LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GALLERIA REGIONALE DI PALAZZO ABATELLIS: RESTAURO IMPORTANTE PER SVILUPPO SICILIA
Notiziario Marketpress di Gioved 12 Novembre 2009







Palermo, 12 novembre 2009 Riapre oggi pomeriggio (inaugurazione alle 18. 30, poi ingresso gratis al pubblico fino a mezzanotte) la Galleria regionale di Palazzo Abatellis. I lavori sono stati cofinanziati con i fondi del Por 2000/2006. Dopo il restauro e ladeguamento di una delle ali dellantico convento di clausura, il museo propone due nuove gallerie espositive. Palazzo Abatellis ha detto ieri lassessore regionale ai Beni Culturali, Nicola Leanza, nel corso della presentazione alla stampa del museo restaurato - riapre grazie allopera di unequipe di professionisti che hanno lavorato con impegno e attenzione, a cui va il nostro ringraziamento. Con la riapertura del museo, Palermo avr una possibilit in pi per arricchire la sua proposta culturale da offrire ai cittadini e ai visitatori. E un evento importante perch in questo modo la cultura si coniuga con un impatto positivo per leconomia. Ma lobiettivo resta comunque lo stesso: vogliamo coinvolgere anche i partner privati per una fruizione completa che coniughi i beni culturali con il sistema turistico e con lo sviluppo delleconomia del territorio. Entro questanno contiamo di realizzare i bandi per la concessione ai privati che per dovranno presentare progetti di qualit, anche attraverso il project financing. I beni culturali devono diventare punto di attrazione per turisti, famiglie, professionisti e un motore di sviluppo per lisola. Gli interventi hanno riguardato il restauro conservativo dellala storica del Palazzo, quella quattrocentesca, dei suoi prospetti esterni, del cortile, il miglioramento dei servizi e la manutenzione delle sale allestite da Carlo Scarpa nel 1954. stato liberato dalla funzione di deposito lantico parlatorio del Monastero del Portulano (come venne denominato il palazzo dal 1526), facente gi parte della primitiva chiesa di Santa Maria della Piet, acquistato al percorso museale con lesposizione di opere di Vincenzo da Pavia, fra cui una macchina lignea daltare con la sua pala, e utilizzabile per conferenze. Dallala quattrocentesca, dove si pu ammirare lAnnunziata di Antonello da Messina, si accede ai nuovi spazi di quella settecentesca, oggetto di lavori di ampliamento e allestimento coordinati dal Centro regionale per il restauro. Il nuovo percorso espositivo si snoda su due piani (circa 400 mq ciascuno) contrassegnati da pannellature di diverso colore (verde per il primo piano, rosso per il secondo) e costruisce un itinerario attraverso la pittura siciliana dalla fine del Xvi a quella del Xvii secolo. I nuovi lavori hanno riguardato le opere murarie, gli impianti, compresi quelli di sicurezza e di climatizzazione, linserimento di una scala e di un ascensore che collega i vari livelli del complesso e permette la fruizione del museo ai portatori di handicap motori. Per il progetto di illuminazione stato chiamato a collaborare Piero Castiglioni con la collaborazione di Emanuela Pulvirenti, noti lighting designer, adottando particolari ed appositi riflettori, studiati per loccasione, con limpiego di apparecchi a zero emissione Uv, per la corretta esposizione delle opere. Il nuovo allestimento stato realizzato con la cura scientifica di Giulia Dav, attuale direttore di Palazzo Abatellus, con la consulenza di Vincenzo Abbate e con la collaborazione di Evelina De Castro, Santo Cillaroto, Eliana Mauro, Salvatore Pagano. Le Nuove Esposizioni - Cappella Del Portulano, Dove Sono State Esposte Opere Di Vincenzo Da Pavia - Ai nuovi spazi museali si accede sia autonomamente dal secondo cortile, dove ci si pu servire di una scala o di un ascensore, oppure, mantenendo la continuit del percorso, dallultima sala espositiva delledificio quattrocentesco, utilizzata come snodo necessario a introdurre la cultura del tardo manierismo siciliano che si dispiega nellala di ampliamento. In questa sala, che non faceva parte dellallestimento di Carlo Scarpa, si trovano esposte le pi significative opere del Manierismo di marca michelangiolesca presenti nel museo: due dipinti di Vasari, uno di Girolamo Muziano, uno