LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA: Castel S. Angelo, vittima della burocrazia.
L. Colonnelli
10-LUG-2004 CORRIERE DELLA SERA, Cronaca Roma



II monumento, fra i pi visitati in Italia, incassa 3 milioni e mezzo di euro l'anno, che per finiscono al ministero
--------------------------------------

Il sovrintendente Strinati Crolli? Pochi soldi, problemi anche al sistema antincendio

Castel Sant'Angelo riapre questa mattina. Ieri sera, dopo una lunga giornata di sopralluoghi e riunioni, i responsabili della Mole Adriana hanno deciso di consentire di nuovo l'accesso ai visitatori. Alla fine sono bastati due piccoli cambiamenti: la chiusura dell'area dove sono avvenuti i crolli e il ripristino della vecchia bi-
glietteria, a sinistra dell'ingresso. I tecnici della Soprintendenza archeologica e di quella ai Beni architettonici, che hanno la competenza sulla struttura dell'edificio, hanno osservato i pezzi di mattoni che due giorni fa si erano staccati dal cilindro romano cadendo proprio davanti alla biglietteria e alla fine hanno deciso che non c' nessun pericolo per i visitatori, purch restino lontani dall'area a destra dell'ingresso. Castel Sant'Angelo uno tra i musei pi importanti d'Italia, da solo attira circa 700 mila visitatori all'anno.

------------------------------------
II museo riapre, restano le transenne
La direttrice del Castello: fosse per me avrei chiuso tutto fino al restauro completo
Castel San'Angelo riapre questa mattina. Ieri sera, dopo una lunga giornata di sopralluoghi e riunioni, i responsabili della Mole Adriana hanno deciso di consentire di nuovo l'accesso ai visitatori. Alla fine sono bastati due piccoli cambiamenti: la chiusura dell'area dove sono avvenuti i crolli e il ripristino della vecchia biglietteria, a sinistra dell'ingresso.
I tecnici della soprintendenza Archeologica e di quella ai Beni architettonici, che hanno la competenza sulla struttura dell'edificio, hanno osservato i pezzi di mattoni che due giorni fa si erano staccati dal cilindro romano cadendo proprio davanti alla biglietteria e alla fine hanno deciso che non c' nessun pericolo per i visitatori, purch restino lontani dall'area a destra dell'ingresso. anche la parte sottostante la porzione di muro romano non sottoposto a restauro -spiega Luigina Di Mattia, una delle due direttrici del Castellola parte ovest stata consolidata qualche anno fa.
Per essere certi che non avvengano altri incidenti, ci vorrebbero sopralluoghi molto pi complicati: Bisognerebbe installare un'impalcatura e ispezionare il muro centimetro per centimetro.
Insomma tempi lunghi. Di Mattia aggiunge: Fosse per me, avrei chiuso il l'edificio fino a quando non fosse interamente risistemato. n problema che il ministero, da sempre, non ha una linea
Di Mattia: si dovrebbe ispezionare ogni centimetro della parete che ha ceduto
politica culturale. Le risorse, si sa, sono poche: per questo andrebbero concentrate sui monumenti importanti.
E Castel Sant'Angelo non solo tra i musei pi importanti d'Italia, ma da solo attira circa 700 mila visitatori all'anno. Con il biglietto a cinque euro - fa notare Di Mattia - l'introito di circa tre milioni e mezzo di euro. Ma usufruiamo di questa cifra solo in minima parte. Non basta neanche per la manutenzione ordinaria.
Una manutenzione che forse eviterebbe certi allarmismi come quello di quattro anni fa, quando vennero chiuse la sala del Perseo e le due stanze di Clemente vn, perch i tecnici si erano convinti che le travi cinquecentesche che reggevano il solaio fossero sul punto di crollare, rose dai tarli. Abbiamo intrapreso i restauri - racconta Di Mattia - e abbiamo scoperto che le travi sono perfette e senza tarli. Semplicemente si era staccata qualche scaglia di pittura.
L. Col.
-----------------------------

ALCUNI DATI

I visitatori ogni anno

II Museo nazionale di Castel Sant'Angelo meta di tanti turisti per la sua collezine di armi antiche e i ricchi appartamenti papali, ornati da affreschi e arazzi. Dalla terrazza, resa celebre dalla Tasca di Puccini qui Cavaradossi da il proprio addo alla vita si gode uno dei pi bei panorami del centro storico.

