LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Condono edilizio: i paletti della Consulta
8/7/2004 www.edilio.it


Il 28 giugno scorso, con il deposito di tre sentenze (196, 198, 199/2004) e una ordinanza (197/2004) la Corte Costituzionale ha sciolto la riserva sulla questione della legittimit del terzo condono edilizio, varato dall'articolo 32 del Decreto Legge 269/2003, successivamente convertito dalla Legge 326/2003.

La prima sentenza 28 giugno 2004, n. 196, relativa ai ricorsi presentati da numerose Regioni (Emilia-Romagna, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Lazio, Toscana, Umbria e Basilicata) contro l'articolo 32, riconosce da un lato l'ammissibilit in linea di principio del condono edilizio in quanto misura straordinaria, e dall'altro, dichiara l'illegittimit costituzionale di una serie di norme che ledono le competenze legislative regionali in materia.

Se infatti il condono edilizio rientra nel governo del territorio, materia di legislazione concorrente Stato-Regioni, in cui lo Stato ha il potere di fissare i principi regolatori fondamentali e le Regioni viceversa sono competenti ad emanare la relativa normativa di dettaglio, l'articolo 32 risulta invasivo della sfera legislativa regionale in numerosi punti.

Inoltre, la Consulta precisa che, stante la competenza esclusiva del legislatore nazionale in tema di ordinamento penale, sul piano della sanatoria amministrativa ''i vincoli che possono legittimamente imporsi all'autonomia legislativa regionale non possono che essere quelli ammissibili in base al nuovo articolo 117 della Costituzione''.

Spettano allo Stato: la previsione del titolo abilitativo in sanatoria; il limite temporale di realizzazione delle opere condonabili; la determinazione delle volumetrie massime e dei fenomeni condonabili.

Sulla base di questi principi generali, le Regioni hanno il compito di articolare e specificare le disposizioni sul condono.

Queste, in particolare, le norme dell'articolo 32 dichiarate incostituzionali:

- il comma 26 nella parte in cui non attribuisce alla legge regionale il potere di determinare la possibilit, le condizioni e le modalit dell'ammissibilit a sanatoria di tutte le tipologie di abuso edilizio individuate nell'allegato 1 del D.L. 269/2003 e non solo delle tipologie 4, 5 e 6 (restauro e risanamento conservativo realizzati in assenza o difformit dal titolo abilitativo nei centri storici e nelle altre zone omogenee del territorio comunale, manutenzione straordinaria realizzata in assenza o difformit dal titolo abilitativi, opere o modalit di esecuzione non valutabili in termini di superfici o di volume)

- il comma 25 nella parte in cui non attribuisce alla legge regionale di cui sopra anche la possibilit di ridurre i limiti volumetrici previsti

- il comma 14, relativo alla sanatoria delle opere realizzate su aree di propriet dello Stato o facenti parte del demanio statale, nella parte in cui non attribuisce alla legge regionale il potere di applicare i possibili limiti diversi anche a questi interventi

- l'inciso ''entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto'' del comma 33: la Consulta ha ritenuto incongruo il termine perentorio di sessanta giorni accordato alle Regioni per legiferare e ha dichiarato la conseguente necessit di un nuovo termine determinato tenendo conto della complessit delle scelte rimesse alle stesse;

- il comma 37 nella parte in cui non attribuisce alle Regioni il potere di disciplinare in modo diverso gli effetti del silenzio del comune sulla domanda di condono protratto oltre il termine di ventiquattro mesi;

- il comma 38 nella parte in cui prevede che sia l'allegato 1 del D.L. 269/2003 e non la legge regionale a determinare la misura dell'anticipazione degli oneri concessori e le relative modalit di versamento;

- conseguentemente l'allegato 1 nelle parti in cui determina la misura dell'anticipazione degli oneri concessori e le relative modalit di versamento.

Lo Stato dovr inoltre ridefinire i termini entro i quali dovranno essere presentate le domande di condono e pagati i restanti importi dell'oblazione e degli oneri di concessione, dando indicazioni anche sulle domande gi presentate ed i relativi effetti.

