruire.

Non sono interventi di ristrutturazione edilizia quelli che consistono, invece, nella realizzazione di un organismo edilizio identico al precedente, senza aumento di unit immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, n, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, mutamenti della destinazione d'uso, che viceversa detto permesso di costruire non richiedono, restando perci soggetti alla disciplina abilitativa semplificata di cui allart. 22 del cit. T.U..

Con una interessante digressione storica delle vicende normative del T.U. delledilizia, il Consesso siciliano ha delimitato (o, quantomeno, ha cercato di delimitare) con precisione il confine che separa un intervento di ristrutturazione edilizia da un intervento diverso, con la conseguente individuazione del regime di titolo edilizio che succede nel caso.

Soffermandosi sulle modifiche intervenute in materia a seguito dellentrata in vigore dellart. 1, comma 1, lett. a), del d.lgs. 27 dicembre 2002, n. 301 (con il quale lart. 3, comma 1, lett. d), del T.U. delledilizia ha visto sostituire le parole successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali, a quello preesistente con ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente), il G.A. dappello ha, pertanto, riconosciuto che gli interventi di ristrutturazione edilizia (soggetti al preventivo rilascio di permesso di costruire) non comprendono fattispecie concrete caratterizzate dalla demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello gi esistente, con eccezione circoscritta dettagliatamente alle innovazioni che si debbano apportare per il rispetto della normativa antisismica.

(Altalex, 10 novembre 2009. Nota di Alessandro Del Dotto)


| ristrutturazione edilizia | Alessandro Del Dotto |

C.G.A.

Sezione Giurisdizionale

Decisione 25 maggio 2009, n. 481

(Pres. Virgilio, Est. De Francisco)

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione siciliana, in sede giurisdizionale,

ha pronunciato la seguente

DECISIONE

sul ricorso in appello n. 918/2006, proposto da

L. E. e W. M. E.,

rappresentati e difesi dallavv. Salvatore Raimondi, presso il cui studio elettivamente domiciliano in Palermo, via N. Turrisi n. 59;

contro

il COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dallavvocato Pietro De Luca, con cui ex lege domiciliato in Palermo, presso la Segreteria della Sezione giurisdizionale di questo Consiglio di giustizia amministrativa;

per la riforma

della sentenza del T.A.R. Sicilia, sede di Palermo (sez. int. I), n. 642 del 27 aprile 2005.

Visto il ricorso, con i relativi allegati;

Visto latto di costituzione in giudizio del Comune di Castellammare del Golfo;

Viste le memorie delle parti a sostegno delle rispettive difese;

Vista lordinanza istruttoria 24 aprile 2008, n. 333;

Visti gli atti tutti del giudizio;

Relatore, alla pubblica udienza del 12 dicembre 2008, il Consigliere Ermanno de Francisco;

Udito altres lavv. S. Raimondi per gli appellanti;

Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue.

FATTO

Viene in decisione lappello avverso la sentenza indicata in epigrafe che nel dichiarare improcedibile il ricorso principale contro il silenzio rifiuto formatosi sullistanza di rilascio di autorizzazione in sanatoria ex art. 13 L. n. 47/85 per la ricostruzione di edificio crollato durante lesecuzione di lavori di manutenzione straordinaria, poich in corso di causa era sopravvenuto allimpugnato silenzio latto di cui appresso ha altres respinto i motivi aggiunti proposti dagli odierni appellanti per lannullamento della nota dellUfficio tecnico comunale prot. n. 4395 del 9 dicembre 2003, recante la comunicazione di rigetto parziale (salvo che per le gi realizzate fondamenta) dellistanza di autorizzazione in sanatoria, nonch la contestuale richiesta di ulteriore documentazione ai fini del rilascio della concessione edilizia, ritenuta necessaria per il completamento della ricostruzione del manufatto.

Giova riferire, pi in dettaglio, che sulledificio degli appellanti erano in corso lavori di manutenzione straordinaria iniziati a seguito di autorizzazione comunale 12 febbraio 2003, n. 16/3. Crollato ledificio in corso dopera, i ricorrenti iniziavano a ripristinarne le fondazioni, poi sospendendo i lavori per lintervenuto sequestro dellimmobile.