II biglietto d'ingresso

II Castello abitualmente aperto da marted a domenica, dalle ore 9 alle 20. Ha diritto a una riduzione chi ha tra i 18 e i 25 anni (2,50 euro). Ingresso gratuito per minorenni, chi ha superato i 65 anni e gruppi scolastici, con prenotazione, accompagnati dai docenti. La biglietteria chiude alle 19

Nel Polo museale
Del Polo museale romano fanno parte: la Galleria Borghese, la Galleria nazionale d'arte antica a Palazzo B.arberini, la Galleria Spada, la Galleria Corsini, il Museo nazionale di Castel Sant'Angelo, il Museo nazionale di Palazzo Venezia, il Vittoriano, il Museo nazionale degli strumenti musicali

Spettacoli serali
Gli spettacoli che ogni sera dalle 20.45 alle 0.45 prendono vita sulle terrazze di Castel Sant'Angelo. Ognuno dura circa trenta minuti. Si esibiscono artisti di vari generi: concertisti di musica folk e classica, maghi, giullari, maestri d'arma, saltimbanchi e burattinai. Si possono ammirare anche mostre di artgianato artistico
---------------------------------------


L'INTERVISTA I soldi arriveranno solo con il nuovo anno
I crolli del muro romano dell'altro giorno riguardano la Soprintendenza archeologica che ha la competenza su quei resti

TURISTI Visitatori al portone d'ingresso del museo di Caste! Sant'Angelo
E vero problema di Castel Sant'Angelo non il crollo di qualche mattone, ma il sistema anticendio, quello delle caldaie e dell'impianto elettrico, quello delle porte di accesso, quello della formazione del personale addetto alla sicurezza. Claudio Strinati, soprintendente del Polo museale romano, che dal gennaio del 2002 lia incorporato la Mole Adriana, elenca gli interventi pi urgenti per l'edificio.

Quanti soldi servirebbero per realizzare questi interventi?

Molti di pi di quanti ne abbiamo a disposizione.

Eppure Castel Sant'Angelo ha una media di 700 mila visitatori all'anno. Con il biglietto a 5 euro, sono tre milioni e mezzo di euro all'anno di introiti.

Gli incassi confluiscono ancora nella con-tabilit tradizionale. Vengono versati al ministero delle Finanze e poi accreditati al ministero dei Beni culturali, che decide come ridistribuirli. Ma le cose dovrebbero cambiare entro la fine del 2004, con l'attuazione della normativa stabilita per i Poli museali.

Che sono operanti dal gennaio 2002. Perch ancora non funzionano dal punto di vista finanziario?
A causa di un meccanismo burocratico molto complicato. Tanto vero che dei quattro Poli museali istituiti in Italia, finora soltanto quello di Firenze ha la tesoreria unica. Roma, Napoli e Venezia ci stanno lavorando.

Come funzioner la tesoreria unica?

Render i Poli effettivamente autonomi. Potranno spendere direttamente i soldi che incassano.
Il Polo di Roma comprende comprende otto musei. Quali guadagnano di pi?

Sicuramente Castel Sant'Angelo il primo in assoluto. Poi viene la Galleria Borghese, al terzo posto la Galleria nazionale di Palazzo Barberini e infine il museo d Palazzo Venezia, n Vittoriano non ha biglietteria. La Galleria Spada, la Galleria Corsini e il mu-seo degli Strumenti musicali di santa Croce in Gerusalemme sono agli ultimi posti.

Dunque gli incassi confluiranno nella tesoreria unica e verranno ridistribuiti tra gli otto musei. Anche in questo caso, i tre milioni e mezzo di euro di Castel Sant'Angelo non verrano usati soltanto per il monumento del lungotevere.

Abbiamo calcolato che gli introiti complessivi saranno abbastanza per fare una politica soddisfacente di protezione, tutela e promozione.

Lei dice che il vero problema della Mole Adriana non il crollo di mattoni. Ma il cilindro romano, dal quale avvenuto il distacco, ridotto in una condizione tale che l'incidente potrebbe verifi-carsi di nuovo.

Ma non un problema nostro, bens della Soprintendenza archeologica, che ha la competenza sulle mura di epoca romana.

Quindi le competenze delle altre soprintendenze restano anche con l'istituzione del Polo Museale.

Certamente, il Polo deve gestire il museo. La soprintendenza ai Beni architettonici ha la competenza sulla statica e sui problemi di architettura.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news