di Marco Pino. Quadreria - La logica espositiva si accorda, in questa sala, alla caratteristica impostazione della quadreria. Ala nuova - Nei nuovi ambienti espositivi, guadagnati al museo con gli ultimi interventi di restauro e di allestimento, trova finalmente modo di mostrarsi quello che pu essere considerato lesito di circa un cinquantennio di studi sulla pittura in Sicilia. Il percorso espositivo si snoda tra la fine del Cinquecento e la fine del Seicento, rendendone chiari alcuni passaggi salienti. La Sala Verde illustra le opere del tardo manierismo di impronta controriformista con la produzione delle due personalit pi definite fra gli artisti siciliani attivi a cavallo fra i due secoli: Giuseppe Alvino, Gaspare Bazzano e Pietro Dasaro. A questi gli esponenti di rilievo della pittura siciliana guardano numerosi altri artisti che arricchiscono il panorama della cultura figurativa siciliana, estremamente ricettiva e in continuo dialogo con quelle pitture e quei pittori non isolani, sui quali la Sicilia continuava ad esercitare grande attrazione e che qui si trovano ugualmente esposti. Il fiammingo Simone de Wobreck, il cremonese Gaspare Fonduli e il toscano Filippo Paladini, attivi stabilmente nellIsola, partecipano a tale congiuntura dinamica e dialettica allinterno di una cultura figurativa che affermava valori comuni a carattere sovraregionale e rigorosamente codificati, esprimendoli con composizioni pittoriche di soggetto prevalentemente devoto, articolate su due piani, quello terreno, che rappresenta la storia e la natura in cui si dispongono i santi, e quello divino sovrastante, luminoso e popolato da figure angeliche. Taluni dei protagonisti di questa congiuntura, come Dasaro e Paladini, arrivarono anche a confrontarsi con la lezione del realismo caravaggesco, spesso risolvendo tale confronto in un ostentato tenebrismo ma variando i moduli compositivi e anche il repertorio, come nel caso della Scena pastorale, attribuita a Pietro Dasaro, in cui la esplicita adozione di tematiche bibliche cede il posto alla rappresentazione di un soggetto apparentemente di genere, forte anche di valenze simboliche. Sala Rossa - Il percorso espositivo incentrato sulla componente caravaggesca. La riconosciuta realt storica della fugace presenza del maestro che non assunse il carattere di fenomeno locale testimoniata dalla presenza di opere di autori non siciliani, a partire dalla copia della Cena in Emmaus conservata presso la National Gallery di Londra, interpretata con una livida gamma cromatica di ascendenza nord italiana. La presenza di Caravaggio determin anche a Napoli una scuola locale, qui rappresentata dallAmore dormiente di Battistello Caracciolo. A Roma la componente caravaggesca ebbe fra i maggiori protagonisti il francese Simon Vouet, autore della Santagata liberata dal carcere, da lui e dai suoi aiuti replicata in alcuni esemplari molto apprezzati dal collezionismo privato del tempo. Con grande forza altre sollecitazioni si impressero nella cultura siciliana del primo trentennio del Seicento e su tutta quella vandichiana e rubensiana. Ne danno prova il Compianto, la Madonna del Rosario e soprattutto la Santa Rosalia, pure riconducibile ad Antony van Dyck, della quale lartista fiammingo, trovandosi a Palermo nei terribili giorni della pestilenza del 1624, propose una nuova iconografia. Protagonista di questa stagione che vide i fondamentali apporti del realismo napoletano, da Ribera e da Battistello, integrarsi alla incisiva presenza vandichiana e alla circolazione di stampe rubensiana fu Pietro Novelli le cui opere, grandi e articolate pale daltare e dipinti di soggetto mitologico, hanno compiuto e alto livello stilistico e formale e costituiscono la risultante di tale processo. A seguire, gli sviluppi della cultura figurativa nel corso del Seicento annoverano le opere prodotte dalle successive generazioni di pittori caravaggeschi stranieri, fra i quali il fiammingo Mattia Stomer, trapiantato in Sicilia. La linea pi marcatamente barocca, in chiusura del percorso, si dipana attraverso i dipinti di Luca Giordano, Mattia Preti e di interpreti messinesi quali Agostino Scilla. .



news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news