Il 24 luglio 2003 i ricorrenti hanno quindi presentato istanza per laccertamento di conformit, ai sensi dell'articolo 13 della legge 28 febbraio 1985, n. 47, in relazione alla rimozione dei detriti a seguito del crollo e alla realizzazione delle strutture di fondazione; nonch per il rilascio di autorizzazione per le opere di completamento della ricostruzione, qualificate come di restauro e di risanamento conservativo, ai sensi dellart. 5 della L.R. 10 agosto 1985, n. 37.

Dopo una prima richiesta istruttoria, non seguivano ulteriori riscontri, sicch si formava il silenzio rifiuto, ai sensi dellarticolo 36 del T.U. edilizio; silenzio che veniva impugnato col ricorso originario.

Infine, con la nota prot. n. 4395 del 9 dicembre 2003 impugnata con motivi aggiunti, il Comune comunicava il parere favorevole della C.C.E. sullistanza di autorizzazione "limitatamente alla demolizione del fabbricato e alla realizzazione del reticolo di fondazione a condizione che prima del rilascio della concessione edilizia venga prodotto il nulla osta rilasciato dalla Soprintendenza di Trapani, oltre ad una apposita relazione geologica e geotecnica al fine di soddisfare quanto disciplinato dallarticolo 9 del D.A. n. 543/2002".

Nel corso del presente giudizio di appello, stata disposta con lordinanza istruttoria 24 aprile 2008, n. 333 lacquisizione del Regolamento edilizio e delle Norme tecniche di attuazione del P.R.G. del Comune di Castellammare del Golfo, nonch di una relazione dello stesso Comune da cui emerga la valutazione circa la compatibilit della ricostruzione delledificio, secondo il progetto presentato dai ricorrenti e alla luce della normativa a esso applicabile.

Espletato lincombente, allodierna udienza la causa stata nuovamente trattenuta in decisione.

DIRITTO

1. Non oggetto di appello la declaratoria di improcedibilit delloriginario ricorso avverso il silenzio, la materia del contendere essendosi concentrata, in pendenza del giudizio di prime cure, sulla nota 9 dicembre 2003, n. 4395, di cui si detto nella narrativa in fatto che precede, nonch sulla relativa impugnazione con i motivi aggiunti, che sono stati tuttavia disattesi dalla sentenza gravata.

2. Come rileva la sentenza gravata, "costituisce oggetto della controversia la corretta qualificazione delle opere che i ricorrenti in parte hanno gi realizzato, ed in parte devono ancora realizzare, in localit Scopello e lidentificazione del relativo regime edilizio".

In punto di fatto, come affermato dalla sentenza di primo grado in difetto di confutazioni in questa sede, risulta definitivamente "acclarato che a fronte di un intervento originariamente previsto di manutenzione straordinaria del preesistente immobile, per il quale stato richiesta e rilasciata autorizzazione ex art. 5 l.r. n. 37/1985 emersa lesigenza, in conseguenza del crollo delle strutture fatiscenti, di procedere ad una demolizione (in realt gi realizzatasi per effetto del crollo) ed alla fedele ricostruzione dellimmobile".

Correttamente riferendo la res controversa, la stessa sentenza rileva che tale intervento ritenuto dai ricorrenti complessivamente ricompreso nella nozione di restauro e risanamento conservativo, ai sensi dellart. 20, I comma, lett. c), della L.R. 27 dicembre 1978, n. 71, ed in quanto tale soggetto ad autorizzazione ex art. 5 L.R. n. 37/1985, cit.; laddove la nota per cui causa mostra chiaramente di ritenere necessaria la concessione edilizia per la riedificazione.

2.1. Sicch la sentenza appellata ritenne di qualificare gli interventi di demolizione e ricostruzione quali "ristrutturazioni edilizie ex lett. d) dellart. 31 l. n. 457/1978, norma del tutto analoga al citato art. 20 l.r. n. 71/1978"; ma escludendo, con la giurisprudenza prevalente, che "il concetto di ristrutturazione desumibile dallart. 31, lett. d), Legge 5 agosto 1978, n. 457, postula necessariamente la preesistenza di un fabbricato da ristrutturare e quindi di un organismo edilizio dotato di mura perimetrali, strutture orizzontali e copertura, sicch la ricostruzione su ruderi costituisce nuova costruzione, la quale richiede unapposita concessione edilizia".

