LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piovono calcinacci, chiude Castel S. Angelo
Lauretta Colonnelli
Corriere della Sera - cronaca Roma 9/7/2004

Castel Sant'Angelo chiuso per crolli: il pesante portone del mausoleo di Adriano stato chiuso ieri mattina verso le undici e non si sa quando riaprir. Tutto dipende dai sopralluoghi che i tecnici della soprintendenza Archeologica e di quella ai Beni architettonici effettueranno oggi. Si dovrebbe capire in mattinata se i pezzi di malta e i frammenti di mattoni che ieri sono caduti proprio davanti alla biglietteria, sono dei piccoli distacchi causati dal caldo eccessivo o se si tratta di qualcosa di pi grave.
A dare l'allarme sono stati i custodi. Il sovrintendente del Polo museale romano, Claudio Strinati, che dal 2002 ha il controllo del monumento, ha chiamato i vigili del fuoco e ha avvertito la soprintendenza di Adriano La Regina e quella di Roberto Di Paola, responsabili anch'essi dell'edificio per le rispettive competenze. E ha fatto chiudere immediatamente il museo. I visitatori che erano gi all'interno sono stati fatti uscire dalla parte opposta a quella dove erano avvenuti i crolli.
I vigili hanno appurato che si tratta di distacchi avvenuti nella parte romana del cilindro, ovvero nella parte interna delle mura, precisa Luigina Di Mattia, storico dell'arte e funzionario direttivo del museo. Ora bisogna eseguire verifiche pi accurate. Credo che il museo rester comunque chiuso per qualche giorno. All'ultimo momento si deciso di riaprirlo invece per l'appuntamento notturno, dato che le terrazze del Castello, dopo il fortunato esperimento dello scorso anno, erano aperte dal 18 giugno, tutte le sere fino a mezzanotte, per la manifestazione che vede in scena 25 spettacoli distribuiti tra i bastioni e i cortili. La biglietteria degli spettacoli all'esterno dell'edificio, l'ambulacro stato transennato e gli spettatori vengono fatti entrare direttamente dalla cordonata di Paolo III, spiega Di Mattia, assicurando che comunque Castel Sant'Angelo non corre pericoli. Si tratta di piccoli problemi dovuti alla scarsa manutenzione per mancanza di fondi, minimizza. Eppure non la prima volta che scatta l'allarme. A dicembre del 2000 piovvero calcinacci nelle due sale di Clemente VII (1523-1534): si scopr che le travi del soffitto, ancora le stesse del '500, erano divorate dai tarli e che era a rischio anche la sala soprastante, detta del Perseo, che si trova al secondo piano e un tempo era lo studio privato di Paolo Farnese III (1534-1549). Le sale vennero chiuse e furono stanziati circa 900 milioni di vecchie lire per i restauri. Ora sono praticamente finiti - annuncia La Mattia - e i locali dovrebbero riaprire presto.
I visitatori potranno cos rivedere finalmente una delle stanze pi belle del Castello, con le pareti percorse dal fregio dipinto da Perin del Vaga, raffigurante il mito di Perseo. E potranno ammirare di nuovo le opere conservate nelle stanze di Clemente VII, che conservano dipinti come il San Girolamo in meditazione di Lorenzo Lotto (1509), la Madonna con Bambino e Santi di Luca Signorelli (1515-1520).


storia
VOLUTO DA ADRIANO
Da Mausoleo a fortezza, da prigione a sontuosa residenza papale: ecco in sintesi la storia di Castel Sant'Angelo. ' stato l'imperatore Adriano a ordinare la realizzazione di un'opera che ricordasse il suo amore per l'arte, la filosofia e i fasti delle monarchie orientali: i lavori cominciano nel 123 d.C.
DA TOMBA A ROCCAFORTE
Nel 403 d.C. dopo l'inserimento nelle Mura Aureliane il monumento diventa una roccaforte dalle enormi capacit difensive che riesce a resistere addirittura all'assedio dei barbari nel 537, prima i Visigoti e poi gli Ostrogoti
DA FORTEZZA A SEDE DEI PAPI E' nell'anno 590 che la tomba di Adriano cambia nome e diventa Castel Sant'Angelo: secondo la leggenda l'arcangelo Michele annuncia a Papa Gregorio Magno la fine della pestilenza. La visione simboleggiata dalla statua dell'angelo, fatta in bronzo, in cima al monumento
DAI PATRIZI AL VATICANO
Nel XV e XVI secolo il Castello passa nella mani di alcune famiglie patrizie prima di diventare una propriet del Vaticano, che effettua lavori di ristrutturazione: si potenzia l'aspetto militare e gli interni vengono arredati in modo sontuoso, diventando cos simbolo di potenza e di rinnovata autorit della Chiesa, dopo l'esilio avignonese e lo scisma d'Occidente
IL MUSEO: ARMI E FREGI
Oggi il monumento viene utilizzato come museo: oltre a una collezione di armi antiche, sono visibili ai visitatori i fasti dell'epoca papale (stucchi, fregi, affreschi, arazzi e ceramiche). Dalla terrazza, che i telespettatori ricordano per avere ospitato le melodie della Tosca di Puccini, si pu ammirare uno dei pi bei panorami di Roma.



news

26-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news