Quanto alla sentenza 198/2004, si segnala la statuizione della Corte Costituzionale in merito ai rapporti fra Stato e Regioni nel riparto delle competenze legislative.

I giudici della Suprema Corte hanno affermato infatti l'illegittimit delle leggi regionali varate al solo fine di disapplicare nel proprio territorio la legge dello Stato ritenuta illegittima, se non addirittura solo dannosa o inopportuna, anzich impugnare la normativa davanti alla Consulta stessa.

Lo Stato e le Regioni non possono sottrarsi all'ordinamento costituzionale ed alle procedure da questo predisposte, risolvendo ''in via diretta'' i conflitti insorti fra loro.

Anche alla luce di tali considerazioni, pertanto, le Regioni le cui leggi sono state dichiarate incostituzionali (Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Toscana, ma anche l'atto di indirizzo della Campania) dovranno legiferare nuovamente, mentre le leggi regionali che hanno disapplicato parzialmente il condono dovranno comunque essere sottoposte ad una verifica in base a quanto statuito dalla Corte e dalle conseguenti modifiche normative.

La Corte pone in risalto la differenza tra il condono edilizio, avente carattere temporaneo ed eccezionale, e l'istituto a carattere permanente del permesso di costruire in sanatoria disciplinato dal Testo Unico Edilizia.

Tale secondo istituto relativo agli abusi formali, ossia agli interventi eseguiti in assenza di titolo ma conformi alle prescrizioni urbanistiche vigenti al momento della realizzazione dell'opera e della presentazione della domanda di accertamento in sanatoria.

La legge regionale attuativa del condono edilizio non dovrebbe quindi riproporre tale forma di abuso formale, il quale gi disciplinato a regime dalla normativa vigente ed in base a presupposti diversi, per cui non sarebbe giustificata la sovrapposizione di norme relative al condono.

L'oggetto principale del condono sono, invece, gli abusi sostanziali, ossia quelli in contrasto con le prescrizioni urbanistiche.

Non a caso, la Corte si limita in proposito a un inciso nel quale afferma che ''di fatto'' (e quindi non di diritto) il condono esclude o limita fortemente il permesso di costruire in sanatoria a carattere ordinario, quasi a voler rinviare alla scelta discrezionale dell'interessato.

Nell'esercizio dei loro poteri le Regioni dovranno omogeneizzarsi il piu` possibile e, attenendosi al principio di leale collaborazione istituzionale, evitare che si crei una spaccatura troppo netta fra sanatoria penale ed amministrativa.

A tal fine, il legislatore regionale potrebbe opportunamente introdurre un distinguo tra nuove costruzioni ed ampliamenti.

In considerazione dei contrasti interpretativi gi sorti, necessario che venga, altres, individuata ai fini della sua classificazione la tipologia di abuso cui ricollegabile il mutamento di destinazione d'uso, con o senza opere, in presenza o meno di una legge regionale che abbia disciplinato la materia.

Nelle leggi regionali attuative dovrebbero essere considerati unitariamente ai fini della condonabilit tutti gli interventi sul patrimonio edilizio esistente dalla manutenzione straordinaria alla ristrutturazione edilizia, alla luce anche dell'evoluzione della legislazione statale in materia.

La rilevata illegittimit della fissazione da parte dello Stato di un termine perentorio per l'esame delle domande di condono, non deve indurre le Regioni ad omettere la previsione di una data certa per il compimento dell'istruttoria nel rispetto della L. 241/1990.

Ove le Regioni non esercitino la potest legislativa entro i termini che saranno loro assegnati, trover applicazione la normativa statale con le modifiche ed integrazioni che saranno approvate dal Parlamento a seguito della pronuncia della Corte.

La Corte indipendentemente dal condono torna anche sulla nozione di governo del territorio oggetto di legislazione concorrente (gi affrontata con la sentenza n. 303/2003), ribadendo che vi rientrano l'urbanistica e l'edilizia, ossia tutto ci che attiene all'uso del territorio e alla localizzazione di impianti o attivit, cio tutto ci che consenta di identificare e graduare gli interessi in base ai quali possono essere regolati gli usi ammissibili del territorio.



www.edilio.it/news/edilionews.asp?tab=Notizie&cod=7975


news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news