Secondo lesegesi seguita in sentenza, "la ristrutturazione pu, quindi, attuarsi o intervenendo sulla struttura originaria ovvero, quando ragioni tecniche od economiche rendano tale metodologia di intervento eccessivamente gravosa, mediante demolizione e ricostruzione dell'immobile preesistente".

Ad avviso del primo giudice, "nellambito di siffatto principio, [si] richiede che l'organismo interessato ai lavori, pur potendo risultare in tutto o in parte diverso dal precedente, debba rimanere o ritornare il medesimo per forma, volume e altezza".

La sentenza rileva altres che "con riferimento alla disciplina regionale di cui allart. 20 l.r. n. 71/1978, il C.G.A. (nn. 198/1996 e 204/2002) ha ripetutamente affermato che "la ristrutturazione di un fabbricato pu avvenire anche mediante la demolizione di un altro preesistente edificio e la sua successiva ricostruzione nei limiti di quanto autorizzato, purch ci non comporti un'alterazione della tipologia edilizia e della volumetria precedente", con ci consolidando un orientamento seguito anche dal TAR Sicilia secondo il quale "la demolizione e ricostruzione pu farsi rientrare nel concetto di ristrutturazione soltanto ove si tratti di "fedele ricostruzione" ma non anche quando venga realizzato un nuovo e diverso edificio, localizzato su aree diverse, con diversa sagoma, altezza, volume"".

"Alla luce dei superiori sviluppi giurisprudenziali ai quali il Collegio ritiene di dovere aderire perch assolutamente maggioritari rispetto alle pronunzie richiamate dai ricorrenti e aderenti al dettato normativo, che ricomprende nella lett. c) gli interventi finalizzati alla "conservazione" dellorganismo edilizio e nella lett. d) quelli finalizzati alla "trasformazione" non pu trovare accoglimento la prima delle censure dedotte con i motivi aggiunti, volta ad affermare la necessit della autorizzazione, e non della concessione edilizia, per lintervento di demolizione e ricostruzione".

"Per altro, il Collegio [di primo grado] rit[enne] di dover precisare che detto intervento, sia pure soggetto a concessione edilizia, rimane sempre ricompresso nella generale nozione di "recupero del patrimonio edilizio esistente", propria di tutte le tipologie di intervento di cui al citato art. 20 l.r. n. 71/1978, con la conseguenza dellammissibilit della ristrutturazione edilizia anche nella fascia dei 150 metri dalla battigia ex art. 15 l.r. n. 78/1976 (C.G.A. n. 198/1996) e, pi in generale, del suo assoggettamento alla normativa urbanistica sostanziale vigente all'epoca di realizzazione del manufatto oggetto di ripristino e non a quella (successiva) in vigore all' epoca della richiesta di concessione (Cons. Stato V 3.4.2000, n. 1906 e T.A.R. Sicilia - Catania, Sez. I, n. 294/2003)".

3. Il primo motivo di appello reitera, per i surriferiti profili motivazionali, le censure di "violazione e falsa applicazione dellart. 20 L.R. 27 dicembre 1978, n. 71, dellart. 13 L. 28 febbraio 1985, n. 47 (oggi art. 36 T.U. edilizia, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)", di cui al primo dei motivi aggiunti proposti in primo grado ed ivi disattesi.

Con il motivo si sostiene che illegittimamente il provvedimento impugnato "assume , implicitamente ma chiaramente, che linter-vento edilizio di che trattasi sarebbe soggetto alla previa concessione edilizia, e non alla previa autorizzazione".

Il motivo fondato, nei sensi che si passa ad illustrare.

3.1. Giova chiarire che la controversia va decisa applicando, almeno quali parametri ermeneutici, le disposizioni normative recate, allepoca dei fatti (24 luglio 2003), dallart. 3, in relazione agli artt. 10 e 22, del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, per le ragioni di cui appresso.

La Regione siciliana, ai sensi dellart. 14, lett. f), dello Statuto regionale, ha, nella materia dell'urbanistica, competenza legislativa primaria o esclusiva. Nondimeno, molte disposizioni dellordinamento statale sono state recepite nellordinamento regionale, e ci anche per quanto qui rileva nelle materie dellurbanistica e delledilizia.

Lart. 1 della L.R. 10 agosto 1985, n. 37, ha recepito la L. 28 febbraio 1985, n. 47, "ad eccezione degli articoli 3, 5, 23, 24, 25, 29 e 50, con le sostituzioni, modifiche ed integrazioni" ivi previste.

Lart. 9, comma 1, di detta legge n. 47/1985, considerando "le opere di ristrutturazione edilizia, come definite dalla lettera d) del primo comma dellarticolo 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457", mostra di richiamare nellordinamento regionale siciliano quantomeno la definizione di "ristrutturazione edilizia" contenuta nella cit. lett. d) dellart. 31 della legge statale n. 457/1978.

Sicch, con legge regionale posteriore e perci prevalente, tale ultima disposizione stata sovrapposta con effetti da ritenere estesi anche alla successiva "codificazione" operatane dallart. 3 del D.P.R. n. 380/2001; il quale ultimo comunque utilizzabile, almeno come essenziale parametro esegetico della stessa legislazione regionale allidentica lett. d) dell art. 20 L.R. 27 dicembre 1978, n. 71.

Inoltre, lart. 1 della cit. L.R. n. 71/1978 a tenore del quale "sino alla emanazione di una organica disciplina regionale, la legislazione statale e regionale in materia urbanistica si applica con le modifiche e le integrazioni della presente legge" ha recepito nella legislazione regionale fra laltro la cit. legge statale n. 457/1978.

Tornando, per quanto qui rileva, al relativo art. 31 (recante la "definizione degli interventi") e, in particolare, della relativa lett. d) del primo comma agevole osservare che tale disposizione stata trasfusa letteralmente nellart. 20 della cit. L.R. n. 71/1978.

La medesima disposizione stata, quindi, riportata nellart. 3, comma 1, lett. d), del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, con laggiunta nel testo originario di un ulteriore periodo, del seguente tenore: "Nellmbito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali, a quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica".

Lart. 1, comma 1, lett. a), del D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 301 anteriore alla stessa data di entrata in vigore del testo unico (1 luglio 2003) nonch a quella (24 luglio 2003) di inizio della ricostruzione delledificio crollato durante la manutenzione straordinaria ha infine sostituito le parole: successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali, a quello preesistente con le seguenti: ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente.

Sin dal 1 luglio 2003, ai sensi della cit. lett. d) sono, dunque, "interventi di ristrutturazione edilizia, gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti. Nell'mbito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica".

Peraltro, lo stesso art. 1, comma 1, D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 301, ha novellato, con la successiva lett. b), altres lart. 10, comma 1, lett. c), del T.U. approvato con il cit. D.P.R. n. 380/2001, inserendo, dopo le parole ristrutturazione edilizia, le seguenti: che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e.

Per leffetto, il testo di detto art. 10 questo: "Costituiscono interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio e sono subordinati a permesso di costruire: c) gli interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unit immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d'uso".

Correlativamente, lart. 22 del D.P.R. n. 380/2001, gi ab origine, stabilisce che "sono realizzabili mediante denuncia di inizio attivit gli interventi non riconducibili all'elenco di cui all'articolo 10 e all'articolo 6" (questultimo riguardante lattivit edilizia libera).

3.2. Nella relazione ministeriale al D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 301, dato rinvenire alcuni chiarimenti di basilare rilievo esegetico.

"Come noto, la legge 21 dicembre 2001, n. 443 (c.d. legge Obiettivo), introduce numerose e sostanziali modifiche anche alla disciplina concernente i titoli abilitativi occorrenti per realizzare le opere edilizie. In particolare, la citata legge amplia la possibilit di ricorrere alla denuncia di inizio attivit (D.I.A.) includendo tutti gli interventi, ivi compresa la demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma, classificabili nella categoria della ristrutturazione edilizia ".

Ivi si specifica che, ai sensi dellart. 1, comma 14, di detta L. n. 443/2001, il cit. D.Lgs. n. 301/2002 ha inteso "dare adempimento alla richiamata disposizione"; e che "la lettera a) del testo modifica, allinterno della definizione degli interventi di ristrutturazione edilizia, la categoria della demolizione e ricostruzione, la quale per essere compresa in tale categoria occorre solamente che abbia ai sensi dellart. 1, comma 6, lettera b), della legge n. 443 del 2001 la stessa volumetria e sagoma. La lettera b) del testo introduce un richiamo alla definizione di ristrutturazione edilizia, adottata dallart. 3 del testo unico, volto a chiarire che allinterno della categoria generale delle ristrutturazioni edilizie viene richiesto il permesso di costruire solo per gli interventi stabiliti dallart. 10".

3.3. Stima il Collegio che questultimo passaggio della relazione sia davvero dirimente, per la corretta esegesi del sistema vigente; con correlativa inconferenza, a tal fine, della giurisprudenza formatasi in riferimento a vicende anteriori al 30 giugno 2003.

La dichiarata "intenzione del legislatore" che, nella specie, risulta esattamente trasfusa sia nel tenore letterale che nelloggettiva ratio legis espressa del vigente testo unico dunque che "allinterno della categoria generale delle ristrutturazioni edilizie viene richiesto il permesso di costruire solo per gli interventi stabiliti dallart. 10".

Il che equivale a dire che il nuovo discrimen tra gli interventi soggetti e quelli non soggetti a permesso di costruire (ossia al titolo abilitativo edilizio che in Sicilia ancora denominato concessione edilizia) non passa pi come affermato dalla sentenza qui appellata, che per questo ha disatteso il ricorso per motivi aggiunti tra la lettera c) e la lettera d) dei cit. artt. 31 L. n. 457/1978, 20 L.R. n. 71/1978 e 3 D.P.R. n. 380/2001 (nel senso che solo gli "interventi di restauro e di risanamento conservativo" non abbisognano di permesso di costruire, o titolo equivalente, il quale sarebbe invece necessario per tutti gli "interventi di ristrutturazione edilizia").

Tale discrimen , invece, interno alla lettera d) di tutte le citate disposizioni legislative (nazionali e regionali): dovendosi discernere, tra gli "interventi di ristrutturazione edilizia" ivi enumerati, quelli che ai sensi dellart. 10 T.U. cit. "portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unit immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d'uso", richiedenti il permesso di costruire; da quelli che consistano, invece, nella realizzazione di un organismo edilizio identico al precedente, senza aumento di unit immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, n, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, mutamenti della destinazione d'uso, che viceversa tale permesso non richiedono, restando perci soggetti alla disciplina abilitativa semplificata di cui allart. 22 del cit. T.U..

Cfr., parzialmente de eadem re, C.d.S., 11 aprile 2007, n. 1669.

3.4. Nel caso di specie, secondo quanto si gi visto, incontroverso che si rientri nellambito di questultima tipologia.

, infatti, incontroverso tra le parti che per effetto del crollo verificatosi durante un intervento originariamente previsto di manutenzione straordinaria del preesistente immobile, per il quale stato richiesta e rilasciata autorizzazione ex art. 5 l.r. n. 37/1985 si sia inteso dare luogo a una demolizione (in realt gi realizzatasi per effetto del crollo) e alla fedele ricostruzione dellimmobile, per tale quale esso era anteriormente.

La conclusione cui si perviene, dunque, postula che salva la c.d. tolleranza di cantiere, di cui allart. 7 della L.R. 10 agosto 1985, n. 37 ledificio realizzando sia identico, in ogni suo elemento e parametro edilizio, a quello preesistente al crollo del 2003.

Ci posto, limpugnata nota illegittima laddove assume linsufficienza, per la demolizione e fedele ricostruzione delledificio, dellautorizzazione edilizia ex art. 5 L.R. n. 37/1985 cit., a ogni effetto ivi previsto, e richiede invece il previo rilascio di concessione edilizia.

La ricostruzione sistematica che si operata induce infatti a concludere che, anche in Sicilia, con effetto dallentrata in vigore del cit. T.U. n. 380/2001 (ossia dal 1 luglio 2003) il discrimen tra opere soggette e non soggette a concessione edilizia quello sopra tracciato, in tal senso dovendosi interpretare ogni precedente disposizione che ancora faccia letterale riferimento al criterio discretivo anteriore allentrata in vigore delle disposizioni attuative della legge Obiettivo.

4. Con il secondo motivo di appello si reiterano il secondo e il terzo motivo del ricorso di prime cure per motivi aggiunti, lamentando che il T.A.R. solo apparentemente abbia accolto le censure ivi svolte si dice, in sentenza, che "la seconda delle censure dedotte pu, invece, ritenersi fondata, previa verifica della effettiva utilizzabilit dei NN.OO. gi rilasciati dalla Soprintendenza ai BB.CC. e AA. E dallUfficio del Genio civile" in realt demandandosi alla sede amministrativa di compiere accertamenti che in tesi di parte avrebbero dovuto essere svolti dal giudice adito.

Il motivo in quanto sia ancora procedibile, visto quanto si afferma nella nota depositata il 10 luglio 2008, sullistanza degli appellanti "alla Soprintendenza al fine di ottenere un nuovo N.O.", che stata posta a base della loro richiesta di "rinviare di alcuni mesi la trattazione dellappello stante che il richiesto nulla osta, se venisse rilasciato, farebbe venire meno un parte delle censure svolte nel ricorso e riproposte in appello" inammissibile.

Laccoglimento del primo motivo di appello, e il conseguente annullamento del diniego di autorizzazione ex art. 5 L.R. n. 37/85 peraltro soggetta a formazione tacita, ai sensi del relativo III comma, in caso di reiterazione dellistanza dopo lodierno annullamento dei provvedimenti negativi sopravvenuti comporta la restituizione dellamministrazione nellordinario esercizio delle sue competenze di vigilanza sullattivit edilizia, ovviamente da esercitare entro i limiti derivanti dal c.d. effetto conformativo della pronuncia giurisdizionale.

Nellambito dellesercizio di detti poteri che, per principio generale, non pu essere anticipato dal giudice, che sempre interviene ex post a sindacare la legittimit delloperato dellamministrazione, senza poterlo invece pregiudicare ex ante andr verificata, al fine di rilasciare o denegare la predetta autorizzazione, la sussistenza di ogni condizione di legge, salvo quelle oggetto del sindacato giurisdizionale.

Tra le attivit amministrative non ancora svolte n, dunque, sindacabili in via preventiva in sede giurisdizionale sono comprese le verifiche in discorso, relativamente alla effettiva corrispondenza tra i NN.OO. rilasciati agli appellanti dalla Soprintendenza e dal Genio civile e quanto necessario per ristrutturare nei sensi predetti ledificio.

Su tale premessa e stante il generico accoglimento "previa verifica amministrativa" dei motivi di ricorso in trattazione da parte del giudice di primo grado il secondo motivo dappello va dichiarato inammissibile per difetto di soccombenza degli appellanti rispetto allo scrutinio operato in primo grado delle correlative censure ivi svolte.

5. Con il terzo motivo di appello si reitera il quarto motivo del ricorso di prime cure per motivi aggiunti, lamentando la reiezione della censura di difetto di motivazione in ordine alle ragioni per cui lamministrazione comunale ha ritenuto insufficiente lautorizzazione edilizia, stimando invece necessaria la concessione.

Tale motivo di appello da ritenere logicamente, sebbene implicitamente, subordinato allesito negativo del primo motivo risulta assorbito dallintervenuto accoglimento del primo e principale motivo di gravame; essendosi, con ci, stabilita la non necessit della concessione edilizia, non v pi interesse allesame del quarto motivo.

6. In conclusione, lappello va accolto quanto al suo primo e principale motivo; dichiarato inammissibile quanto al secondo motivo; improcedibile, infine, quanto al terzo motivo di gravame.

Si ravvisa, comunque, la sussistenza di giusti motivi per compensare integralmente le spese del doppio grado del giudizio.

P.Q.M.

Il Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione siciliana, in sede giurisdizionale, accoglie lappello nei sensi e limiti di cui in motivazione e per leffetto, in riforma della sentenza gravata, annulla, negli stessi limiti, i provvedimenti impugnati in prime cure.

Spese del doppio grado compensate.

Ordina che la presente decisione sia eseguita dallAutorit amministrativa.

Cos deciso dal Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione siciliana, in sede giurisdizionale, riunito a Palermo in camera di consiglio il 12 dicembre 2008, con lintervento dei signori: Riccardo Virgilio, Presidente, Chiarenza Millemaggi, Ermanno de Francisco, estensore, Antonino Corsaro, Filippo Salvia, componenti.

F.to: Riccardo Virgilio, Presidente

F.to: Ermanno de Francisco, Estensore

F.to: Loredana Lopez, Segretario

Depositata in segreteria il 25 maggio 2009.

http://www.altalex.com/index.php?idstr=4&idnot=48035


news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news